Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29666 del 14/11/2019

Cassazione civile sez. trib., 14/11/2019, (ud. 25/09/2019, dep. 14/11/2019), n.29666

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Presidente –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

Dott. MONDINI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. CIRESE Marina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 11772-2015 proposto da:

ROMA CAPITALE, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA V. DEL TEMPIO DI GIOVE 21, presso lo studio

dell’avvocato ROSSI DOMENICO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato CIAVARELLA ANTONIO;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

IRMA DI G.A. & C SAS, elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA GIAN GIACOMO PORRO 26, presso lo studio dell’avvocato

PUGLIESE MARCELLO ANASTASIO, che la rappresenta e difende unitamente

all’avvocato PUGLIESE GUIDO ANASTASIO;

– resistente –

avverso la sentenza n. 6557/2014 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 04/11/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

25/09/2019 dal Consigliere Dott. MONDINI ANTONIO.

Fatto

PREMESSO

Che:

i) la commissione tributaria regionale del Lazio, con sentenza 4 novembre 2014, n. 6557, confermava la pronuncia di primo grado con la quale era stata accolta l’impugnazione dell’avviso di accertamento in rettifica per Ici dell’anno 2005, notificato dal Comune di Roma, poi Roma Capitale, alla IRMA di G.A. e C. sas, e da quest’ultima impugnato nei confronti del Comune e dell’Agenzia del Territorio, facendo valere (per quanto ancora interessa) che la rendita catastale su cui era stata calcolata la maggiore imposta per uno degli immobili a cui l’avviso era riferito (immobile “sub. 504, part. 51”) era stata modificata, senza motivazione, da quella proposta con procedura DOCFA, di Euro 76.394,00, a quella di Euro 88.531,00 e che gli altri immobili, facenti parte di un complesso sito in via Casilina n. 1585, erano divenuti inagibili nell’aprile 2004 talchè la pretesa impositiva relativa al periodo successivo era da ritenersi ingiustificata;

2) l’appello, proposto da Roma Capitale per denunciare che i giudici di primo grado, da un lato, non avevano tenuto in conto il fatto che l’avviso di accertamento non poteva che essere basato sulla rendita catastale definitivamente attribuita al bene “sub (OMISSIS), part. (OMISSIS)”, dall’altro lato, avevano fatto riferimento genericamente al complesso di via Casilina mentre avrebbero dovuto specificare quali, tra i molti immobili del complesso, erano quelli inagibili e avrebbero dovuto indicare le prove della pretesa inagibilità, era rigettato con le seguenti parole: “(la commissione) riconosce la rettifica limitatamente la rendita proposta dalla società ricorrente pari a C 76.394,00. In ordine all’immobile sito in (OMISSIS), riconosce che tale complesso era inagibile … a far data dal 21 aprile 2004 e pertanto ritiene che per tale complesso l’Ici deve essere applicata limitatamente al periodo di uso ovvero fino al 21 aprile 2004”;

3) Roma Capitale ricorre per la cassazione della sentenza della commissione tributaria regionale lamentando, con un primo motivo, sotto la rubrica di “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti (rilevante ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5)”, la sostanziale mancanza di motivazione, essendosi i giudici di appello limitati ad “una mera riproposizione della sentenza di primo grado” e, con un secondo – motivo, la violazione o falsa applicazione della L. n. 342 del 2000, art. 74 e del D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 5, per non avere i giudici tenuto conto del carattere vincolante, sia per il contribuente sia per il comune, della rendita catastale ai fini del calcolo della base imponibile dell’Ici;

4) la società contribuente ha depositato atto di costituzione;

5) con ordinanza 8 febbraio 2019, è stata disposta l’integrazione del contraddittorio nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, subentrata alla Agenzia del Territorio per effetto del D.L. 6 luglio 2012. n. 95, convertito in L. 7 agosto 2012, n. 135;

6) Roma Capitale ha provveduto all’integrazione in modo tempestivo;

7) l’Agenzia ha svolto difese.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

1) il primo motivo di ricorso, assorbente rispetto al secondo, e che, al di là della rubrica (nella quale è fatto riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), prospetta una doglianza, sussumibile sotto l’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, di nullità della sentenza per inosservanza dell’obbligo di motivazione previsto in via generale dall’art. 111 Cost., comma 6, e previsto per la sentenza d’appello nel processo tributario, in particolare, dall’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4, e D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, comma 1, n. 4, e art. 61, è fondato in quanto, come dedotto dalla parte ricorrente, la commissione tributaria regionale, pronunciandosi con le parole riportate al superiore punto 2, ha apoditticamente confermato la sentenza di primo grado e non ha dato conto di aver preso in alcuna considerazione le censure mosse a detta sentenza nell’atto di appello;

2) il motivo deve quindi essere accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata e la causa deve essere rinviata, per nuovo esame, nonchè per la liquidazione delle spese dell’intero giudizio, alla commissione tributaria regionale del Lazio, in diversa composizione.

P.Q.M.

accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese, alla commissione tributaria regionale del Lazio, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 25 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 14 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA