Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28861 del 12/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 12/11/2018, (ud. 16/10/2018, dep. 12/11/2018), n.28861

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 6769/2018 proposto da:

BANCO BPM SPA, in persona del procuratore speciale dott.ssa Elga

Fontanini, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA TOMMASO SALVINI

55, presso lo studio dell’avvocato CARLO D’ERRICO, che la

rappresenta e difende unitamente agli avvocati CRISTINA BIGLIA,

GIUSEPPE MERCANTI;

– ricorrente –

contro

V.G.C., C.M.C., elettivamente

domiciliati in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE, 124, presso lo studio

dell’avvocato CARLA CORDESCHI, rappresentati e difesi dall’avvocato

ANDREA PETTINI;

– controricorrente –

avverso l’ordinanza n. 20623/2017 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 31/08/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 16/10/2018 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

Fatto

RILEVATO

che:

il Banco BPM s.p.a. ha proposto istanza di revocazione dell’ordinanza n. 20623-17 con la quale questa Corte, per quanto ancora rileva, ha accolto il ricorso principale di V.G.C. e di C.M.C. avverso la sentenza della corte d’appello di Firenze del 249-2012;

tale sentenza aveva dichiarato estinto, per inesistenza della notificazione dell’istanza di fissazione di udienza (del D.Lgs. n. 5 del 2003, art. 8, recante il processo cd. societario), il giudizio intrapreso dai medesimi V.- C. contro la banca;

in accoglimento dei due motivi di ricorso principale, allora proposti, l’ordinanza n. 20623-17, cassando la sentenza d’appello con rinvio, ha osservato che la notificazione diretta a mezzo fax dell’atto da parte del difensore di una parte a quello dell’altra era in effetti invalida, ma non inesistente; donde la nullità della notificazione era sanabile ai sensi dell’art. 156 c.p.c.;

nello specifico la nullità era stata, a dire della Corte, sanata dal raggiungimento dello scopo conseguito con la conoscenza, “da controparte ammessa”, degli atti che erano stati comunicati a mezzo fax: la memoria del D.Lgs. n. 5 del 2003, ex art. 7, notificata il 24 ottobre 2005, cui era seguita la replica notificata il 30 ottobre 2005, con assegnazione del termine; nonchè l’istanza ex art. 8 D.Lgs. citato, notificata il 16 novembre 2005, cui era seguita la memoria ex art. 10 D.Lgs. citato a opera della convenuta, la quale aveva dato atto del ricevimento anche della replica del 24 ottobre (in base pure alla pag. 7 della sentenza ivi impugnata); e il fatto che la memoria fosse tardiva non consentiva la decorrenza anticipata al termine di fissazione dell’udienza comunque utilizzato;

il Banco BPM denunzia al riguardo un duplice motivo di revocazione;

V. resiste con controricorso;

entrambe le parti hanno depositato una memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

secondo la ricorrente, l’ordinanza sarebbe revocabile poichè (a) si sarebbe dovuta considerare la non corrispondenza tra la copia della memoria del 24 ottobre 2005, trasmessa via fax, e l’originale depositato dagli attori in cancelleria; (b) si sarebbe dovuta considerare di fatto inesistente la notifica, da parte del Banco, della memoria di replica del 30 ottobre 2005;

il ricorso per revocazione, ad avviso del Collegio, è inammissibile; la sentenza o l’ordinanza pronunciata dalla Corte di cassazione è suscettibile di revocazione (art. 391-bis c.p.c.) se affetta da errore di fatto ai sensi dell’art. 395, n. 4;

vi è questo errore quando la decisione è fondata sulla supposizione di un fatto la cui verità è incontrastabilmente esclusa, oppure quando è supposta l’inesistenza di un fatto la cui verità è positivamente stabilita, “e tanto nell’uno quanto nell’altro caso se il fatto non costituì un punto controverso sul quale la sentenza ebbe a pronunciare”;

in sostanza, l’errore revocatorio rileva solo se incidente su un punto non controverso e non costituente necessario oggetto di pronuncia; nel caso di specie la questione controversa atteneva proprio alla rilevanza della sanatoria della nullità della notificazione dell’istanza di fissazione di udienza a motivo degli atti sopra menzionati, la quale sanatoria era stata dedotta col secondo motivo di ricorso;

in particolare la sentenza d’appello, dichiarativa dell’estinzione del giudizio, era stata censurata deducendo quei medesimi fatti, siccome risultanti dagli atti del processo; e dunque la violazione o falsa applicazione dell’art. 156 c.p.c.”perchè, al più, la notificazione era nulla e non inesistente, con sanatoria della stessa, attesa l’incontestata circostanza della sua recezione e conoscenza da parte del difensore di controparte” in base alla “notifica a mezzo fax sia della memoria del 21 ottobre 2005, sia dell’istanza di fissazione dell’udienza del 16 novembre 2005”;

quello afferente era, dunque, il punto controverso sul quale la Cassazione era chiamata a decidere mediante diretto esame degli atti processuali, essendo stato dedotto un vizio in procedendo; e ciò esclude in radice ogni possibilità di assumere l’attuale doglianza come diretta a far valere un errore di tipo revocatorio;

le spese seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 5.100,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella percentuale di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 16 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 12 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA