Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 29008 del 17/12/2020

Cassazione civile sez. lav., 17/12/2020, (ud. 06/10/2020, dep. 17/12/2020), n.29008

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 6150/2018 proposto da:

V.M., domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la

CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato GIORGIO AZZALINI;

– ricorrente –

contro

ROOF & WALL PANEL S.R.L., IN CONCORDATO PREVENTIVO CON

CONTINUITA’ AZIENDALE, (già ROOF & WALL PANEL S.P.A., IN

CONCORDATO PREVENTIVO), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MERULANA 247, presso

lo studio dell’avvocato FRANCESCO DI GIOVANNI, che la rappresenta e

difende unitamente all’avvocato UMBERTO SARACCO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 321/2017 della CORTE D’APPELLO di TRIESTE,

depositata il 27/10/2017 R.G.N. 171/2016;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

06/10/2020 dal Consigliere Dott. NICOLA DE MARINIS;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CELESTE Alberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza del 27 ottobre 2017, la Corte d’Appello di Trieste, in riforma della decisione resa dal Tribunale di Pordenone, rigettava la domanda proposta da V.M. nei confronti della Roof & Wall Panel S.p.A. in concordato preventivo con continuità aziendale, alle cui dipendenze prestava lavoro come impiegato, domanda volta ad ottenere, previo riconoscimento della giusta causa di dimissioni invocata per il ritardo nel pagamento della retribuzione differito al mese di paga successivo a quello di riferimento, la condanna della Società alla restituzione degli importi trattenuti a titolo di indennità di preavviso.

La decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto infondata l’eccezione di inammissibilità del gravame sollevata dalla Società per risultare dall’atto i termini dell’impugnazione ma infondato nel merito il gravame, stante l’inconfigurabilità nella specie dell’invocata giusta causa in quanto rispondente il ritardo nella corresponsione della retribuzione ad una prassi consolidata ben nota al V., che non aveva fatto constare il proprio dissenso fino all’improvvisa lettera di dimissioni, neppure a margine della vertenza ad altro titolo insorta tra le parti e definita con accordo conciliativo.

Per la cassazione di tale decisione ricorre il V., affidando l’impugnazione a tre motivi, cui resiste, con controricorso, la Società.

Il ricorrente ha poi presentato memoria.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, il ricorrente, nel denunciare il vizio di omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio in una con la violazione e falsa applicazione dell’art. 2119 c.c., lamenta l’incongruità dell’iter logico-argomentativo su cui la Corte territoriale ha fondato il proprio convincimento circa l’inconfigurabilità nella specie della giusta causa di dimissioni, incongruità che ricollega all’omessa considerazione di quanto comprovato in ordine al mancato pagamento alla data delle dimissioni della retribuzione del mese di dicembre 2014 e della 13 relativa allo stesso anno.

Con il secondo motivo, la medesima censura in ordine all’error in iudicando in cui sarebbe incorsa la Corte territoriale è prospettata in termini reciproci adducendo la violazione dell’art. 2119 c.c., per la mancata valutazione della giusta causa di dimissioni derivata dall’omesso accertamento degli inadempimenti addotti a sostegno della dedotta ricorrenza della stessa.

Nel terzo motivo la violazione e falsa applicazione dell’art. 2119 c.c., è nuovamente prospettata sotto l’ulteriore profilo dello scostamento della pronunzia resa dalla Corte territoriale dagli orientamenti in punto di valutazione della giusta causa accolti da questa Corte che imporrebbero l’accertamento della ricorrenza e della gravità dell’inadempimento imputato al datore, che si assume essere stato omesso dalla Corte territoriale.

I tre motivi, che, in quanto strettamente connessi, possono essere qui trattati congiuntamente, devono ritenersi infondati, limitandosi il ricorrente ad opporre una propria valutazione circa il carente apprezzamento dell’inadempimento addotto a giustificazione dell’invocata giusta causa e della gravità dello stesso rispetto all’omessa tempestiva contestazione dell’inadempimento medesimo da parte del ricorrente rispetto all’apprezzamento che di tali circostanze risulta effettivamente operato dalla Corte territoriale ed in adeguata ponderazione con il comportamento della Società datrice, per aver la Corte stessa ritenuto il ritardo nei pagamenti delle retribuzioni, ivi comprese quelle relative al mese di dicembre 2014 ed alla 13 del 2014 addotto a sostegno dell’invocata giusta causa legittimo per inquadrarsi in una prassi consolidata e dunque frutto di una volontà adesiva del ricorrente, confermata dalla mancata inclusione della relativa contestazione nell’ambito della vertenza insorta tra il ricorrente stesso e la Società, tale da non giustificare la ricorrenza della giusta causa.

Il ricorso va, dunque, rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.000,00 per compensi, oltre spese generali al 15% ed altri accessori di legge. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 6 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA