Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29631 del 16/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 16/11/2018, (ud. 05/07/2018, dep. 16/11/2018), n.29631

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. CURCIO Laura – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. LEONE M. Maria – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 7105/2017 proposto da:

S.E., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CALABRIA 56,

presso lo studio degli avvocati GIOVANNI D’AMATO, CARLO GRISPO, che

lo rappresentano e difendono, giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

DEUTSCHE BANK S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI RIPETTA 70,

presso lo studio dell’avvocato MASSIMO LOTTI, che la rappresenta e

difende unitamente agli avvocati FABRIZIO DAVERIO, SALVATORE FLORIO,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5669/2016 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI,

depositata il 23/09/2016 R.G.N. 2742/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

05/07/2018 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE IGNAZIO, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato SALVATORE FLORIO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Con sentenza n. 5669/2016, depositata il 23 settembre 2016, la Corte di appello di Napoli confermava la sentenza di primo grado, con la quale il Tribunale della stessa sede aveva respinto il ricorso di S.E. diretto all’accertamento, con le pronunce conseguenti, della nullità o illegittimità del licenziamento allo stesso intimato, con lettera del (OMISSIS), da Deutsche Bank a motivo di plurime irregolari condotte poste in essere nella qualità di responsabile di filiale.

2. La Corte territoriale osservava, per quanto di interesse, che a seguito della lettera di contestazione del (OMISSIS) lo S. aveva reso le proprie giustificazioni (con nota del 14 febbraio successivo), con la conseguenza che era da escludersi la violazione della procedura disciplinare per omessa concessione del termine a difesa del lavoratore; rilevava ancora come la complessità degli accertamenti seguiti all’ispezione interna del (OMISSIS) rendesse congruo il termine di circa due mesi e mezzo intercorso tra l’acquisizione della documentazione presso la filiale e la formale contestazione degli addebiti.

3. Ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza lo S. con unico motivo, cui la Banca ha resistito con controricorso, assistito da memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con unico motivo, deducendo violazione e falsa applicazione della L. n. 300 del 1970, art. 7 e degli artt. 1175 e 1375 c.c., nonchè contraddittoria e insufficiente motivazione su un fatto decisivo ai fini della controversia, il ricorrente censura la sentenza impugnata nella parte in cui ha escluso la violazione della procedura disciplinare per mancata concessione del termine a difesa del lavoratore e nella parte in cui ha escluso la tardività della contestazione, pur risultando che il datore di lavoro avesse conoscenza dei fatti già nel (OMISSIS).

2. Il motivo non può essere accolto.

3. Al riguardo, e in primo luogo, si rileva che il ricorrente, pur denunciando la violazione della L. n. 300 del 1970, art. 7,anche sotto tale profilo, non ha, in realtà, mosso alcuna censura specifica a quella parte della motivazione in cui la Corte ha escluso “ogni violazione nella procedura disciplinare per omessa concessione del termine a difesa del lavoratore”, dopo avere precisamente ricostruito, con le relative date, la sequenza degli atti (contestazione; giustificazioni del dipendente; licenziamento) che avevano infine condotto alla risoluzione del rapporto di lavoro (cfr. sentenza, p. 2).

4. Si deve inoltre rilevare che la Corte di merito ha compiutamente e analiticamente verificato le attività svolte dal datore di lavoro per avere una completa cognizione delle irregolarità poste in essere dallo S., pervenendo ad una conclusiva valutazione di complessità delle medesime e di conseguente congruità del “termine di circa due mesi e mezzo intercorso tra l’acquisizione della documentazione presso la filiale e la formale contestazione degli addebiti per cui è causa” (cfr. sentenza, p. 3, secondo capoverso).

5. E’ invero consolidato il principio di diritto, secondo il quale il criterio di immediatezza della contestazione deve essere inteso “in senso relativo, dovendosi tener conto della specifica natura dell’illecito disciplinare, nonchè del tempo occorrente per l’espletamento delle indagini, tanto maggiore quanto più è complessa l’organizzazione aziendale. La relativa valutazione del giudice di merito è insindacabile in sede di legittimità se sorretta da motivazione adeguata e priva di vizi logici” (cfr. Cass. n. 14115/2006 e successive numerose conformi).

6. Nè il ricorrente, nel censurare questa parte della motivazione perchè “contraddittoria, illogica e insufficiente”, si è conformato al modello del nuovo art. 360 c.p.c., n. 5, quale risultante dalle modifiche introdotte nel 2012, a fronte di sentenza depositata il 23 settembre 2016 e, pertanto, in epoca successiva all’entrata in vigore della riforma.

7. Al riguardo, le Sezioni Unite di questa Corte, con le sentenze n. 8053 e n. 8054 del 2014, hanno precisato che l’art. 360 c.p.c., n. 5, come riformulato a seguito di tali interventi, “introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia)”; con la conseguenza che “nel rigoroso rispetto delle previsioni dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6 e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, il ricorrente deve indicare il fatto storico, il cui esame sia stato omesso, il dato, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il come e il quando tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua decisività, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sè, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorchè la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie”.

8. In conclusione, il ricorso deve essere respinto.

9. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna il ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio, liquidate in Euro 200,00 per esborsi e in Euro 4.500,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 5 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 16 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA