Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29414 del 23/12/2020

Cassazione civile sez. I, 23/12/2020, (ud. 12/10/2020, dep. 23/12/2020), n.29414

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. VANNUCCI Marco – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13107/2016 proposto da:

C.F., R.A., domiciliati in Roma, Piazza Cavour,

presso la Cancelleria Civile della Corte di Cassazione,

rappresentati e difesi dall’avvocato Finocchiaro Antonino, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrenti –

contro

Arena NPL One s.r.l., e per essa doBank S.p.a. (denominazione assunta

da UniCredit Credit Management Bank S.p.a., incorporante della Aspra

Finance S.p.a.), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Piazzale Belle Arti n. 8, presso

lo studio dell’avvocato Abrignani Ignazio, che la rappresenta e

difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 528/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 25/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

12/10/2020 dal Cons. Dott. LAMORGESE ANTONIO PIETRO.

 

Fatto

PREMESSO

Che:

La Corte d’appello di Catania, con sentenza del 25 marzo 2015, in accoglimento del gravame di Aspra Finance spa, quale mandataria di Unicredit Management Bank spa, avverso l’impugnata sentenza del tribunale, ha rigettato la domanda dei signori C.F. e R.A. di declaratoria di nullità e usurarietà degli interessi relativi a due contratti di conto corrente e di condanna della Banca alle restituzioni.

Avverso questa sentenza hanno proposto ricorso per cassazione i signori C. e R., resistito da Arena NPL One srl (cessionaria di Unicredit Management) e doBank spa (procuratrice per la gestione dei crediti). Le parti hanno presentato memorie.

Diritto

RITENUTO

Le società resistenti hanno fondatamente eccepito la inammissibilità del ricorso avverso la sentenza impugnata, pubblicata il 25 marzo 2015 e non notificata, per tardività della notifica avvenuta il 9 maggio 2016, cioè oltre il termine di cui all’art. 327 c.p.c., di un anno e trentuno giorni, tenuto conto della riduzione dei giorni (da quarantacinque a trentuno) di sospensione feriale.

E’ principio consolidato che, ai fini della determinazione della sospensione dei termini processuali nel periodo feriale – nella specie, per il computo del termine di impugnazione cd. lungo, ex art. 327 c.p.c., comma 1 – la modifica di cui al D.L. n. 132 del 2014, art. 16, comma 1, conv., con modif. in L. n. 162 del 2014, che, sostituendo della L. n. 742 del 1969, art. 1, ha ridotto il periodo di sospensione da 46 giorni a 31 giorni (dal 1 al 31 agosto di ciascun anno), è immediatamente applicabile con decorrenza dall’anno 2015, non rilevando, a tal fine, la data dell’impugnazione o quella di pubblicazione della sentenza (tra le tante, Cass. n. 11758, 20866 e 21674 del 2017).

Il ricorso è dunque inammissibile.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano in dispositivo.

PQM

La Corte dichiara il ricorso inammissibile; condanna i ricorrenti alle spese, liquidate in Euro 5200,00, di cui Euro per 5000,00 per compensi, oltre accessori di legge.

Dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, in misura pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, il 12 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 dicembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA