Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29270 del 12/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 12/11/2019, (ud. 20/06/2019, dep. 12/11/2019), n.29270

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. GRASSO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3176-2019 proposto da:

F.M., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DE DONATO 10,

presso il Sig. COMITO LUIGI, rappresentato e difeso dall’avvocato

PARILLO LUCA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso il decreto n. 2956/2018 della CORTE D’APPELLO di PERUGIA,

depositato il 15/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. GRASSO

GIUSEPPE.

Fatto

RITENUTO

Che la Corte d’appello di Perugia, con decreto depositato il 15/11/2018, dichiarò improponibile il ricorso con il quale F.M. aveva chiesto condannarsi il Ministero dell’Economia e delle Finanze al pagamento dell’equo indennizzo per la durata non ragionevole del processo amministrativo definito con la sentenza n. 32539 del 28/9/2010 del T.A.R. del Lazio, per non essere stata depositata l’istanza di prelievo di cui al D.L. n. 112 del 2008, art. 54, convertito nella L. n. 133 del 2008, e successive modifiche;

che avverso il predetto decreto l’istante propone ricorso sorretto da quattro censure e che l’Amministrazione è rimasta intimata;

ritenuto che con il primo e il secondo motivo il ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c., D.L. n. 112 del 2008, art. 54, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, nonchè omesso esame di un fatto controverso e decisivo, in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, assumendo che la Corte locale avrebbe dovuto cogliere dalla scheda, ricavata dalle informazioni telematiche, fornite all’interessato attraverso l’accesso alla segreteria del Giudice amministrativo, nominata “dettaglio ricorso”, che lo stesso aveva presentato istanza di fissazione udienza e anche di prelievo;

ritenuto che con il terzo motivo, anch’esso collegato ai primi due, viene denunziata violazione e falsa applicazione del combinato disposto della L. n. 89 del 2001, art. 3, comma 5, e art. 738, c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 4, per non avere la Corte perugina disposto la sollecitata acquisizione del fascicolo d’ufficio del giudizio amministrativo, che avrebbe, in ogni caso, permesso di accertare la presentazione dell’istanza di cui detto;

ritenuto che con il quarto motivo il Di Luzio propone eccezione d’illegittimità costituzionale del D.L. n. 112 del 2008, art. 54, comma 2, conv. nella L. n. 133 del 2008 e successive modifiche, per contrasto con l’art. 117 Cost., comma 1, in relazione agli artt. 6, p. 1, 13 e 46, p. 1, CEDU.

Diritto

CONSIDERATO

Che assorbiti i primi tre motivi, il provvedimento deve essere cassato con rinvio alla luce della sopraggiunta sentenza n. 34/2019 della Corte Costituzionale, la quale ha dichiarato “l’illegittimità costituzionale del D.L. 25 giugno 2008, n. 112, art. 54, comma 2, (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, nella L. 6 agosto 2008, n. 133, come modificato dal D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104, art. 3, comma 23, Allegato 4 (Attuazione della L. 18 giugno 2009, n. 69d, art. 44, recante delega al governo per il riordino del processo amministrativo) e dal D.Lgs. 15 novembre 2011, n. 195, art. 1, comma 3, lett. a), n. 6, (Disposizioni correttive ed integrative al D.Lgs. 2 luglio 2010, n. 104, recante codice del processo amministrativo a norma della L. 18 giugno 2009, n. 69, art. 44, comma 4)”;

considerato che appare opportuno demandare al Giudice del rinvio anche il regolamento delle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

accoglie il ricorso; cassa e rinvia alla Corte d’appello di Perugia, altra composizione, anche per il regolamento delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 20 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA