Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29032 del 13/11/2018

Cassazione civile sez. III, 13/11/2018, (ud. 21/09/2018, dep. 13/11/2018), n.29032

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – rel. Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. MOSCARINI Anna – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27545/2016 proposto da:

BT ITALIA SPA (già ALBACOM SPA), in persona dell’avvocato ILARIA

BONO, nella qualità di Direttore Affari Legali e Regolamentari

della BT Italia spa, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

SABOTINO, 22, presso lo studio dell’avvocato MARCO TRONCI, che la

rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

ARTIGIANA STAMPAGGIO DI C. V & C SNC IN LIQUIDAZIONE;

– intimata –

nonchè da:

ARTIGIANA STAMPAGGIO DI C. V & C SNC IN LIQUIDAZIONE, in

persona del liquidatore C.V., elettivamente domiciliato

in ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI 32, presso lo studio dell’avvocato LUCA

VALENTINOTTI, rappresentato e difeso dall’avvocato ERMINIA IMPERIO

giusta procura speciale in calce al controricorso e ricorso

incidentale;

– ricorrente incidentale –

contro

BT ITALIA SPA (già ALBACOM SPA), in persona dell’avvocato ILARIA

BONO, nella qualità di Direttore Affari Legali e Regolamentari

della BT Italia spa, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

SABOTINO, 22, presso lo studio dell’avvocato MARCO TRONCI, che la

rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del

controricorso;

– controricorrente all’incidentale –

avverso la sentenza n. 3435/2016 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 15/09/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/09/2018 dal Consigliere Dott. DANILO SESTINI.

Fatto

RILEVATO

che:

la BT Italia (già Albacom s.p.a.) ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza n. 3435/2016 emessa dalla Corte di Appello di Milano in data 12.9.2016 (depositata il 15.9.2016);

l’intimata Società Artigiana Stampaggio s.n.c. di C. V. e C. in liquidazione ha resistito a mezzo di controricorso contenente ricorso incidentale (cui la ricorrente ha resistito con proprio controricorso);

in data 9.8.2018, è stato depositato atto di rinuncia al ricorso, sottoscritto dal legale rappresentante della B.T. Italia e dal suo difensore, che risulta notificato al difensore della controricorrente; la controricorrente/ricorrente incidentale ha – a sua volta – notificato dichiarazione di accettazione e di rinuncia al proprio ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

la rituale rinuncia ai rispettivi ricorsi, notificata al difensore della controparte, comporta l’estinzione del giudizio, ex artt. 390 e 391 c.p.c.;

stanti la dichiarazione di avvenuta definizione transattiva compiuta dalla ricorrente e l’accettazione manifestata dalla controricorrente, sussistono le condizioni per l’integrale compensazione delle spese di lite;

non ricorrono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. n. 115 del 2002 , art. 13, comma 1 quater (cfr. Cass. n. 23175/2015).

P.Q.M.

la Corte dichiara l’estinzione del giudizio e compensa le spese di lite.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 21 settembre 2017.

Depositato in Cancelleria il 13 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA