Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29672 del 14/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 14/11/2019, (ud. 05/06/2019, dep. 14/11/2019), n.29673

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13-188 2018 proposto da:

B.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MARTIRI DI

BELFIORE 2, presso lo studio dell’avvocato DE PRETIS ANDREA,

rappresentato e difeso dall’avvocato ORSINI FERNANDO;

– ricorrente –

contro

AUCHAN SPA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA OVIDIO 20, presso lo studio

dell’avvocato DI PAOLO LUCA, rappresentata c difesa dall’avvocato

FRASCA SAVERIO FRANCESCO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 411/2018 della CORTE D’APPELLO di LECCE,

depositata il 16/03/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/06/2019 dal Consigliere Relatore DE FELICE

ALFONSINA.

Fatto

RILEVATO

Che:

la Corte d’appello di Lecce, a conferma della pronuncia del Tribunale di Brindisi, ha rigettato il reclamo proposto da B.G., dipendente della Società Auchan S.p.a., sottoposto a licenziamento disciplinare per sottrazione intenzionale di merce aziendale per un valore di Euro 635,52;

la Corte territoriale ha, in particolare, accertato la veridicità dei fatti oggetto di contestazione, motivando che la gravità della dinamica degli episodi riscontrati, pur in presenza di un impossessamento di entità modesta, era comunque tale da far venir meno il vincolo fiduciario con la Società;

la cassazione della sentenza è domandata da B.G. sulla base di un unico motivo di ricorso; la Società Auchan S.p.a. resiste con tempestivo controricorso;

è stata depositata proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

con l’unico motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, parte ricorrente lamenta “Vizio della motivazione per omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti”; il dedotto vizio si riferisce alla circostanza secondo cui, nel confermare la decisione di prime cure, la Corte territoriale avrebbe posto a base del decisum dichiarazioni rese al di fuori del processo da persone indagate a seguito di trasmissione degli atti al PM su richiesta del giudice della fase sommaria, senza aver fornito per ciò alcuna motivazione;

il motivo è inammissibile;

secondo il costante orientamento di legittimità “Nell’ipotesi di “doppia conforme”, prevista dall’art. 348-ter c.p.c., comma 5 (applicabile, ai sensi del D.L. n. 83 del 2012, art. 54, comma 2, conv., con modif., dalla L. n. 134 del 2012, ai giudizi d’appello introdotti con ricorso depositato o con citazione di cui sia stata richiesta la notificazione dal giorno 11 settembre 2012), il ricorrente in cassazione – per evitare l’inammissibilità del motivo di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5 (nel testo riformulato dal cit. D.L., art. 54, comma 3, ed applicabile alle sentenze pubblicate dal giorno 11 settembre 2012) – deve indicare le ragioni di fatto poste a base, rispettivamente, della decisione di primo grado e della sentenza di rigetto dell’appello, dimostrando che esse sono tra loro diverse.”(Cass. n. 26774 del 2016; Cass. n. 19001 del 2016; Cass. n. 5528 del 2014);

in definitiva, il ricorso va dichiarato inammissibile; le spese del presente giudizio, come liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza;

in considerazione dell’esito del giudizio, sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna il ricorrente al rimborso delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 200 per esborsi, Euro 3000 a titolo di compensi professionali in favore della Società controricorrente, oltre spese generali nella misura forfetaria del 15 per cento e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, all’Adunanza camerale, il 5 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 14 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA