Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29430 del 07/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. L Num. 29430 Anno 2017
Presidente: NOBILE VITTORIO
Relatore: SPENA FRANCESCA

ORDINANZA

sul ricorso 24739-2012 proposto da:
POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. 97103880585, in persona
del legale rappresentante pro tempore, elettivamente
domiciliata in ROMA, VIA PO 25-B, presso lo studio
dell’avvocato ROBERTO PESSI, che la rappresenta e
difende, giusta delega in atti;
– ricorrente contro
2017

VALDETTARO GIOVANNA;
– intimata –

2887

avverso la sentenza n. 882/2011 della CORTE D’APPELLO
di L’AQUILA, depositata il 04/11/2011 R.G.N.
516/2010.

Data pubblicazione: 07/12/2017

PROC. nr . 24739/2012 RG

RILEVATO
che con sentenza in data 29.9.2011-4.11.2011 ( nr. 882/2011 ) la
Corte d’Appello di L’Aquila ha riformato la sentenza del Tribale di Pescara
del 21.12.2009 (nr. 2205/2009) e per l’effetto ha dichiarato la nullità del
termine apposto al contratto di lavoro stipulato dalla lavoratrice

dall’i. .6.1999 al 30.10.1999 per «esigenze eccezionali conseguenti alla fase
di ristrutturazione degli assetti occupazionali in corso…»;
che avverso tale sentenza ha proposto ricorso la società POSTE
ITALIANE, affidato a cinque motivi, avverso il quale la intimata non ha
opposto difese ;
che POSTE ITALIANE ha depositato memoria del 5 giugno 2017
chiedendo la estinzione del giudizio per intervenuta conciliazione della lite
nonché copia del verbale della conciliazione intervenuta in sede sindacale;
CONSIDERATO
che il verbale di conciliazione sindacale in data 11.12.2012 prodotto da
POSTE ITALIANE ha ad oggetto anche il presente giudizio e prevede la
rinunzia della lavoratrice agli effetti giuridici ed economici della sentenza in
questa sede impugnata e la accettazione da parte della società POSTE
ITALIANE della suddetta rinunzia;
che

deve essere pertanto dichiarata la cessazione della materia del

contendere;
che

non vi è luogo a provvedere sulla ripetizione delle

spese,

conformemente alla richiesta della parte ricorrente;
PQM
La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere.
Così deciso in Roma il 22 giugno 2017
IL PRESIDENTE

i! F n zi o n ari o Giudizario
).t. Giovanni

‘q
,( r)


..——,——

ICASSATIM ‘
CORIESOPREMADtoorstd
:v Sezione

‘-

GIOVANNA VALDETTARO con la società POSTE ITALIANE spa nel periodo

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA