Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28776 del 07/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 07/11/2019, (ud. 23/05/2019, dep. 07/11/2019), n.28776

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffae – Presidente –

Dott. GRAZIOSI Chia – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emil – Consigliere –

Dott. GIANNITI Pasqua – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabrie – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3871-2018 proposto da:

E. P. & C. SNC, in persona dell’Amministratore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, VIA COSTANTINO MORIN 45, presso

lo studio dell’avvocato MICHELE ARDITI DI CASTELVETERE, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

UNIPOL SAI ASSICURAZIONI SPA, in persona del Procuratore pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEL CORSO 504, presso lo

studio dell’avvocato NICOLA IELPO, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato MARIO IELPO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 7291/2017 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 17/ 11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 23/05/2019 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

GRAZIOSI.

La Corte.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che: con atto di citazione notificato il 23 marzo 2005 Milano Assicurazioni S.p.A. conveniva davanti al Tribunale di Roma E. P. C. s.n.c. adducendo di avere assicurato Compagnia Generale Abbigliamento S.r.l. e di averla poi indennizzata per le conseguenze di un incendio in locali che questa deteneva, incendio propagatosi da locali di proprietà della convenuta e condotti in locazione da Studio Esse Arredamenti Contemporanei S.r.l.; agiva quindi per rivalsa, chiedendo tra l’altro che la convenuta fosse dichiarata responsabile ex art. 2051 c.c., dell’incendio e che fosse condannata conseguentemente;

rilevato che la convenuta si costituiva resistendo;

rilevato che con sentenza n. 2872/2009 il Tribunale dichiarava E. P. C. s.n.c. esclusiva responsabile ai sensi dell’art. 2051 c.c., e la condannava a corrispondere a controparte la somma di Euro 390.120,30 oltre interessi;

rilevato che E. P. C. s.n.c. proponeva appello principale e la compagnia assicuratrice, divenuta UnipolSai Assicurazioni S.p.A., proponeva appello incidentale;

rilevato che la Corte d’appello di Roma, con sentenza del 17 novembre 2017, rigettava l’appello principale e dichiarava assorbito quello incidentale;

rilevato che E. P. C. s.n.c. ha proposto ricorso, da cui si è difesa con controricorso UnipolSai Assicurazioni S.p.A.;

rilevato che la ricorrente ha tempestivamente depositato rinuncia al ricorso, onde il giudizio si è estinto ai sensi dell’art. 390 c.p.c.;

rilevato che, non essendovi accettazione della controricorrente alla rinuncia che le è stata ritualmente notificata -, in applicazione dell’art. 391 c.p.c., la ricorrente va condannata a rifonderle le spese, liquidate come da dispositivo.

P.Q.M.

Dichiara estinto il giudizio di cassazione per rinuncia della ricorrente, condannando la ricorrente a rifondere alla controricorrente le spese processuali, liquidate in complessivi Euro 4000, oltre a Euro 200 per gli esborsi e al 15% per spese generali, nonchè agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 23 maggio 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA