Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28723 del 07/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 07/11/2019, (ud. 10/09/2019, dep. 07/11/2019), n.28723

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGLIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. VALITUTTI Antonio – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1359-2019 proposto da:

J.K., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso

la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

CLAUDINE PACITTI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, (OMISSIS), COMMISSIONE TERRITORIALE PER IL

RICONOSCIMENTO DELLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DI (OMISSIS) SEZIONE

DI (OMISSIS), PROCURATORE GENERALE PRESSO LA CORTE DI CASSAZIONE;

– intimati –

avverso il decreto del TRIBUNALE di ROMA, depositato il 22/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 10/09/2019 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

VALITUTTI.

Fatto

RILEVATO

che:

J.K., cittadino del Gambia, ha proposto ricorso per cassazione, affidato ad un solo motivo, avverso il decreto n. 18084/2018, emesso dal Tribunale di Roma, depositato il 22 novembre 2018, con il quale è stata rigettata la domanda di protezione internazionale proposta dallo straniero;

l’intimato Ministero dell’Interno non ha svolto attività difensiva.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con l’unico motivo di ricorso – denunciando l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, – il ricorrente lamenta che il Tribunale non abbia ritenuto di concedere al medesimo la protezione sussidiaria, ai sensi dell’art. 14, lett. a), b) e c), nè la protezione umanitaria, sebbene sussistessero i relativi presupposti di legge.

Ritenuto che:

ai fini della concessione della protezione sussidiaria del D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 14, lett. a) e b), sia indispensabile, anche ai fini dei necessari approfondimenti istruttori, la credibilità e l’attendibilità della narrazione dei fatti effettuata dal richiedente;

la valutazione in ordine alla credibilità del racconto del cittadino straniero costituisca, peraltro, un apprezzamento di fatto rimesso al giudice del merito – e censurabile solo nei limiti di cui al novellato art. 360 c.p.c., n. 5, – il quale deve valutare se le dichiarazioni del ricorrente siano coerenti e plausibili, del D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 3, comma. 5, lett. c), costituente un parametro di attendibilità della narrazione;

il vizio di violazione di legge consista, invece, nella deduzione di un’erronea ricognizione, da parte del provvedimento impugnato, della fattispecie astratta recata da una norma di legge e implica necessariamente un problema interpretativo della stessa, e come tale è inammissibile in subiecta materia (Cass. 3340/2019);

in mancanza di credibilità dell’istante, debba, di conseguenza, escludersi la necessità e la possibilità stessa per il giudice di merito laddove non vengano dedotti fatti attendibili e concreti, idonei a consentire un approfondimento ufficioso – di operare ulteriori accertamenti.

Rilevato che:

nel caso concreto, il Tribunale ha ritenuto, con adeguata e logica motivazione, non attendibili le dichiarazioni del ricorrente, circa le ragioni per le quali avrebbe abbandonato il Gambia;

il Tribunale ha, invero, rilevato che la versione dei fatti che avrebbero indotto lo straniero a lasciare la Nigeria – ossia le minacce di morte ricevute dalla propria famiglia, per avere sposato, pur essendo musulmano, una donna cristiana – è del tutto inattendibile, non avendo il medesimo saputo neppure precisare quali familiari avrebbero voluto la sua morte, esponendosi, peraltro, al rischio delle gravi sanzioni penali previste nel Paese di origine, e non essendo verosimile la stessa circostanza dell’opposizione della famiglia al matrimonio, atteso che l’unione coniugale era stata tollerata per lungo tempo, tanto che l’istante ha anche avuto tre figli dalla moglie; dalla assoluta, riscontrata, non plausibilità della narrazione dei fatti, è correttamente conseguita la esclusione, da parte del Tribunale, della possibilità di concedere allo straniero la protezione sussidiaria, ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. a) e b);

la censura sul punto in esame e, peraltro, inammissibilmente, essendo del tutto generica, avendo il richiedente dedotto, come fatto decisivo per il giudizio, la sola non completa padronanza della lingua italiana da parte, e risolvendosi il mezzo, sul punto, in una astratta disamina dei principi giuridici in materia.

Ritenuto che:

per quanto concerne la protezione sussidiaria del D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 14, lett. c), la proposizione del ricorso al tribunale nella materia della protezione internazionale dello straniero non si sottragga all’applicazione del principio di allegazione dei fatti posti a sostegno della domanda, sicchè il ricorrente ha l’onere di indicare i fatti costitutivi del diritto azionato, pena l’impossibilità per il giudice di introdurli d’ufficio nel giudizio (Cass., 28/09/2015, n. 19197);

pertanto, soltanto quando il cittadino straniero che richieda il riconoscimento della protezione internazionale, abbia adempiuto all’onere di allegare i fatti costitutivi del suo diritto, sorga il potere-dovere del giudice di accertare anche d’ufficio se, ed in quali limiti, nel Paese straniero di origine dell’istante si registrino fenomeni di violenza indiscriminata, in situazioni di conflitto armato interno o internazionale, che espongano i civili a minaccia grave e individuale alla vita o alla persona, ai sensi D.Lgs. n. 251 del 2017, art. 14, lett. c), (Cass., 28/06/2018, n. 17069; Cass., 31/01/2019, n. 3016).

Rilevato che:

nel caso concreto, il Tribunale ha accertato la non attinenza dei fatti narrati dall’appellante alla situazione generale, socio-politica, del Gambia, avendo il medesimo fatto riferimento esclusivamente a vicende strettamente private, per di più prive di attendibilità;

ad ogni buon conto, il giudice di merito ha accertato – mediante il ricorso a fonti internazionali aggiornate, citate nel provvedimento -che la zona di provenienza del ricorrente non presenta una situazione di pericolo tale, derivante da situazioni di conflitto interne o internazionali, da porre in pericolo la vita o l’incolumità dei civili, ai sensi del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, lett. c), anche grazie al regime democratico introdotto dal nuovo presidente;

il motivo di ricorso si concreta, per contro, per un verso, in una generica disamina dei principi giuridici in materia, per altro verso, nell’allegazione di questioni di merito, inammissibili in questa sede.

Ritenuto che:

per quanto concerne la protezione umanitaria, la attendibilità della narrazione dei fatti che hanno indotto lo straniero a lasciare il proprio Paese svolga un ruolo rilevante, atteso che ai fini di valutare se il richiedente abbia subito nel paese d’origine una effettiva e significativa compromissione dei diritti fondamentali inviolabili, la situazione oggettiva del paese d’origine deve essere necessariamente correlata alla condizione personale che ha determinato la ragione della partenza, secondo le allegazioni del richiedente, la cui attendibilità soltanto consente l’attivazione dei poteri officiosi (Cass. 4455/2018).

Rilevato che:

nella specie – come dianzi detto – il ricorrente è stato ritenuto del tutto inattendibile dal Tribunale, che ha altresì accertato che nel suo Paese di origine non sussiste una situazione di grave violazioni dei diritti umani, mentre in Italia il richiedente non ha alcun inserimento effettivo nel tessuto sociale nazionale;

che il mezzo si risolve, per contro, nella mera, generica, esposizione dei principi giuridici in materia, senza l’indicazione di alcuna ragione di vulnerabilità prospettata al giudice di appello, che possa dare luogo all’applicazione della misura di protezione in esame.

Ritenuto che:

per tutte le ragioni esposte, il ricorso debba essere, pertanto, dichiarato inammissibile, senza alcuna statuizione sulle spese, attesa la mancata costituzione dell’intimato.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 10 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA