Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29613 del 16/11/2018

Cassazione civile sez. I, 16/11/2018, (ud. 28/09/2018, dep. 16/11/2018), n.29613

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DIDONE Antonio – Presidente –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18632/2015 proposto da:

Parmalat s.p.a. in A.S., in persona del commissario straordinario pro

tempore, e Parmalat s.p.a. assuntore del Concordato Parmalat, in

persona del procuratore pro tempore, elettivamente domiciliati in

Roma via Giovanni Nicotera n. 31, presso lo studio dell’avvocato

Astone Francesco, che li rappresenta e difende unitamente agli

avvocati Briguglio Antonio e Zoppini Andrea, rispettivamente giusta

procure speciali per notaio Dott. C.C.M. di Parma – Rep.

nn. (OMISSIS);

– ricorrenti –

contro

JP Morgan Chase Bank n.a., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via Antonio Gramsci n.

24, presso lo studio dell’avvocato Masini Maria Stefania, che la

rappresenta e difende unitamente agli avvocati Cardellicchio

Pasquale e Spolidoro Marco Saverio, giusta procura in calce al

controricorso e ricorso incidentale;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 936/2015 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 14/05/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

28/09/2018 dal Cons. Dott. ALDO ANGELO DOLMETTA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CAPASSO Lucio, che ha concluso per l’estinzione per rinuncia;

udito, per le ricorrenti, l’Avvocato Elisabetta Cecconi, con delega,

che ha chiesto l’estinzione per rinuncia.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte:

considerate la “rinuncia agli atti del giudizio i sensi dell’art. 306 c.p.c.”, con cui Parmalat s.p.a. in A.S. e Parmalat s.p.a., assuntore del Concordato Parmalat, hanno rinunciato agli atti del giudizio pendente avanti a questa Corte, n. 18632/2015, nei confronti di J.P. Morgan Chase Bank a.n., a spese legali interamente compensate;

la “dichiarazione di accettazione della rinuncia agli atti del giudizio e contestuale rinuncia al ricorso incidentale”, con cui J.P. Morgan n.a. ha dichiarato di accettare la rinuncia delle ricorrenti, in pari tempo rinunciando al ricorso incidentale che aveva proposto, sempre a spese legali interamente compensate.

P.Q.M.

Dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 28 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 16 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA