Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29389 del 23/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 23/12/2020, (ud. 21/10/2020, dep. 23/12/2020), n.29389

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SORRENTINO Federico – Presidente –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CATALDI Michele – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 16554/2014 R.G. proposto da:

G.P., rappresentato e difeso, giusta procura in calce al

ricorso, dall’Avv. Arnaldo Milanesi e dall’Avv. Gino Danilo Grilli,

elettivamente domiciliato presso lo studio del secondo in Roma, via

Ruffini n. 2/A;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del legale rappresentante pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Distrettuale dello

Stato e presso i cui uffici domicilia in Roma, alla Via dei

Portoghesi n. 12;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 198/12/2013, depositata il 20 dicembre 2013.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 21 ottobre

2020 dal Consigliere Luigi D’Orazio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. La Commissione tributaria regionale della Lombardia accoglieva l’appello dell’Agenzia delle entrate avverso la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Milano, che aveva accolto il ricorso di G.P. contro l’avviso di accertamento emesso nei suoi confronti dalla Agenzia delle entrate, per l’anno 2005, a titolo di plusvalenza ai sensi del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 67, comma 1, lett. b, per avere ceduto l’8-7-2004 un’area edificabile alla Prealpi s.p.a., con obbliga di questa a trasferirgli due immobili da costruire sul terreno ceduto, poi costruiti e ceduti dal contribuente, sempre nel 2005, accertando un maggior imponibile di Euro 344.975,00. L’Agenzia aveva ritenuto non perfezionata la procedura di rivalutazione del valore dei terreni chiesta dal contribuente (con il nuovo valore di Euro 619.683,65 a decorrere dall’1-7-2003), con il deposito della perizia giurata (in data 10-5-2004) e con il pagamento della prima rata (in data 30-9-2004), senza però il pagamento di quelle successive; nè il contribuente aveva compilato il quadro RM per l’anno di imposta 2005, relativo alla avvenuta rivalutazione del terreno. In tal modo era stato considerato come valore quello del momento di acquisto del terreno nel 1973 pari ad Euro 40.024,91. Il giudice di appello rilevava che il mancato versamento nei termini, ritenuti essenziali, delle rate dovute aveva impedito il perfezionamento della “rivalutazione”, aggiungendo che la mancata indicazione del valore risultante dalla perizia nella dichiarazione dei redditi aveva impedito all’Ufficio di considerare il valore rivalutato come costo storico di acquisto del bene, tanto che non era stato possibile procedere al recupero delle rate non versate con l’iscrizione a ruolo.

2. Avverso tale sentenza propone ricorso per cassazione il contribuente.

3. Resta intimata l’Agenzia delle entrate, nonostante la rituale notificazione del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1. Con il primo motivo di impugnazione il contribuente deduce la “violazione e/o falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3”, in quanto il giudice di appello ha affermato che il G. non ha compilato il quadro RM della dichiarazione dei redditi dell’anno 2004 (Modello unico 2005), sicchè tale omissione ha impedito definitivamente all’Ufficio di riscuotere le ulteriori due rate del procedimento di rivalutazione. Tale circostanza non è stata, però, provata dalla Agenzia delle entrate, benchè il contribuente avesse contestato tale circostanza sia in primo grado che in appello. Era onere della Agenzia produrre il Modello Unico 2005, relativo al 2004, per dimostrare l’omessa compilazione del quadro RM.

2. Con il secondo motivo di impugnazione il ricorrente si duole della “omessa motivazione circa un fatto controverso decisivo per il giudizio in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, sotto il profilo della omessa compilazione del quadro RM – Modello unico 2005 -“, in quanto il giudice di appello ha dato per presupposta l’omessa compilazione del quadro RM della denuncia dei redditi, nonostante le reiterate contestazioni sul punto da parte del contribuente, senza alcuna motivazione sul punto.

3. Con il terzo motivo di impugnazione il ricorrente lamenta la “violazione o falsa applicazione della L. n. 448 del 2001, art. 7, e connessa violazione degli artt. 1988 e 2934 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3”, in quanto il giudice di appello ha affermato che, per la mancata indicazione del valore del terreno nella dichiarazione dei redditi, l’Ufficio non ha potuto provvedere al recupero delle rate non versate. In realtà, l’Agenzia può recuperare le rate non versate nel termine di prescrizione di dieci anni dalla scadenza di ciascuna rata. Inoltre, la Commissione regionale ha violato anche la L. n. 448 del 2001, art. 7, ritenendo che il procedimento può intendersi come perfezionato solo con il deposito della perizia giurata e con il pagamento di tutte le rate. Al contrario, il procedimento di rivalutazione del terreno si perfeziona con il deposito della relazione giurata ed il pagamento tempestivo della prima rata. Il mancato pagamento delle altre rate non impinge sul perfezionamento della procedura di rivalutazione e non comporta alcuna decadenza dal beneficio, ma consente all’Agenzia il recupero di tali somme.

4. Con il quarto motivo di impugnazione il ricorrente deduce la “omessa motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 sotto il profilo della apparenza della motivazione circa l’esistenza di norme di contabilità di Stato e della natura essenziale dei termini di pagamento della rate dell’imposta sostitutiva”, in quanto la Commissione regionale si è limitata ad affermare che il mancato versamento delle rate dovute nei termini fa ritenere non perfezionata la rivalutazione perchè, anche per motivi legati alle regole della contabilità di Stato, i termini di scadenza delle singole rate sono da ritenere essenziali, senza indicare quali sarebbero le regole di “Contabilità di Stato” applicabili alla fattispecie.

5. Il terzo motivo è fondato, con assorbimento dei restanti.

5.1. Invero, è pacifico tra le parti che il contribuente, aderendo al procedimento di rivalutazione di cui alla L. n. 488 del 2001, ha depositato la perizia giurata per la stima del nuova valore dell’immobile, pagando tempestivamente la prima rata, ma omettendo di versare le residue due rate.

Il giudice di appello ha ritenuto che i termini relativi a tutte le rate da versare sarebbero essenziali e che, in mancanza del pagamento tempestivo delle rate rimaste e della compilazione del quadro RM della dichiarazione dei redditi, non si è perfezionata la procedura di rivalutazione.

5.2. In realtà, però, per il perfezionamento della procedura di rivalutazione è sufficiente il deposito della perizia giurata ed il pagamento della prima rata, mentre è irrilevante il pagamento delle rate successive.

5.3. Ai sensi della L. n. 448 del 2001, art. 7, comma 1, che riguarda sia la rivalutazione delle partecipazioni che quella dei terreni, “Agli effetti della determinazione delle plusvalenze e minusvalenze di cui al testo unico delle imposte sui redditi, di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 81, comma 1, lett. a) e b), e successive modificazioni, per i terreni edificabili e con destinazione agricola posseduti alla data del 1 gennaio 2002, può essere assunto, in luogo del costo o valore di acquisto, il valore a tale data determinato sulla base di una perizia giurata di stima, cui si applica l’art. 64 c.p.c., redatta da soggetti iscritti agli albi degli ingegneri, degli architetti, dei geometri, dei dottori agronomi, degli agrotecnici, dei periti agrari e dei periti industriali edili, a condizione che il predetto valore sia assoggettato ad una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, secondo quanto disposto nei commi da 2 a 6”.

Al comma 2 si prevede che “l’imposta sostitutiva di cui al comma 1 è pari al 4 per cento del valore determinato a norma del comma 1 ed è versata, con le modalità previste dal D.Lgs. 9 luglio 1997, n. 241, capo III, entro il 16 dicembre 2002”.

Ai sensi del comma 3, poi, “l’imposta sostitutiva può essere rateizzata fino ad un massimo di tre rate annuali di pari importo, a partire dalla predetta data del 16 dicembre 2002. Sull’importo delle rate successive alla prima sono dovuti gli interessi nella misura del 3 per cento annuo, da versarsi contestualmente a ciascuna rata”.

5.4. Per questa Corte, agli effetti della determinazione delle plusvalenze e minusvalenze di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, art. 81 (ora 67), comma 1, lett. c) e c-bis), per il perfezionamento della procedura di rideterminazione del valore di acquisto di partecipazioni prevista dalla L. 28 dicembre 2001, n. 448, art. 5, non assume alcuna rilevanza la compilazione del quadro “RT” della dichiarazione dei redditi, ma ha rilievo decisivo la redazione della perizia giurata di stima, nonchè l’assoggettamento all’imposta sostitutiva del valore così definito – attraverso il versamento, entro il 16 dicembre 2002, dell’intero importo o, nel caso di rateizzazione, anche della sola prima rata – sicchè, a seguito di tale manifestazione unilaterale di volontà del contribuente, portata a conoscenza dell’Amministrazione finanziaria, si produce l’effetto della rideterminazione del valore della partecipazione, non più unilateralmente revocabile (Cass., sez. 5, 20 febbraio 2015, n. 3410).

Si è anche affermato che, in tema di determinazione delle plusvalenze e minusvalenze di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 81 (ora 67), comma 1, lett. c) e c-bis), per il perfezionamento della procedura di rideterminazione del valore di acquisto di partecipazioni (ma la stessa regola vale per i terreni), prevista dalla L. n. 448 del 2001, art. 5, assumono rilievo la redazione della perizia giurata di stima ed il pagamento dell’imposta sostitutiva, da effettuarsi per l’intero importo ovvero con il versamento della prima rata entro i termini indicati dal predetto art. 5, sicchè, nell’ipotesi di mancato rispetto degli stessi, non essendosi perfezionata la fattispecie, il contribuente non può avvalersi dell’istituto del ravvedimento operoso, al quale può invece accedere ove ometta il pagamento delle rate successive alla prima (Cass., sez. 5, 18 gennaio 2019, n. 1323; Cass., sez. 5, 12 marzo 2018, n. 5981; per i terreni Cass., sez. 5, 21 febbraio 2020, n. 4659).

Nessuna rilevanza può, invece, assumere l’omesso pagamento delle rate successive alla prima, costituendo la rateizzazione solo una agevolazione di pagamento (in tale senso anche la circolare della Agenzia delle entrate n. 35/E del 4-8-2004).

6.La sentenza impugnata deve, quindi, essere cassata, con rinvio alla Commissione tributaria regionale della Lombardia, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità.

PQM

Accoglie il terzo motivo; dichiara assorbiti i restanti; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo con rinvio alla Commissione tributaria regionale della Lombardia, in diversa composizione, cui demanda di provvedere anche sulle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 21 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 dicembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA