Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28943 del 08/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 08/11/2019, (ud. 24/09/2019, dep. 08/11/2019), n.28943

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso per regolamento di competenza iscritto al n. 20949/2018

R.G., proposto da:

AVV. GRANATA PIERFRANCESCO, con domicilio eletto in Roma, alla Via

Circumvallazione Clodio n. 36/A.

-RICORRENTE –

contro

CUMA SUD S.R.L., in persona del legale rappresentante p.t.,

rappresentata e difesa dall’avv. Sergio Manfredonia, con domicilio

in Cronte, alla Via dei Cappuccini n. 48, presso lo studio dell’avv.

Daniele Fischetto.

-RESISTENTE-

avverso l’ordinanza del Tribunale di Catanzaro, depositata in data

25.5.2018.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24.9.2019 dal Consigliere Giuseppe Fortunato; lette

le conclusioni scritte del Pubblico Ministero in persona del

Sostituto Procuratore Generale Carmelo Sgroi, che ha concluso

chiedendo di rigettare il ricorso.

Fatto

RILEVATO

CHE:

– L’avv. Pierfrancesco Granata ha adito il Tribunale di Catanzaro, con domanda ex art. 702 bis c.p.c., chiedendo la condanna della Cuma s.r.l. al pagamento dei compensi, oggetto di specifica convenzione tra le parti, per la difesa svolta nell’interesse del resistente, dinanzi al Tribunale e alla Corte di appello di Napoli.

– la società convenuta ha eccepito l’incompetenza del giudice adito e ha proposto riconvenzionale per il risarcimento del danno, assumendo che i giudizi in cui il ricorrente aveva svolto il patrocinio, si erano conclusi con pronuncia dichiarativa del difetto di giurisdizione e con condanna al pagamento delle spese di causa.

– il Tribunale ha accolto l’eccezione proposta dalla convenuta e ha dichiarato – rispettivamente – la competenza per territorio del tribunale e della Corte d’appello di Napoli (in relazione alle attività svolte dinanzi a ciascun ufficio giudiziario), ritenendo che la domanda fosse sottoposta al rito sommario speciale di cui al D.Lgs. n.. 150 del 2011, art. 14, e ai criteri di competenza ivi enunciati.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

– ove sia proposto ricorso ex art. 42 c.p.c., questa Corte è tenuta a valutare la correttezza della pronuncia anche su profili diversi da quelli dedotti dalle parti;

– che il giudice di merito ha – nella sostanza – escluso che, ove il compenso chiesto dal difensore sia relativo ad attività svolta in giudizi svoltisi in più gradi, possa esser proposta un’unica domanda dinanzi all’ufficio giudiziario di grado superiore o a quello che abbia conosciuto per ultimo della controversia; che la soluzione di tale questione è stata rimessa alle sezioni unite con ordinanza n. 16212/2019, dovendosene dunque attendere l’esito.

P.Q.M.

Rinvia a nuovo ruolo, in attesa della pronuncia delle Sezioni unite sollecitata con ordinanza di rimessione n. 16212/2019.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 24 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA