Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29414 del 07/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 29414 Anno 2017
Presidente: IACOBELLIS MARCELLO
Relatore: CARBONE ENRICO

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 8849/2017 R.G. proposto da
Agenzia delle entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura
generale dello Stato, presso i cui uffici in Roma alla via dei
Portoghesi n. 12 è domiciliata;
– ricorrente contro
Riscossione Sicilia s.p.a., rappresentata e difesa dall’Avv. Fabio
Marchetti, elettivamente domiciliata presso il suo studio in Roma
alla piazza Barberinì n. 12, per procura in calce al controricorso
– controricorrente avverso l’ordinanza della Corte di Cassazione n. 7722 depositata il
24 marzo 2017.
Udita la relazione svolta dal Consigliere Enrico Carbone
nell’adunanza ex art. 380-bis c,p.c. del 16 novembre 2017.
ATTESO CHE

– L’Agenzia delle entrate impugna per revocazione l’ordinanza della
Corte che ne ha definito la soccombenza in controversia per
rimborso IVA avverso Riscossione Sicilia s,p.a.

Data pubblicazione: 07/12/2017

Il Collegio ha disposto adottarsi la motivazione semplificata.
Denuncia l’Agenzia che l’ordinanza l’abbia qualificata come «non
costituita», così ignorando gli argomenti del controricorso e della
memoria, viceversa ritualmente depositati dall’Avvocatura dello
Stato.
Il ricorso è inammissibile: l’omesso esame di scritti difensivi non

pronuncia della Corte di Cassazione ai sensi dell’art. 391-bis
c.p.c., occorrendo che il ricorrente per revocazione provi la
decisività dello scritto ai fini dell’adozione di una statuizione
diversa, e ciò in rapporto a uno specifico fatto evidenziato nello
scritto medesimo, solo in tal caso potendosi collegare al mancato
esame dell’atto la sussistenza di un errore percettivo del giudice
(Cass 14073/2000 Rv. 541205; Cass, 714/2012 Rv. 621231;
Cass, 22561/2016 Rv. 641636); nella specie, pur lamentando un
errore di fatto a norma degli artt. 391-bis e 395 n. 4 c.p.c.,
l’Agenzia delle entrate non ha indicato il fatto decisivo che
sarebbe stato attinto dall’errore revocatorio,
Il ricorso va dichiarato inammissibile, con aggravio di spese;
prenotando a debito, l’Agenzia delle entrate non ha obbligo di
versare l’ulteriore importo per contributo unificato ex art. 13,
comma 1-quater, d.P.R. 115/2002 (Cass. 5955/2014 Rv.

630550; Cass, 1778/2016 Rv. 638714)
P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna fa ricorrente a
rifondere alla controricorrente le spese di questo giudizio, che
liquida in E 1800,00 per compensi, oltre spese generali al 15% e
accessori di legge.
Così deciso in Roma, il 16 novembre 2017.

integra di per sé errore di fatto rilevante per la revocazione della

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA