Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28710 del 16/12/2020

Cassazione civile sez. I, 16/12/2020, (ud. 14/10/2020, dep. 16/12/2020), n.28710

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Presidente –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. PACILLI Giuseppina Anna Rosaria – Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17848/2018 proposto da:

H.N., elettivamente domiciliato in Roma Via Barnaba Tortolini

n. 30, presso lo studio dell’avv. Ferrara Alessandro, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avv. Sari Lorenzo, giusta

procura speciale in calce al ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro pro tempore,

domiciliato in Roma, via dei Portoghesi 12, presso l’Avvocatura

generale dello Stato che lo rappresenta e difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1599/2018 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 29/03/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

14/10/2020 dal Cons. Dott. TERRUSI FRANCESCO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la corte di appello di Milano, con sentenza in data 29-32018, ha rigettato l’impugnazione di H.N., proveniente dal (OMISSIS), contro l’ordinanza del tribunale che ne aveva respinto la domanda di protezione internazionale;

a sostegno della decisione la corte d’appello ha evidenziato che l’estrema genericità del racconto del richiedente in ordine alle vicende vissute e l’omessa indicazione di elementi atti a circostanziarle e a contestualizzarle erano tali da escludere la possibilità di formulare un giudizio di verosimiglianza in ordine ai fatti posti a fondamento delle domande di protezione; ha quindi soggiunto che non potevano dirsi ricorrere i presupposti di nessuna delle misure tutorie invocate, e che in particolare, quanto alla protezione umanitaria (la sola che ancora qui rileva), le ragioni della migrazione erano state esclusivamente di tipo economico; a dire della corte d’appello l’inserimento lavorativo nel Paese ospitante non poteva costituire circostanza idonea a giustificare il rilascio del permesso per motivi umanitari;

H.N. ha proposto ricorso per cassazione in due motivi;

il Ministero dell’Interno ha replicato con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

I. – col primo motivo il ricorrente denunzia la violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3,5,6 e 14; D.Lgs. n. 25 del 2008, artt. 8 e 11 e 32; D.Lgs. n. 286 del 1998, artt. 5 e 19 (T.U. Imm.), artt. 2,3,10 e 117 Cost., in quanto l’estrema indigenza economica costituirebbe ragione tale da integrare i seri motivi umanitari;

col secondo motivo deduce inoltre l’omesso esame di fatto decisivo in relazione al profilo dell’integrazione socio-lavorativa proficuamente avviata dal richiedente la protezione umanitaria;

II. – il ricorso, i cui motivi possono essere esaminati congiuntamente per connessione, è inammissibile per la ragione che segue;

la corte d’appello ha considerato prioritariamente inattendibile il racconto posto dal richiedente al fondo della domanda di protezione internazionale, secondo le alternative forme tutorie;

contro tale valutazione non risultano prospettate censure;

il punto è dirimente e, quanto alla protezione umanitaria, assorbe ogni questione;

come questa Corte ha già avuto modo di affermare (v. Cass. n. 4455-18, Cass. n. 17072-18 e da ultimo Cass. Sez. U. n. 2954919), la natura residuale e atipica della protezione umanitaria (secondo il regime rilevante pro tempore) implica che il suo riconoscimento debba essere frutto di una valutazione autonoma e individualizzata, da eseguire caso per caso rispetto alle altre forme tipiche di protezione internazionale; in tale prospettiva non può essere riconosciuto allo straniero il diritto al permesso di soggiorno per motivi umanitari, di cui all’art. 5 del T.U. Imm., considerando, isolatamente e astrattamente, il suo livello di integrazione in Italia;

ciò stante, il ricorso omette di rapportarsi con la constatazione che, una volta stabilita la non credibilità del racconto posto a base della decisione di espatrio, nessun peso può essere in sè attribuito al livello di integrazione del richiedente in Italia, poichè ogni altro eventuale termine di comparazione – rappresentato dalla situazione personale vissuta nel paese di origine – è giustappunto da ritenere definitivamente minato dalla valutazione di non affidabilità;

III. – le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in Euro 2.100,00, oltre le spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 14 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 16 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA