Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29220 del 12/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 12/11/2019, (ud. 05/06/2019, dep. 12/11/2019), n.29220

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 2893-2019 proposto da:

M.M., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

GIANNI EMILIO IACOBELLI;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 98/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 04/01/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/06/2019 dal Consigliere Relator Dott. LUCIA

ESPOSITO.

Fatto

RILEVATO

CHE:

M.M. ha proposto ricorso per la correzione di errore materiale della sentenza n. 98/2018, depositata il 4/1/2018, con cui questa Corte, nell’accogliere il ricorso proposto dal predetto nei confronti dell’Inps, alla pg. 1 della sentenza, al terzo capoverso affermava “il B. non aveva prospettato l’illegittimità del richiamato D.P.C.M.”, erroneamente indicando il ricorrente con il nome di B. piuttosto che di M.;

l’Inps non ha svolto attività difensiva in questa sede;

la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., è stata notificata alla parte costituita, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio;

non sono state depositate memorie.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

Va disposta la correzione dell’errore materiale indicato dal ricorrente, da correggersi con la speciale procedura di cui agli artt. 287 e 288 c.p.c., (Cass. n. 681 del 21/03/1963), stante l’inequivoca individuazione nominativa della parte ricorrente, nell’intestazione e nel corpo della medesima, come M.M.;

non vi è luogo a provvedere sulle spese del presente procedimento (Cass., sez. un., ord., 27/06/2002, n. 9438; Cass., ord., 4/05/2009, n. 10203; Cass., ord., 17/09/2013, n. 21213).

PQM

La Corte accoglie il ricorso e, per l’effetto, dispone che nella sentenza di questa Corte n. 98/2018, depositata il 4/1/2018, al terzo capoverso, sia sostituito il nominativo ” B.” con quello del ricorrente ” M.”. Dispone la trasmissione alla cancelleria per le annotazioni.

Rilevato che dagli atti il processo risulta esente, non si applica il D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater.

Così deciso in Roma, il 5 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA