Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2886 del 03/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 03/02/2017, (ud. 10/01/2017, dep.03/02/2017),  n. 2886

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TIRELLI Francesco – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – rel. Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. PERRINO Angelina Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso n. 12679/12, proposto da:

Agenzia delle Entrate s.p.a., in persona del legale rappres. p.t.,

elett.te domic. presso l’avvocatura dello Stato da cui è rappres. e

difesa come per legge;

– ricorrente –

CONTRO

B.V., elett.te domic. in Foggia, alla via V.E. Perrone n. 1/A,

presso gli avv. Ciriaco Danza e Gennaro Fredella, che lo rappres. e

difendendo, con procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 435/3/2011 della Commissione tributaria

regionale della Puglia, depositata il 31/3/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/1/2017 dal consigliere Dott. Rosario Caiazzo;

udito il difensore della parte ricorrente, avv. Caselli;

udito il P.M., in persona del sostituto procuratore generale Dott. DE

AUGUSTINIS Umberto, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

FATTI DI CAUSA

B.V. impugnò, con distinti ricorsi, innanzi alla CTP di Foggia, cinque avvisi d’accertamento e sei avvisi d’irrogazione di sanzioni, in tema d’iva, che erano seguiti ad un p.v.a. redatto dalla g.d.f, che aveva accertato lo svolgimento, da parte del B., di attività di imprenditore commerciale, oltre a quella di imprenditore agricolo, nonchè alcune violazioni formali relative all’omessa dichiarazione Iva.

In particolare, l’ufficio aveva desunto lo svolgimento dell’attività imprenditoriale commerciale dal rinvenimento di alcuni quaderni nella disponibilità del contribuente.

La CTP, riuniti i ricorsi, accolse l’impugnazione, ritenendo non sufficientemente dimostrata tale attività.

L’agenzia delle entrate propose appello avverso tale sentenza, rigettato dalla CTP in ordine alla questione della prova dell’attività commerciale, ed accolto in ordine all’omissione di pronuncia afferente alle altre violazioni. contestate dall’ufficio, evidenziando altresì la sussistenza degli obblighi di cui al D.P.R. n. 633 del 1972, artt. 28, 34 e 39.

L’agenzia delle entrate ha proposto ricorso per cassazione, formulando due motivi.

Con il primo l’agenzia ha denunciato la violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 2 e art. 2730 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, argomentando che il giudice d’appello aveva erroneamente disconosciuto l’equivalenza tra il ritrovamento di quaderni extracontabili e l’inattendibilità della contabilità, non considerando altresì che il contribuente aveva dichiarato a verbale – con valore sostanzialmente confessorio – che alcuni di tali quaderni erano stati effettivamente da lui redatti (seppure successivamente il B. avesse negato ciò, attribuendo ai figli la redazione del contenuto dei suddetti quaderni a titolo di “esercitazioni scolastiche”).

Con il secondo motivo, l’agenzia ha lamentato la violazione degli artt. 2699 c.c. e segg. e l’omessa e insufficiente motivazione della sentenza impugnata, in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, circa la rilevanza indiziaria, ai fini dell’accertamento induttivo espletato, dell’attività d’accertamento compiuta dalla g.d.f..

Resiste il B., con controricorso, eccependo l’inammissibilità dei motivi, perchè non ritenuti relativi a questioni di diritto, e comunque la relativa infondatezza.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Preliminarmente, il collegio delibera di redigere la sentenza nella forma semplificata.

I due motivi possono essere esaminati congiuntamente, data la relativa connessione.

Il ricorso è fondato.

La sentenza impugnata è affetta da violazione di legge nella parte in cui la CTR ha argomentato che “il semplice rinvenimento di alcuni quaderni, di dubbia attribuibilità, non potesse essere sufficiente a provare un’attività commerciale non dichiarata, in mancanza di altri riscontri esterni che potessero confermare il quadro indiziario” e che “non vi è alcun riscontro relativo ai presunti clienti dell’attività contestata al B., nè altri riscontri, in particolare accertamenti bancari, i quali, al contrario, provano la sussistenza di modesti movimenti di capitali non collimanti con il volume dell’attività economica presunta”.

Al riguardo, la CTR non ha correttamente applicato la consolidata giurisprudenza della Corte secondo cui il rinvenimento di documenti extracontabili legittima l’accertamento induttivo, determinando l’insorgenza dell’onere della prova contraria in capo al contribuente.

Peraltro, quest’ultimo ha riconosciuto, a verbale, di aver sottoscritto alcuni dei suddetti documenti (fg. 42, righe 12-24 del p.v.c., prodotto in primo grado, il cui contenuto è stato riportato nel ricorso), sebbene negando che essi riguardassero cessioni commerciali, e quantunque tale ammissione sia stata poi esclusa nelle difese espresse nel corso del giudizio, avendo il contribuente ascritto ad un figlio-studente la compilazione dei medesimi documenti per finalità di esercitazioni di ragioneria (pag. 2 dei ricorsi di primo grado, come riportato in ricorso).

Inoltre, parte ricorrente ha addotto l’esecuzione di controlli incrociati, come desumibile dal p.v.c., in cui sono annotati nomi di cedenti, acquirenti, i prodotti ceduti e i relativi importi delle cessioni afferenti all’attività commerciale attribuita al B..

Al riguardo, occorre richiamare la costante giurisprudenza della Corte secondo cui in tema di IVA, il rinvenimento di una contabilità informale, tenuta su un brogliaccio (ma anche di agende-calendario, block notes, matrici di assegni, estratti di conti correnti bancari), costituisce indizio grave, preciso e concordante dell’esistenza di imponibili non riportati nella contabilità ufficiale, che legittima l’amministrazione finanziaria a procedere ad accertamento induttivo, ai sensi del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 54 (Cass., 27.3.2006, n. 6949).

Al riguardo, la S.C. ha confermato una sentenza impugnata, la quale aveva desunto l’esistenza di acquisti di merce non fatturati da annotazioni contenute in un tabulato esibito dal contribuente e contenente l’inventario di magazzino, con indica i prezzi di vendita, le cui risultanze erano state confermate dall’esame del campionario effettuato dai verbalizzanti (Cass., 25.3.2009, n. 7184).

Nell’ambito di tale orientamento, è stato altresì rilevato che in tema di accertamento dell’IVA, il ricorso al metodo induttivo è ammissibile anche in presenza di una contabilità formalmente regolare, ai sensi del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 54, il quale autorizza l’accertamento anche in base ad “altri documenti” o “scritture contabili” (diverse da quelle previste dalla legge) o ad “altri dati e notizie” raccolti nei modi prescritti dagli articoli precedenti, potendo le conseguenti omissioni o false o inesatte indicazioni essere indirettamente desunte da tali risultanze ovvero anche in esito a presunzioni semplici, purchè gravi, precise e concordanti; fermi restando, infatti, i limiti di efficacia delle scritture contabili delle imprese soggette a registrazione, anche le altre scritture provenienti dall’imprenditore possono operare come prova “contra se”, non potendo tale parte invocare la non corrispondenza al vero delle proprie annotazioni cartacee (Cass., 20.6.2014, n. 14068).

Ora, il giudice d’appello non ha fatto corretta applicazione dei suddetti principi, avendo altresì immotivatamente svilito ogni valore indiziario del contenuto della documentazione extracontabile rinvenuta, la cui riconducibilità al B. è plausibilmente predicabile, considerando sia la suddetta parziale ammissione, sia la tardiva ed inverosimile successiva negazione, con la relativa giustificazione nel corso del processo.

Pertanto, la sentenza impugnata va cassata, con rinvio alla CTR.

PQM

accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata. Rinvia alla CTR della Puglia, in diversa composizione, anche per le spese del presente giudizio.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 10 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA