Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28932 del 12/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 12/11/2018, (ud. 20/09/2018, dep. 12/11/2018), n.28932

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19605/2014 proposto da:

POSTE ITALIANE SPA, (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, V.LE MAZZINI 134, presso lo studio dell’avvocato LUIGI

FIORILLO, rappresentata e difesa dall’avvocato GAETANO GRANOZZI,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

I.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MONTE

SANTO 10A, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO FOSCHIANI,

rappresentato e difeso dall’avvocato DOMENICO MALARA, giusta delega

in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1239/2012 della CORTE D’APPELLO di REGGIO

CALABRIA, depositata il 19/02/2014 595/2009.

Fatto

RILEVATO

Che:

1. Con sentenza n. 1239/2012 la Corte d’appello di Reggio Calabria, confermando la pronuncia del giudice di prime cure, rigettava il gravame di Poste Italiane s.p.a. ed accoglieva la domanda di I.C., dipendente della suddetta società, di riconoscimento del diritto ad essere inquadrato nell’area quadri, 2^ livello CCNL 1994, in virtù delle mansioni di fatto da lui espletate sin dal febbraio 1995 quale sottocapo al reparto AP (Arrivi e Partenze e, dal 2000, al reparto Transiti) con autonomia di iniziativa nell’ambito di direttive generali;

2. per la cassazione della sentenza ricorre la società affidandosi a due motivi e il lavoratore resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

3. la società Poste Italiane ha depositato, con memoria precedente l’udienza di discussione, copia di verbale di conciliazione in sede sindacale concluso tra le parti in data 25.5.2018.

4. Osserva il Collegio che nella specie deve dichiararsi cessata la materia del contendere. Dal verbale di conciliazione prodotto in copia risulta che le parti hanno raggiunto un accordo transattivo concernente la controversia de qua, ove il lavoratore ha rinunciato al diritto derivante dalla controversia decisa dalla Corte di appello di Reggio Calabria con sentenza 1239/2012 e la società ha rinunciato, a sua volta, alla proposizione dell’impugnazione presso la Corte di Cassazione, con corresponsione, a tale titolo, di una somma.

Con il detto verbale, quindi, le parti si sono date reciprocamente atto del sopravvenuto mutamento della situazione sostanziale dedotta in giudizio, idoneo a determinare la cessazione della materia del contendere fra le parti stesse che va dichiarata in questa sede (v. fra le altre Cass. 8.7.2010 n. 16150, Cass. 30.1.2014 n. 2063).

Infine, deve procedersi alla compensazione delle spese di lite fra le parti ex art. 92 c.p.c., comma 3.

P.Q.M.

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere e compensa fra le parti le spese di lite.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 20 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA