Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28707 del 07/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 07/11/2019, (ud. 05/06/2019, dep. 07/11/2019), n.28707

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – Presidente –

Dott. ORICCHIO Antonio – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – rel. Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

Dott. MARCHEIS BESSO Chiara – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16793-2018 proposto da:

FARMACIA MASSARINI DI M.D.A.M. & C. SAS, in

persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE

di CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati CARNELLI

ANTONELLA, SEVESO MARCO;

– ricorrente –

contro

EUROPA SRL IN LIQUIDAZIONE IN CONCORDATO PREVENTIVO, in persona del

liquidatore giudiziale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

CRESCENZIO 25, presso lo studio dell’avvocato FAVRETTO VALERIO,

rappresentata e difesa dall’avvocato BETTELLA SILVIA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2681/2017 del TRIBUNALE di PADOVA, depositata

il 22/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 05/06/2019 dal Consigliere Relatore Dott. BESSO

MARCHEIS CHIARA.

Fatto

RITENUTO

Che:

1. Con atto di citazione del 12/6/2014 la Farmacia M. proponeva opposizione al decreto n. 964/2014 con cui il Giudice di pace di Padova le aveva ingiunto il pagamento della somma di Euro 1.514,54 in favore della società Europa s.r.l. in liquidazione; in particolare, l’opponente eccepiva in rito l’incompetenza territoriale del Giudice di pace di Padova e, nel merito, contestava l’esistenza del credito azionato dalla ricorrente in sede monitoria; l’opponente proponeva inoltre domanda riconvenzionale, con richiesta di condanna di Europa s.r.l. al pagamento in suo favore della somma di Euro 2.482,20.

Il Giudice di pace di Padova, con sentenza n. 1239/2015, revocava il decreto opposto, rigettava la domanda riconvenzionale dell’opponente e compensava la spese di lite tra le parti.

2. Avverso la sentenza proponeva appello Europa s.r.l. Costituitasi in giudizio, la Farmacia M. ribadiva l’eccezione di incompetenza territoriale e, nel merito, insisteva per l’accoglimento della pretesa spiegata in via riconvenzionale.

Con sentenza 22/11/2017, n. 2681, il Tribunale di Padova, ritenuta provata l’avvenuta consegna delle merce da parte di Europa s.r.l., ma non la sua restituzione da parte della Farmacia M., in riforma dell’impugnata sentenza confermava il decreto ingiuntivo opposto e rigettava la domanda riconvenzionale di parte appellata.

3. Contro la sentenza ricorre per cassazione la Farmacia M..

Resiste con controricorso Europa s.r.l., in liquidazione e in concordato preventivo.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

I. L’unico motivo di ricorso lamenta “motivazione apparente e avulsa dalle risultanze di causa in relazione alla prova dell’esistenza dell’ordinativo, omesso esame di un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti”: a fronte della contestazione, da parte della ricorrente, dell’ordinazione ad opera della medesima della merce di cui la controparte ha chiesto il pagamento, il giudice di secondo grado avrebbe “omesso qualsivoglia considerazione”, limitandosi ad una affermazione apodittica; circa poi il punto ancora più decisivo dell’avventa consegna la motivazione sarebbe illogica e incoerente.

Il motivo è inammissibile. La ricorrente lamenta nullità della sentenza a causa dell’apparenza, illogicità e contraddittorietà della motivazione e mancato esame di un fatto. Da un lato, però, il giudice d’appello ha esaminato il fatto, riconoscendo sinteticamente l’esistenza dell’ordinativo della merce e individuandolo nel prodotto documento n. 3; dall’altro lato ha ritenuto provata la consegna, ma non la restituzione della merce, con argomenti sottratti alla censura di questa Corte. Secondo le sezioni unite, infatti, il sindacato di legittimità sulla motivazione è oggi ridotto al minimo costituzionale, “con la conseguenza che risulta denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sè, purchè il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali” (Cass., sez. un., n. 8038/2018).

II. Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

La liquidazione delle spese, effettuata nel dispositivo, segue la soccombenza.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della società ricorrente dell’importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la società ricorrente al pagamento delle spese del giudizio in favore della società controricorrente che liquida in Euro 1.700 di cui Euro 200 per esborsi, oltre spese generali (15%) e accessori di legge.

Sussistono, D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 13, comma 1-quater, i presupposti per il versamento da parte della società ricorrente dell’importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta/2 sezione civile, il 5 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA