Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29579 del 14/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 14/11/2019, (ud. 24/10/2019, dep. 14/11/2019), n.29579

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – rel. Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 26990-2018 proposto da:

N.T., R.N., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

BALDO DEGLI UBALDI 66, presso lo studio dell’avvocato SIMONA RINALDI

GALLICANI, rappresentati e difesi dall’avvocato GIORGIO LA MALFA;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1928/9/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE dell’EMILIA ROMAGNA, depositata il 10/07/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott.ssa LA

TORRE MARIA ENZA.

Fatto

RITENUTO

che:

R.N. e N.T. ricorrono per la cassazione della sentenza della CTR dell’Emilia Romagna, che in controversia su impugnazione di avviso di liquidazione per imposta di registro, ipotecaria e catastale anno 2012, relativamente a contratto di compravendita reg. il 28.2.2012, ha accolto l’appello dell’Ufficio.

Con l’atto indicato, registrato D.L. n. 194 del 2009, ex art. 2, comma 4 bis conv. in L. n. 25 del 2010, era stata liquidata una maggiore imposta di registro e catastale per decadenza dai benefici provvisoriamente concessi, rilevata la violazione del D.M. 26 luglio 2012, art. 1, comma 2, che prevede l’attestazione di una specifica annotazione negli atti del catasto per gli l, immobili strumentali all’attività agricola, attestante la ruralità e il vincolo pertinenziale del fabbricato.

L’Agenzia delle entrate non ha resistito.

Col primo motivo si deduce violazione di legge, ex art. 360 c.p.c., n. 3, in relazione al D.M. 26 luglio 2012, art. 1, comma 2; art. 817,818,2135 c.c..

Col secondo motivo si deduce violazione del D.L. n. 194 del 2009, art. 2, comma 4 bis conv. in L. n. 25 del 2010.

Diritto

CONSIDERATO

che:

non sussistono i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c..

P.Q.M.

Rinvia alla sezione quinta civile della Corte.

Così deciso in Roma, il 24 ottobre 2019.

Depositato in cancelleria il 14 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA