Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28729 del 16/12/2020

Cassazione civile sez. trib., 16/12/2020, (ud. 28/10/2020, dep. 16/12/2020), n.28729

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. CASTORINA Rosaria Maria – rel. Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – Consigliere –

Dott. MELE Francesco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso iscritto al n. 3906/2012 R.G. proposto da:

Gruppo B. s.r.l., Società Unipersonale, rappresentata e difesa

dall’Avv. Luca Giusti, con domicilio eletto presso quest’ultimo in

Roma, via Federico Cesi, 44, giusta procura speciale a margine del

ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via

dei Portoghesi n. 12;

– resistente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale del Veneto

n. 112/05/11, depositata il 12.12.2011.

Udita la relazione svolta alla pubblica udienza del 28.10.2020 dal

Consigliere Rosaria Maria Castorina.

Udito il PG in persona del sostituto Mucci Roberto il quale ha

concluso per l’estinzione del giudizio.

Udito l’Avvocato Luca Giusti per la ricorrente.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Agenzia delle Entrate emetteva nei confronti della Società Unipersonale Gruppo B. s.r.l., svolgente prevalentemente attività immobiliare, un avviso di accertamento per l’anno d’imposta 2004, con il quale l’Ufficio rettificava il reddito dichiarato sulla base delle verificate incongruenze tra i corrispettivi di vendita e l’importo dei mutui contratti da alcuni acquirenti, il raffronto tra i valori di costo e i ricavi e la antieconomicità delle operazioni esaminate.

Impugnato l’avviso da parte della società, la Ctp di Treviso accoglieva il ricorso.

L’Agenzia delle Entrate proponeva appello e la CTR del Veneto, con sentenza n. 112/05/2011 depositata il 12.12.2011 lo accoglieva affermando che le presunzioni utilizzate dall’ufficio avevano legittimato la ricostruzione relativa a corrispettivi non integralmente dichiarati e non sottoposti correttamente a tassazione.

Avverso la sentenza della CTR la Società contribuente ha proposto ricorso per cassazione affidato a motivi articolati dalla lettera A alla N.

L’Agenzia delle Entrate si è costituita al solo fine dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

Con memoria del 19.10.2020 la ricorrente comunicava di avere avviato domanda agevolata di definizione della lite pendente e dichiarava di rinunciare agli atti del giudizio e al ricorso.

La rinunzia al ricorso per cassazione ha carattere meramente recettizio, in quanto ai sensi dell’art. 390 c.p.c., esige che essa sia notificata alle parti costituite o comunicata ai loro avvocati che vi appongono il visto (cfr. Cass., Sez. Un., 18 febbraio 2010, n. 3876; Cass. 31 gennaio 2013, n. 2259), mentre non richiede l’accettazione della controparte per essere produttiva di effetti processuali (Cass. 23 dicembre 2005, n. 28675; Cass. 15 ottobre 2009, n. 21894; Cass. 5 maggio 2011, n. 9857; Cass. 26 febbraio 2015, n. 3971).

In assenza di accettazione il ricorso deve essere dichiarato inammissibile per sopravvenuta carenza di interesse.

Nulla per spese, essendosi controparte costituita al solo fine dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione.

Si dà infine atto della non sussistenza dei presupposti processuali di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, essendo sopravvenuta l’inammissibilità in corso di causa.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 28 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA