Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29803 del 19/11/2018

Cassazione civile sez. I, 19/11/2018, (ud. 17/10/2018, dep. 19/11/2018), n.29803

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – rel. Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 28135/2014 proposto da:

Ministero Economia Finanze, (OMISSIS), domiciliato in Roma, Via dei

Portoghesi, 12, difeso dall’ Avvocatura Generale Dello Stato ope

legis;

– ricorrente –

contro

S.A., S.S. e V.V., quali

eredi di S.V. (deceduto), elettivamente domiciliati in

Roma, Via di Santa Costanza, 27, presso lo studio dell’avvocato

Marini Elisabetta, rappresentati e difesi dagli avvocati Sasso

Gianluca e Verrillo Ugo, giusta procura a margine del ricorso;

– controricorrente incidentale –

e contro

Ministero Economia Finanze, domiciliato in Roma, Via dei Portoghesi,

12, difeso dall’Avvocatura Generale Dello Stato ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3522/2013 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 09/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

17/10/2018 dal Cons. dott. SAMBITO MARIA GIOVANNA C.;

lette le conclusioni svolte dal P.M., in persona del Sostituto

Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha chiesto

l’inammissibilità del primo motivo del ricorso principale;

l’accoglimento per quanto di ragione del secondo motivo; rigetto del

terzo motivo e del ricorso incidentale.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte: rilevato che:

– con sentenza non definitiva del 5.1.2012, la Corte d’Appello di Napoli, dichiarata la proprietà pubblica dell’area su cui S.V. aveva costruito abusivamente nel 1951 un fabbricato ed ordinatone il rilascio, condannava l’Amministrazione a corrispondere l’indennità ex art. 936 c.c., agli eredi S. e costoro a risarcirle il danno per l’occupazione abusiva del suolo; importi che venivano, poi, determinati con la successiva sentenza definitiva.

– per la cassazione di tali sentenze, hanno proposto ricorso il Ministero dell’Economia e delle Finanze in via principale ed i S. in via incidentale, ed, in vista della trattazione della camera di consiglio, le parti hanno depositato istanze con cui hanno chiesto entrambe un differimento della trattazione della causa, essendo intervenuta una soluzione transattiva della lite.

considerato che va disposto in conformità.

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 17 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 19 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA