Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28824 del 09/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 09/11/2018, (ud. 02/10/2018, dep. 09/11/2018), n.28824

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 10156/2018 proposto da:

LUX VOTIVA SRL, in persona dell’Amministratore Unico, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA BARBERINI 29, presso lo studio

dell’avvocato MANFREDI BETTONI, rappresentata e difesa dall’avvocato

TIZIANO GIOVANELLI;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI CORTE PALASIO;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 3249/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 09/02/2018;

udita la relazione della causa nella Camera di consiglio non

partecipata del 02/10/2018 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO

MARULLI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con il ricorso in atti Lux Votiva s.r.l. chiede la correzione dell’errore materiale contenuto nell’epigrafata ordinanza di questa Corte che nel dispositivo reca le parole “e compensa le spese relative ai giudizi di merito”, ancorchè il ricorso avversario fosse stato rigettato e nella motivazione non fosse stata mai adombrata alcuna diversa valutazione in ordine alla condanna della controparte alla refusione delle spese.

2. Premesso che secondo il giudizio di questa Corte “l’errore materiale, suscettibile di correzione ai sensi degli artt. 287 c.p.c. e segg., si sostanzia in una mera svista del giudice, sicchè non incide sul contenuto concettuale della decisione, ma si concretizza in una divergenza fra l’ideazione e la sua materiale rappresentazione grafica” (Cass., Sez. 1, 9/09/2005, n. 17977), nella specie la ricorrenza di esso è manifesta, risultando per tabulas, onde il ricorso merita integrale accoglimento

3. Il provvedimento di che trattasi va perciò emendato in conformità alla richiesta.

Nulla spese.

P.Q.M.

Ordina la correzione dell’errore materiale contenuto nell’ordinanza n. 3249/18 di questa Corte e dispone:

che al rigo 10 della pagina 5 si espungano le parole da “e” a “merito”.

Manda la cancelleria perchè faccia annotazione della disposta correzione sull’originale di detta ordinanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Sesta Civile – 1, il 2 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 9 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA