Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29484 del 07/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 29484 Anno 2017
Presidente: CRISTIANO MAGDA
Relatore: SCALDAFERRI ANDREA

ORDINANZA
sul ricorso 7454-2016 proposto da:
COCCIA CRISTIANA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE
MARESCIALLO PILSUDSKI n.118, presso lo studio dell’avvocato
ANTONIO STANIZZI, che la rappresenta e difende;

– ricorrente contro
MANCINI GIUSEPPE, elettivamente domiciliato in ROMA,
PIAZZA PRATI DEGLI STROZZI n.30, presso lo studio
dell’avvocato GIAN LUCA SELLANI, che lo rappresenta e difende;

– controricorre.nte avverso il decreto n. cronol. 169/2016 del 20/01/2017 R.G. n.
51767/2014 della CORTE D’APPELLO di ROMA del 10/12/2015;

Data pubblicazione: 07/12/2017

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 03/10/2017 dal Consigliere Dott. ANDREA
SCALDAFERRI.

rilevato che con decreto n. cron. 169/2016 depositato il 20 gennaio
2016 la Corte di appello di Roma ha revocato l’assegno divorzile a
carico di MANCINI GIUSEPPE disposto in favore della ex moglie
COCCIA CRISTIANA, confetmando invece l’assegno di
mantenimento in favore della figlia;
che avverso tale provvedimento COCCIA CRISTIANA ha proposto
ricorso per cassazione affidato a un motivo, resistito dal Mancini con
controricorso;
considerato che il motivo di ricorso lamenta la violazione degli artt. 5 e
9 della legge n. 898/70 deducendo l’erroneità del decreto impugnato
per aver applicato alla fattispecie i principi normativi relativi alla
determinazione dell’assegno divorzile e non già quelli, tutt’affatto
diversi, propri del procedimento di revoca dell’assegno già
riconosciuto, in particolare omettendo di identificare i motivi
sopravvenuti che legittimerebbero il provvedimento di revoca
dell’emolumento in concreto adottato;
che il Mancini ha dedotto l’inammissibilità e l’infondatezza dell’avversa
impugnazione;
ritenuto che dalla lettura della sentenza impugnata risulta chiaramente
come la Corte abbia avuto ben presente che nel giudizio di
modificazione delle condizioni di divorzio occorre basarsi sulla
identificazione e valutazione di fatti sopravvenuti alla situazione
esistente all’epoca di concessione dell’assegno, tanto da avere
espressamente fatto riferimento temporale a varie e specifiche
Ric. 2016 n. 07454 sez. MI – ud. 03-10-2017
-2-

Il Collegio

circostanze intervenute tra la data di pubblicazione della sentenza
divorzile e quella di instaurazione del giudizio di modifica;
che, pertanto, non sussiste violazione né falsa applicazione dei principi
normativi indicati, essendo stato correttamente identificato ed

della legge 898/70, sulla base di una valutazione degli elementi di fatto
acquisiti che è riservata al giudice di merito ed è quindi insindacabile in
questa sede (salva l’ipotesi, nella specie non dedotta, di omessa
motivazione);
P.Q.M.
rigetta il ricorso; condanna la ricorrente a rifondere al controricorrente
le spese della presente fase,che liquida in € 2.100,00 (di cui € 100,00
per esborsi) oltre spese generali forfetarie e accessori di legge.
Dà inoltre atto, ai sensi dell’art.13 comma 1 quater D.P.R. n.115/2002,
della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della
ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a
quello dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso
articolo 13.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 3 ottobre 2017

applicato il parametro di cui al combinato disposto degli artt. 5 e 9

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA