Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2959 del 07/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 2 Num. 2959 Anno 2018
Presidente: MAZZACANE VINCENZO
Relatore: BESSO MARCHEIS CHIARA

ORDINANZA

sul ricorso 910-2014 proposto da:
IRACI SARERI GIACOMO, in giudizio di persona ex art. 86
c.p.c. ed elettivamente domiciliato in ROMA, VIA F.
MICELI PICARDI 4, presso IRACI SARERI TONY FREDIANO;
– ricorrente contro

CONDOMINIO ex ALBERGO ROCCAMARINA S.p.A. in Piazza della
Stazione
2017
3218

9,2■

2

in

dell’Amministratore
domiciliato

Castel

di

pro

Tusa,

tempore,

in

persona

elettivamente

in ROMA, VIA OFANTO 18, presso lo studio

dell’avvocato GUIDO LIUZZI,

rappresentato e difeso

dall’avvocato ANDREA CUVA;
– controricorrente –

avverso la sentenza n.

52/2012 del TRIBUNALE di

Data pubblicazione: 07/02/2018

MISTRETTA, depositata il 06/04/2012;
udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del 12/12/2017 dal Consigliere CHIARA BESSO

MARCHE IS;

R.G. 910/2014

PREMESSO CHE
Giacomo Sareri Iraci ricorre per cassazione, ai sensi dell’art. 348-

Mistretta. La Corte d’appello di Messina, con ordinanza del 9 aprile
2013, aveva dichiarato inammissibile perché privo di ragionevole
probabilità di essere accolto l’appello fatto valere dal ricorrente, che
aveva visto rigettata la propria domanda di impugnazione della
deliberazione assembleare del 9 agosto 2009.
L’intimato Condominio ex Albergo Roccamarina resiste con
controricorso.

CONSIDERATO CHE
Il termine di sessanta giorni per proporre il ricorso in cassazione
avverso il provvedimento di primo grado decorre – ex art. 348-ter,
comma 3 c.p.c. – “dalla comunicazione o notificazione, se anteriore,
dell’ordinanza che dichiara l’inammissibilità”.
L’ordinanza – lo afferma lo stesso ricorrente nel ricorso (cfr. p. 6)
è stata comunicata mediante posta elettronica certificata il
medesimo giorno in cui è stata depositata, ossia il 9 aprile 2013.
Essendo il ricorso per cassazione stato notificato il 25 novembre
2013, esso risulta proposto oltre il termine sopra menzionato e va
pertanto dichiarato inammissibile.
La liquidazione delle spese è effettuata, in dispositivo, sulla base
della soccombenza.
Ai sensi dell’art. 13, comma 1 quater, del d.p.r. n. 115/2002, si

dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte

ter c.p.c., contro la sentenza resa in primo grado dal Tribunale di

del ricorrente dell’importo a titolo di contributo unificato, pari a quello
dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso art. 13.

P.Q.M.

al pagamento delle spese del giudizio in favore del controricorrente
che liquida in euro 2.700, di cui euro 200 per esborsi, oltre spese
generali (15%) e accessori di legge.
Sussistono, ex art. 13, comma 1-bis del d.p.r. n. 115/2002, i
presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’importo a
titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.
Così deciso in Roma, nella adunanza camerale della sezione
seconda civile, in data 12 dicembre 2017.

Il Presidente
(Vincenzo Mazzacane)
1,(1

ai-io Giudiziario

NERI

DEPOSITATO IN CANCELLERIA

Roma,

0 7 FEB. 2018

La Corte dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA