Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29579 del 29/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 29/12/2011, (ud. 26/10/2011, dep. 29/12/2011), n.29579

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco – Presidente –

Dott. DI BLASI Antonino – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. CARACCIOLO Giuseppe – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso iscritto al n.ro n.31534/07 R. G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato,

nei cui uffici, in Roma, Via dei Portoghesi n. 12 è domiciliata;

– ricorrente –

contro

B.E. residente a (OMISSIS), rappresentata e difesa,

giusta delega in calce al ricorso, dagli Avv.ti Acquistapace Laura ed

Dante Enrico, elettivamente domiciliata nello studio del secondo, in

Roma, Via Vittoria Colonna, 40;

– controricorrente –

avverso la sentenza della C.T.R. di Bologna, Sezione Staccata di

Parma n. 95/21/2007 in data 15.02.2007, depositata il 14.09.2007;

Udita la relazione, svolta nella pubblica udienza del 26 ottobre 2011

dal Relatore Dott. Antonino Di Blasi;

Sentito, l’Avv. Giacobbe dell’Avvocatura Generale dello Stato, per la

ricorrente;

Sentito, pure, l’Avv. Enrico Dante per la contribuente;

Sentito, altresì, il Procuratore Generale, Dott. V. Gambardella, che

ha chiesto il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La contribuente impugnava in sede giurisdizionale il silenzio rifiuto, opposto dall’Amministrazione Finanziaria, sulla domanda di rimborso delle somme versate dal datore di lavoro a titolo di ritenuta IRPEF su quanto corrisposto in esecuzione di sentenza del Giudice del Lavoro.

Sosteneva che la ritenuta operata era a ritenersi illegittima, in quanto la somma corrisposta non era fiscalmente rilevante, essendo stata liquidata per riparare al pregiudizio patito e “costituito dalla lesione del diritto del dipendente al rispetto della regolarità dell’iter concorsuale” e non già a titolo di risarcimento danni per perdita di reddito. L’adita CTP di Parma rigettava il ricorso, ritenendo e dichiarando che le somme liquidate, avevano natura reddituale e come tali soggiacevano ad imposizione.

Pronunciando sull’appello della contribuente, la CTR lo accoglieva, affermando che le somme percepite dalla contribuente andavano qualificate come “ristoro della lesione subita dal proprio patrimonio giuridico e non come reintegrazione del reddito di lavoro dipendente non percepito”.

Con ricorso 3/5 dicembre 2007 L’Agenzia Entrate, ha chiesto l’annullamento della decisione di appello. Con controricorso, notificato il 15 gennaio 2008, la contribuente ha chiesto che l’impugnazione venga dichiarata inammissibile e, comunque, rigettata.

Entrambe le parti hanno presentato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La ricorrente Agenzia, censura l’impugnata decisione per violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 6, comma 2, art. 16, comma 1, lett. a) e art. 46, deducendo l’erroneo operato del Giudice di appello, per non avere considerato che, nel caso, le modalità di determinazione dell’indennizzo, dovevano ritenersi emblematiche, essendo stato lo stesso determinato, sulla base del presunto maggior reddito che la contribuente, in ipotesi, avrebbe percepito.

Resiste la contribuente, ribadendo la natura non reddituale della somma percepita ed evidenziando l’irrilevanza giuridica del criterio seguito per la determinazione del quantum.

Il Collegio ritiene che il ricorso debba essere rigettato, per infondatezza.

In vero, la sentenza non contiene alcuna affermazione che si ponga in contrasto con la norma di legge denunciata e la relativa elaborazione giurisprudenziale; la decisione, fondata, come è, sul presupposto, desunto dall’esame della sentenza del Tribunale di Parma, che il titolo al risarcimento del danno, riconosciuto alla B. era connesso alla “perdita di chance” e quindi non avesse natura reddituale, appare coerente al condiviso principio secondo cui “La perdita di chance, consistente nella privazione della possibilità di sviluppi o progressioni nell’attività lavorativa, costituisce un danno patrimoniale risarcibile, qualora sussista un pregiudizio certo (anche se non nel suo ammontare) consistente non in un lucro cessante, bensì nel danno emergente da perdita di una possibilità attuale; ne consegue che la chance e1 anch’essa una entità patrimoniale giuridicamente ed economicamente valutabile, la cui perdita produce un danno attuale e risarcibile, qualora si accerti, anche utilizzando elementi presuntivi, la ragionevole probabilità della esistenza di detta chance intesa come attitudine attuale” (Cass. n. 11322/2003).

Rileva, altresì, il Collegio che il quesito formulato a conclusione del mezzo, non può ritenersi conferente, tenuto conto che la sentenza impugnata ha evidenziato che nella determinazione del quantum il Tribunale aveva fatto, espressamente, ricorso al criterio di valutazione equitativa, e che il riferimento al maggior stipendio non conseguito, rilevando ai limitati fini della determinazione del quantum, non era,quindi, idoneo a mutare il titolo di attribuzione.

Le spese seguono la soccombenza e vanno liquidate in complessivi Euro millecento, di cui Euro mille per onorario ed Euro cento per spese vive, oltre spese generali ed accessori di legge.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna l’Agenzia Entrate al pagamento delle spese del giudizio, in ragione di complessivi Euro millecento, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 26 ottobre 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA