Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29098 del 20/10/2021

Cassazione civile sez. I, 20/10/2021, (ud. 18/06/2021, dep. 20/10/2021), n.29098

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10226/2020 proposto da:

D.E.H.M.S., elettivamente domiciliato in Roma, Piazza

dei Consoli, 62 presso lo studio dell’Avvocato Enrica Inghilleri,

che lo rappresenta e difende per procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro in carica,

domiciliato per legge in Roma, Via dei Portoghesi, 12 presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– intimato –

avverso il decreto del Tribunale di Ancona n. 1884/2020, Sezione

specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale

e libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea, depositato

il 17/02/2020;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/06/2021 dal Cons. Dott. Laura Scalia.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. D.E.H.M.S., cittadino del (OMISSIS), ricorre con due motivi per la cassazione del decreto in epigrafe indicato con cui il Tribunale di Ancona, Sezione specializzata in materia di immigrazione, protezione internazionale e libera circolazione dei cittadini dell’Unione Europea, ne ha rigettato l’opposizione avverso il provvedimento di diniego della protezione internazionale e di mancato riconoscimento del diritto a quella umanitaria, nella inattendibilità del racconto reso e nella insussistenza dei presupposti della richiesta protezione.

2. Il Ministero dell’interno si è costituito tardivamente al dichiarato fine di partecipare alla discussione ex art. 370 c.p.c., comma 1.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo di ricorso D.E.H.M.S. deduce la violazione delle norme di disciplina della cd. protezione umanitaria (D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, art. 5, comma 6, artt 18,18-bis, art. 22, comma 12-quater; D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 23; D.Lgs. 25 gennaio 2008, n. 25, art. 32, comma 3) e fatta valere l’applicazione non retroattiva del D.L. 113 del 2018 deduce la nullità del provvedimento impugnato con cui, si assume, si sarebbe invece diversamente determinato il tribunale.

2. Con il secondo motivo il ricorrente fa valere la violazione falsa applicazione del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 14, dell’art. 1 della Convenzione di Ginevra del D.Lgs. 19 novembre 2007, n. 251, art. 3, commi 1-5 e art. 14; D.Lgs. 25 gennaio 2008, n. 25, art. 8, comma 3 e art. 11, e vizio di motivazione, per avere il tribunale rigettato la domanda di protezione sussidiaria ex art. 14, lett. c) cit. senza aver acquisito le necessarie informazioni sulla situazione del paese di origine, in violazione del dovere di collaborazione istruttoria, anche ai fini del riconoscimento della protezione umanitaria.

3. In via preliminare deve darsi atto che le Sezioni Unite civili di questa Corte, nel pronunciare su questione di massima di particolare importanza oggetto di contrasto in tema di protezione internazionale, per una interpretazione della portata precettiva della norma in esame, ritenuta compatibile con il quadro del diritto dell’Unione Europea e con i principi di diritto costituzionale nonché della Convenzione Europea dei diritti dell’uomo, hanno affermato con la recentissima sentenza n. 15177 del 1 giugno 2021 il seguente principio:

“il D.Lgs. 25 gennaio 2008, n. 25, art. 35 bis, comma 13, nella parte in cui prevede che “La procura alle liti per la proposizione del ricorso per cassazione deve essere conferita, a pena di inammissibilità del ricorso, in data successiva alla comunicazione del decreto impugnato; a tal fine il difensore certifica la data di rilascio in suo favore della procura medesima” richiede, quale elemento di specialità rispetto alle ordinarie ipotesi di rilascio della procura speciale regolate dagli artt. 83 e 365 c.p.c., il requisito della posteriorità della data rispetto alla comunicazione del provvedimento impugnato, prevedendo una speciale ipotesi di “inammissibilità del ricorso”, nel caso di mancata certificazione della data di rilascio della procura in suo favore da parte del difensore. Nella procura predetta, pertanto, deve essere contenuta in modo esplicito l’indicazione della data successiva alla comunicazione del provvedimento impugnato ed il difensore può certificare, anche solo con una unica sottoscrizione, sia la data della procura successiva alla comunicazione che l’autenticità della firma del conferente”.

4. La procura speciale allegata al ricorso reca in calce la sola attestazione di autenticità, da parte dell’Avvocato Enrica Inghilleri, della firma apposta dal ricorrente, per l’adottata formula “e’ autentica” nulla attestando invece in ordine alla data, pure indicata nell’atto come quella del 6 marzo 2020, ed alla sua posteriorità rispetto al decreto impugnato, ai sensi e termini del D.Lgs. 25 gennaio 2008, n. 25, art. 35 bis, comma 13, come interpretato dalle richiamate SSUU.

5. Facendo applicazione del richiamato principio il ricorso è pertanto inammissibile essendo la procura nulla, non avendo il difensore certificato, anche solo con una unica sottoscrizione, insieme all’autenticità della firma del conferente, anche la data della procura successiva alla comunicazione del decreto impugnato.

6. Non occorre provvedere sulle spese essendo l’Amministrazione rimasta intimata.

7. Quanto al versamento del contributo unificato in adesione all’ulteriore principio di diritto affermato da SSUU n. 15177 citt., e per il quale “il versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato previsto dal D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, in caso di declaratoria di inammissibilità del ricorso per cassazione conseguente alla mancata presenza, all’interno della procura speciale, della data o della certificazione del difensore della sua posteriorità rispetto alla comunicazione del provvedimento impugnato, va posto a carico della parte ricorrente e non del difensore, risultando la procura affetta da nullità e non da inesistenza”, va disposto il pagamento del doppio contributo, se dovuto, a carico del ricorrente.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dal L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Prima civile, il 18 giugno 2021.

Depositato in Cancelleria il 20 ottobre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA