Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28726 del 09/11/2018

Cassazione civile sez. trib., 09/11/2018, (ud. 21/06/2018, dep. 09/11/2018), n.28726

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. FANTICINI Giovanni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23172-2011 proposto da:

C.C., elettivamente domiciliato in ROMA VIA SIMON

BOCCANEGRA 8, presso lo studio dell’avvocato FABIO GIULIANI, che lo

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

e contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ROMA (OMISSIS),

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI ROMA (OMISSIS)

UFFICIO TERRITORIALE DI CIVITAVECCHIA, MINISTERO ECONOMIA E FINANZE;

– intimati –

avverso la sentenza n. 155/201C della COMM.TRIB.REG. ci ROMA,

depositata il 21/07/2010;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/06/2018 dal Consigliere Dott. GIOVANNI FANTICINI.

Fatto

RILEVATO

CHE:

– sulla base di processo verbale di constatazione della Guardia di Finanza datato 30/12/1997, l’Ufficio delle Entrate di Civitavecchia, con avviso di rettifica n. 800262 del 29/11/2011 notificato a C.C. il 12/12/2001, provvedeva ad accertare l’I.V.A. per l’anno 1997, addebitando al contribuente le somme di Lire 28.333.000 a titolo di maggiore imposta dovuta e di Lire 35.416.000 per sanzioni inerenti all’omessa registrazione di fatture e corrispettivi e alla dichiarazione infedele;

– il ricorso del C. – il quale lamentava l’acritico recepimento delle conclusioni del processo verbale di constatazione e l’erroneità dei criteri impiegati per la determinazione della percentuale di ricarico – è stato parzialmente accolto dalla C.T.P. di Roma con la sentenza n. 50/50/08 del 26/3/2008, che riduceva la percentuale di ricarico al 20% (inferiore alla percentuale del 31,04%, individuata nell’avviso sulla scorta del processo verbale);

– proponevano impugnazione avverso la decisione sia il C., sia l’Agenzia delle Entrate; la C.T.R. di Roma, con la sentenza n. 155/06/10 del 21/7/2010, respingeva l’appello del contribuente e accoglieva quello dell’Ufficio, affermando che “il giudice che ritenga invalido l’accertamento per motivi sostanziali deve esaminare nel merito la pretesa tributaria e, operando una motivata valutazione sostitutiva… avendo riguardo dei criteri e le ragioni che lo hanno indotto a ridurre l’accertamento”, mentre, nel caso, “l’indice di ricarico ridotto dalla C.T.P. è privo di qualsiasi criterio e ragioni che possano giustificare la percentuale rettificata, che era scaturita da elementi certi ed incontrovertibili riportati nell’avviso di rettifica, che potevano essere corretti soltanto con elementi certi sostanziali e documentali, necessari per contrastare i motivi dell’accertamento operato;

– avverso tale decisione propone C.C. propone ricorso per cassazione, affidato a sei motivi;

resiste con controricorso l’Agenzia delle Entrate;

il ricorrente ha depositato memoria ex art. 380-bis.1 c.p.c.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. Col primo motivo il C. invoca il giudicato esterno derivante – in momento successivo alla decisione impugnata – dalla pronuncia di questa stessa Sezione n. 17076 del 21/7/2010, che, respingendo il ricorso dell’Agenzia delle Entrate, ha confermato la decisione dei giudici tributari di merito che avevano annullato le pretese erariali riguardanti i maggiori redditi per gli anni 1995 e 1996 accertati dalla Guardia di Finanza in base al ricarico del 31,04% considerato dal processo verbale di constatazione del 30/12/1997.

Il motivo è infondato.

Infatti, non può prospettarsi l’efficacia di giudicato in relazione a crediti tributari attinenti a diversi periodi d’imposta e a differenti tributi; se non con riguardo a ciurcostanze comuni costanti (1300/18);

2. E’ assorbente l’esame del quarto motivo, con cui il ricorrente deduce l’insufficienza della motivazione della sentenza impugnata; in particolare, la C.T.R. avrebbe mancato di fornire adeguato supporto argomentativo alla propria decisione di respingere l’appello nella parte in cui era stata (ri)determinata, in assenza di elementi tecnici e documentali, la percentuale di ricarico sulla merce venduta.

Il motivo è fondato.

Nel censurare la decisione di primo grado – che aveva equitativamente ridotto al 20% la percentuale di ricarico applicata dall’Agenzia nella misura del 31,04% – il giudice d’appello richiama la giurisprudenza di questa Corte secondo cui “il giudice tributario sull’accertamento non può cambiare l’ammontare delle imposte con una valutazione equitativa secondo parametri di esperienza”, ma “deve esaminare nel merito la pretesa tributaria”; per tale ragione è stato (correttamente) ritenuto “privo di qualsivoglia criterio e ragione” l’indice di ricarico apoditticamente individuato dalla C.T.P.

Tuttavia, discostandosi da tale corretta premessa, a sua volta la C.T.R. non ha condotto alcun esame sull’indice di ricarico indicato nell’accertamento e anzi – mancando al proprio compito di rendere una decisione sostitutiva sia della dichiarazione resa dal contribuente, sia dell’accertamento dell’Ufficio – si è limitata ad affermare, peraltro contraddittoriamente, che “gli altri motivi eccepiti nel ricorso sono già stati valutati dalla C.T.P.”.

Ne consegue la cassazione della sentenza con rinvio al giudice d’appello, in diversa composizione, anche per la statuizione sulle spese del giudizio di legittimità.

Restano assorbiti gli altri motivi.

P.Q.M.

LA CORTE

rigetta il primo motivo;

accoglie il quarto motivo;

dichiara assorbiti i restanti motivi;

cassa la decisione impugnata con rinvio alla C.T.R. di Roma, in diversa composizione, anche per la statuizione sulle spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Quinta Civile, il 21 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 9 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA