Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28781 del 30/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 28781 Anno 2013
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: CICALA MARIO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 10582-2011 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE 06363391001, in persona del
Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in
ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA
GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope
legis;
– ricorrente contro

MAGGIOROTTI

GIUSEPPINA MGGGPP46D68H2190,

DUFFAUT

VALENTINA DFFVNT77S67B791P, DUFFAUT MATTEO
DFFMTT74R05B791J, elettivamente domiciliati in ROMA,
VIA ARTURO GRAF 23, presso lo studio dell’avvocato
GIOVANNA SANFILIPPO, rappresentati e difesi
dall’avvocato SPERANZA MICHELE giusta procura a

Data pubblicazione: 30/12/2013

margine del controricorso;
– controricorrenti nonchè contro
TERMOGAS SRL;
– intimata –

TRIBUTARIA REGIONALE di VENEZIA del 12/10/2010,
depositata il 14/12/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del 04/12/2013 dal Presidente Relatore Dott.
MARIO CICALA.

avverso la sentenza n. 92/19/2010 della COMMISSIONE

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE
Oggetto: invio alla P.U.
Reg. Gen. 10582/2011
RICORRENTE: Agenzia delle entrate
INTIMATO: Termogas srl, Maggiorotti Giuseppina, Marco e Valentina Duffaut
L’Agenzia delle entrate ricorre per cassazione avverso la sentenza 92/19/10 del 14 dicembre
2010 della Commissione Tributaria Regionale del Veneto — Mestre
contribuenti si sono

costituiti in giudizio.

Il collegio ritiene non sussistano i presupposti per la decisione in camera di consiglio e che la
controversia debba essere devoluta alla sezione ordinaria.
Pqm
La Corte rinvia la causa a n.r. disponendo la trasmissione degli atti alla sezione ordinaria.
Così deciso nella camera di consiglio della sesta sezione civile il giorno 4 dicembre 2013
Il presi4ite e relatore

I

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA