Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29303 del 22/12/2020

Cassazione civile sez. lav., 22/12/2020, (ud. 29/09/2020, dep. 22/12/2020), n.29303

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere –

Dott. CINQUE Guglielmo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24045/2017 proposto da:

AGENZIA GIORNALISTICA ITALIA S.P.A., in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CESARE BECCARIA, 11, presso lo studio degli avvocati MANLIO ABATI, e

CRISTIANO ANNUNZIATA, che la rappresentano e difendono;

– ricorrente –

contro

C.F.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA

COLA DI RIENZO 69, presso lo studio dell’avvocato BRUNO DEL VECCHIO,

che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1639/2017 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 06/04/2017 R.G.N. 906/2014;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

29/09/2020 dal Consigliere Dott. FABRIZIA GARRI.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

1. La Corte di appello di Roma ha confermato la sentenza del Tribunale della stessa città che aveva accertato che il termine apposto al contratto intercorso tra C.F.M. e l’AGI s.p.a. era nullo e che tra le parti era in corso un rapporto di lavoro a tempo indeterminato a decorrere dal 3.11.2008 con la qualifica di giornalista corrispondente ai sensi dell’art. 5 e art. 11, comma 5 del c.c.n.l.g. ed aveva condannato la società al pagamento in favore del C. della somma di Euro 73.430,60, oltre interessi e rivalutazione, a titolo di differenze retributive maturate dal 3.11.2008 al 20.5.2011.

2. Il giudice di appello, al pari di quello di primo grado, ha ritenuto che la comunicazione del 17 maggio 2011 era meramente ricognitiva della cessazione del rapporto per avvenuta scadenza del termine.

2.1. Ha poi accertato che dall’istruttoria svolta era risultato confermato che il C. non aveva mai lavorato a (OMISSIS) come praticante e che, invece, era stato sempre utilizzato a (OMISSIS) quale corrispondente.

2.2. Ha ritenuto che alla radicale divergenza tra la prestazione resa e l’oggetto del contratto sottoscritto era conseguita la nullità del termine appostovi.

2.3. Ha confermato che per la durata della prestazione questa doveva essere retribuita, ai sensi dell’art. 36 Cost. e dell’art. 2126 c.c., in proporzione alla qualità e quantità del lavoro svolto poichè il contratto non aveva causa o oggetto illecito.

2.4. Ha accertato che il C. svolgeva a (OMISSIS) i compiti del corrispondente estero – pubblicando articoli per coprire l’informazione giornaliera del settore, in contatto con la redazione italiana e sulla base di direttive e disposizioni dell’azienda – e lo ha equiparato a livello retributivo al capo servizio.

2.5. Ha confermato la correttezza della liquidazione operata dal Tribunale anche con riguardo alla misura dell’indennità risarcitoria liquidata in cinque mensilità.

3. Per la cassazione della sentenza ha proposto ricorso AGI s.p.a. affidato a quattro motivi ai quali ha opposto difese con tempestivo controricorso C.F.M.. Entrambe le parti hanno depositato memorie ai sensi dell’art. 380 bis.1 c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

Che:

4. Con il primo motivo di ricorso è denunciata la violazione e falsa applicazione degli artt. 1324 e 1362 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

4.1. Sostiene la ricorrente che la Corte sarebbe incorsa nella denunciata violazione di legge poichè, nell’interpretare la comunicazione del 17 maggio 2011, non avrebbe tenuto conto del suo chiaro tenore testuale. Accanto al riferimento alla scadenza del termine (il 20 maggio 2011) nella lettera era espressa la volontà di cessare la collaborazione alla stessa data in considerazione della ultimazione dell’attività che ne aveva costituito l’oggetto sicchè la prestazione non avrebbe potuto essere ulteriormente utilizzata in maniera proficua. Deduce che anche il comportamento tenuto avrebbe avvalorato l’interpretazione proposta atteso che l’ufficio di (OMISSIS) era stato chiuso ed i locali erano stati riconsegnati. Evidenzia che i testi avevano confermato sia la rispondenza delle mansioni svolte a quelle indicate nel contratto sia la soppressione del ruolo successivamente alla risoluzione del rapporto con il C. sottolineando che a (OMISSIS) non c’era mai stato un ufficio di corrispondenza. Sulla base di queste considerazioni ha perciò ritenuto confermato sia lo svolgimento di compiti aderenti a quelli previsti dai due contratti e dalla proroga, sia la natura di licenziamento della comunicazione del maggio 2011.

5. Con il secondo motivo di ricorso, sempre in relazione alla comunicazione 17.5.2011, denuncia la violazione degli artt. 112 e 115 c.p.c. e l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5.

5.1. Osserva la ricorrente che la Corte non avrebbe tenuto conto del fatto che, vertendosi in una ipotesi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, alla mancata tempestiva impugnazione stragiudiziale dello stesso era conseguita la decadenza dalla facoltà di agire in giudizio.

6. Le censure devono essere esaminate congiuntamente e sono infondate.

6.1. Ritiene infatti il Collegio che la sentenza non è incorsa nel denunciato vizio di interpretazione della comunicazione del 17.5.2011 e, conseguentemente, una volta riferita la risoluzione del rapporto all’avvenuto decorso del termine, nessuna decadenza era maturata.

6.2. Correttamente infatti la Corte ha interpretato la comunicazione riferendola al contesto specifico in cui è stata adottata: quello di un contratto a tempo determinato in scadenza, e dunque l’ulteriore specificazione della ragione della cessazione va correlata alla volontà datoriale di non reiterare il contratto a termine. Solo all’esito del giudizio intrapreso è stata accertata l’esistenza tra le parti di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato in quanto si è ritenuta illegittima proprio l’apposizione del termine.

6.3. Quanto alla decadenza va premesso che nel caso in esame il lavoratore non era tenuto ad impugnare nel termine di sessanta giorni il contratto, come previsto dalla L. 4 novembre 2010, n. 183, art. 32, comma 3, lett. d), atteso che l’entrata in vigore della disposizione “in sede di prima applicazione” è stata differita al 31 dicembre 2011 dell’art. 32, comma 1 bis, introdotto dal D.L. n. 225 del 2010, conv. con mod. dalla L. n. 10 del 2011, ed a quella data il C. aveva già depositato il ricorso introduttivo del giudizio di primo grado.

6.5. Esclusa l’esistenza di un licenziamento e vertendosi in tema di accertamento della illegittimità dei termini apposti ai contratti sul ricorrente non gravava alcun onere di impugnazione stragiudiziale. Resta infatti valido il principio ripetutamente affermato da questa Corte (cfr. Cass. 09/12/2002 n. 17524, 14/07/2005 n. 14814, 10/11/2009n. 23756) secondo il quale in caso di scadenza di un contratto di lavoro a termine illegittimamente stipulato e di comunicazione (da parte del datore di lavoro) della conseguente disdetta, non sono applicabili tenuto conto della specialità della disciplina della L. n. 230 del 1962 (sul contratto di lavoro a tempo determinato) rispetto a quella L. n. 604 del 1966 (sull’estinzione del rapporto a tempo indeterminato) e della qualificabilità dell’azione diretta all’accertamento dell’illegittimità del termine non come impugnazione del licenziamento ma come azione (imprescrittibile) di nullità parziale del contratto – nè la norma della L. n. 604 del 1966, art. 6, relativa alla decadenza del lavoratore dall’impugnazione dell’illegittimità del recesso, nè la norma dell’art. 18 della L. n. 300 del 1970, relativa alla reintegrazione nel posto di lavoro (ancorchè la conversione del rapporto a termine in rapporto a tempo indeterminato dia ugualmente al lavoratore il diritto di riprendere il suo posto e di ottenere il risarcimento del danno). E’ peraltro salva l’applicabilità di entrambe tali norme qualora il datore di lavoro, anzichè limitarsi a comunicare (con un atto nel quale non è assolutamente ravvisabile un licenziamento) la disdetta per scadenza del termine, abbia intimato un vero e proprio licenziamento sul presupposto dell’illegittimità del termine e della durata indeterminata del rapporto.

7. Con il terzo motivo di ricorso è censurata la sentenza per avere, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5, violato e falsamente applicato il D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 1 e gli artt. 112 e 115 c.p.c., omettendo altresì l’esame di un fatto decisivo per il giudizio.

7.1 Sostiene la ricorrente che la sentenza, nel ritenere nulla la clausola appositiva del termine, avrebbe travisato le risultanze dell’istruttoria dalla quale era emerso che l’attività svolta era proprio quella indicata nei contratti; che era stata espletata solo nel periodo in cui il C. aveva lavorato per AGI (mai nè prima nè dopo); che l’ufficio di (OMISSIS) era stato chiuso con la cessazione del rapporto e non ne era stato mai aperto un altro; che nessun altro ufficio di corrispondenza esisteva oltre a quello di Bruxelles e che era risultata, infine, provata l’esigenza di ridurre gli organici.

7.2. Osserva che si trattava di circostanze che confermavano l’esistenza di un giustificato motivo oggettivo di licenziamento tenuto conto dell’esiguo numero di notizie utilizzate e del carattere transitorio dell’esigenza che aveva giustificato la scelta di ricorrere a contratti a tempo determinato.

8. La censura è inammissibile poichè, pur prospettataìalmeno in parte, in termini di violazione di legge, si sostanzia in una rivisitazione delle risultanze istruttorie secondo una ricostruzione alternativa e più favorevole che non è consentita davanti al giudice di legittimità se non nei limiti del vizio di motivazione quale ridisegnato dalla novella dell’art. 360 c.p.c., n. 5 del 2012.

8.1. Va qui ribadito che la violazione e falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c., non può porsi per una erronea valutazione del materiale istruttorio compiuta dal giudice di merito, ma solo se si alleghi che quest’ultimo abbia posto a base della decisione prove non dedotte dalle parti, ovvero disposte d’ufficio al di fuori dei limiti legali, o abbia disatteso, valutandole secondo il suo prudente apprezzamento, delle prove legali, ovvero abbia considerato come facenti piena prova, recependoli senza apprezzamento critico, elementi di prova soggetti invece a valutazione (cfr. Cass. 17.01.2019 n. 1229 e già n. 27000 del 2016).

8.2. Neppure poi è chiarito quale sarebbe il fatto decisivo trascurato dalla Corte di appello che ha proceduto ad una analisi delle prove aderente ai fatti allegati.

9. Anche l’ultimo motivo di ricorso, con il quale è denunciata la violazione e falsa applicazione degli artt. 5 e 11 del c.c.n.l.g., dell’art. 2231 c.c. e degli artt. 112 e 115 c.p.c., oltre che l’omesso esame di un fatto decisivo, non può trovare accoglimento.

9.1. Nel richiamare le considerazioni svolte sul precedente motivo di ricorso va qui rilevato che il richiamo effettuato dalla società all’art. 2231 c.c., non è pertinente atteso che tale disposizione si applica ai liberi professionisti e qui è pacifico che il C., seppure con una serie di contratti a termine, ha lavorato in regime di subordinazione.

9.2. Del tutto correttamente la Corte di merito, avendo accertato le caratteristiche con le quali in concreto si era svolto il rapporto e avendo sussunto le mansioni nella categoria ad esse corrispondente, con procedimento corretto e con valutazione dei fatti a lei riservata, ha poi ritenuto applicabile alla fattispecie l’art. 2126 c.c..

9.3. Ed infatti in caso di esercizio di fatto di attività giornalistica da parte di un soggetto non iscritto all’albo professionale, la nullità del rapporto di lavoro, non derivando dall’illiceità dell’oggetto o della causa ma dalla violazione della norma imperativa dettata dalla L. 3 febbraio 1963, n. 69, art. 43, non produce effetto nel periodo in cui il rapporto ha avuto esecuzione, secondo l’espresso disposto dell’art. 2126 c.c.. Ciò comporta, limitatamente a tale periodo, che il lavoro prestato in carenza di iscrizione deve essere retribuito, con eventuale adeguamento della misura della retribuzione ex art. 36 Cost., comma 1 (cfr. Cass. n. 21591 del 2008, n. 3399 del 2006 e n. 28 del 2005).

10. In conclusione, per le ragioni esposte, il ricorso deve essere rigettato. Le spese del giudizio seguono la soccombenza e sono liquidate nella misura indicata in dispositivo e distratte in favore dell’avv. Bruno Del Vecchio che se ne è dichiarato antistatario. Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità liquidate in Euro 4.000,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi, 15% per spese forfetarie oltre agli accessori dovuti per legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, va dato atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello versato per il ricorso a norma dell’art. 13, comma 1 bis del citato D.P.R., se dovuto.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità liquidate in Euro 5.500,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi, 15% per spese forfetarie oltre agli accessori dovuti per legge. Spese da distrarsi.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello versato per il ricorso a norma dell’art. 13, comma 1 bis del citato D.P.R., se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 29 settembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 22 dicembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA