Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2864 del 06/02/2020

Cassazione civile sez. III, 06/02/2020, (ud. 10/09/2019, dep. 06/02/2020), n.2864

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. IANNELLO Emilio – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12277/2018 proposto da:

L.E., M.E., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIA FONTANELLA BORGHESE 72, presso lo studio dell’avvocato PAOLO

VOLTAGGIO, rappresentati e difesi dagli avvocati FEDERICA CORTE COI,

GIORGIA PELLERANO;

– ricorrenti –

contro

SOC. CATTOLICA ASSICURAZIONI SCARL, in persona del procuratore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RIPETTA 22, presso lo studio

dell’avvocato SERGIO RUSSO, che la rappresenta e difende;

SOC CATTOLICA ASSICURAZIONI SCARL, in persona del procuratore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA RIPETTA 22, presso lo studio

dell’avvocato SERGIO RUSSO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrenti –

e contro

COMPAGNIA ASSICURATRICE LINEAR SPA, I.D.,

S.G., REALE MUTUA ASSICURAZIONI;

– intimati –

nonchè da:

COMPAGNIA ASSICURATRICE LINEAR SPA, in persona del legale

rappresentante, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MAGNAGRECIA,

84, presso lo studio dell’avvocato LEONARDO ROSA, rappresentata e

difesa dall’avvocato MARIA CELESTE ARBIA;

– ricorrente incidentale –

e contro

M.E., L.E., SOC. CATTOLICA ASSICURAZIONI

SCARL, S.G., REALE MUTUA ASSICURAZIONI,

I.D.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 589/2017 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 15/03/2017;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/09/2019 dal Consigliere Dott. ANTONELLA PELLECCHIA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARDINO Alberto, che ha concluso per accoglimento 3 motivo ricorso

principale, accoglimento ricorso incidentale;

udito l’Avvocato PELLERANO;

udito l’Avvocato SCOZZAFAVA FRANCESCO per delega orale;

udito l’Avvocato LAURENTI DANILO per delega orale.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Nel (OMISSIS), L.E., assicurato per la r.c.a. con la Società Reale Mutua Assicurazioni, mentre era intento a sorpassare un’autovettura a bordo della sua motocicletta, andò a collidere con l’autocarro condotto da I.D., assicurato per la r.c.a. con la Cattolica Assicurazioni Soc. Coop. a r.l., il quale usciva da un’area privata e si stava immettendo sulla strada statale dove si trovava il L.. Caduto dalla motocicletta a causa del violentissimo impatto, dopo pochi istanti il L. venne investito da un altro motoveicolo proveniente da dietro, condotto da S.G., assicurato per la r.c.a. con la Linear Assicurazioni S.p.a..

In seguito al duplice impatto, il L., all’epoca trentacinquenne, riportò danni gravissimi e lesioni permanenti.

Nel 2004, il S. convenne in giudizio il L. dinanzi al Giudice di pace di Montebelluna, per sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti a seguito del suddetto sinistro.

Si costituì il convenuto, contestando le pretese avversarie e formulando domanda riconvenzionale al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti in occasione del medesimo sinistro.

Con sentenza n. 220/2004, il Giudice di pace dichiarò la propria incompetenza per valore.

Riassunta la causa dinanzi al Tribunale di Treviso – Sezione distaccata di Montebelluna, intervenne nel giudizio anche M.E., moglie del L., al fine di ottenere il risarcimento dei danni non patrimoniali dalla medesima patiti in conseguenza del sinistro occorso al marito.

Con sentenza n. 165/2012, il Tribunale rigettò le domande del L. e della M., ritenendo infondata la responsabilità del D. e del S..

2. La decisione è stata parzialmente riformata dalla Corte di Appello di Venezia, con la sentenza n. 589/2017, depositata il 15 marzo 2017.

La Corte d’appello ha confermato il rigetto della domanda formulata nei confronti del D., evidenziando che: il L. aveva effettuato una manovra di sorpasso in presenza di doppia linea continua di mezzaria, in violazione dell’art. 40 C.d.S., comma 8, nonchè in prossimità di un’intersezione segnalata, in violazione dell’art. 148 C.d.S., comma 12; non sussisteva alcun concorso di colpa dal parte del D., in quanto, dagli accertamenti cinematici, era emerso che quest’ultimo, nell’immettersi sulla strada statale, non aveva potuto vedere sopraggiungere la moto del L., coperta dall’autovettura che stava superando.

La Corte territoriale ha invece riconosciuto la responsabilità concorrente al 40% del S. nella causazione del secondo impatto, avendo egli effettuato una manovra di sorpasso dell’autovettura in presenza di segnalata intersezione e di doppia linea continua, omettendo di tenere la necessaria distanza di sicurezza ed andando così ad aggravare le lesioni del L..

La Corte ha quindi liquidato il danno non patrimoniale (per rrr, ITP e invalidità permanente) secondo i valori delle tabelle di Milano, applicando una personalizzazione nella misura del 20%.

Quanto al danno patrimoniale, ha ritenuto dovuto il rimborso delle spese mediche, documentate e ritenute congrue dalla CTU. Non ha invece riconosciuto il risarcimento per i danni al motoveicolo, ritenendo non provato il valore commerciale dello stesso al momento del sinistro, nè le spese inerenti il declassamento della patente di guida, l’acquisto dell’autovettura con comandi modificati, l’acquisto delle gomme termiche e le spese dell’agenzia infortunistica, in quanto non adeguatamente dimostrate.

La Corte veneziana ha poi dedotto dall’importo liquidato la somma di Euro 35.000 (poi rettificati in Euro 85.000 con successiva ordinanza di correzione della Corte d’Appello), già ricevuto dal L. dalla Linear S.p.a. a titolo di provvisionale.

La Corte d’appello ha infine accolto la domanda di risarcimento del danno non patrimoniale per lesione del rapporto parentale richiesto dalla M..

3. Avverso tale sentenza propongono ricorso in Cassazione, sulla base di otto motivi, illustrati da memoria, L.E. e M.E..

3.1. Resistono con controricorso la Linear S.p.a., la quale formula ricorso incidentale, e la Cattolica Assicurazioni Soc. Coop. a r.l., che resiste anche al ricorso incidentale.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

4.1. Con il primo motivo, i ricorrenti lamentano violazione e falsa applicazione dell’art. 40 C.d.S., comma 8, nonchè l’omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio oggetto di discussione tra le parti.

La norma richiamata, in realtà, – si sostiene – non stabilirebbe alcun divieto di sorpasso, ma solo il divieto di oltrepassare le strisce longitudinali continue.

La Corte avrebbe poi omesso di considerare che il L. non aveva oltrepassato la doppia linea continua di mezzeria, come risultava provato dalle dichiarazioni rese dalla teste D.B..

4.2. Con il secondo motivo, i ricorrenti lamentano che la Corte d’appello abbia omesso di considerare che lo sbocco dell’area privata nella strada statale non era segnalata.

Dalla c.t.u. ricostruttiva della dinamica del sinistro emergerebbe che sulla strada statale in questione, nel senso di marcia percorso dal L. non era presente alcuna segnaletica verticale indicante la presenza di un’intersezione da destra. Inoltre, all’epoca del sinistro, erano assenti anche cartelli relativi al divieto di sorpasso e alla limitazione della velocità.

Non sarebbe stata quindi addebitabile alcuna colpa al L., il quale non era a conoscenza della presenza dell’intersezione.

La sentenza avrebbe motivato sul punto solo in apparenza, facendo riferimento alla presenza nell’area di un segnale verticale indicante intersezione a sinistra. Tale circostanza sarebbe irrilevante nella fattispecie, posto che l’impatto era avvenuto con un veicolo proveniente dall’intersezione di destra. Anzi, l’indicazione della sola presenza di un’intersezione da sinistra avrebbe portato il L. ad escludere la presenza di altre intersezioni.

4.3. Con il terzo motivo, i ricorrenti lamentano la violazione e falsa applicazione dell’art. 145 C.d.S., comma 1 e art. 154 C.d.S., nonchè degli artt. 2043 e 2054 c.c..

Le norme del Codice della strada invocate prescriverebbero l’obbligo di agire con la massima prudenza, ispezionando la strada al momento dell’immissione, e di dare la precedenza ai mezzi circolanti sulla strada favorita, rimanendo fermi il tempo necessario a consentire a questi di passare.

Dalla c.t.u. ricostruttiva della dinamica dell’incidente, emergerebbe che l’allineamento tra la moto del L. e il veicolo sorpassato si sarebbe verificato solo quando l’autocarro si trovava in fase di avvicinamento, e non al momento dell’effettiva immissione dello stesso sulla strada favorita dal diritto di precedenza.

Sussisterebbe quindi la responsabilità del conducente dell’autocarro che aveva effettuato l’ispezione quando ancora si trovava in avvicinamento e non si era fermato dando la precedenza ai veicoli che provenivano dalla strada principale.

Il principio di presunzione della corresponsabilità ex art. 2054 c.c., comma 2, avrebbe imposto che il conducente, per poter andare esente da responsabilità, dimostrasse di essersi pienamente uniformato alle norme sulla circolazione e a quelle di comune prudenza.

4.3.1. Il controricorrente Linear S.p.a. impugna a sua volta il medesimo capo della sentenza, per violazione delle norme già indicate e per omesso esame di un fatto decisivo rilevante per il giudizio.

4.4. Con il quarto motivo, i ricorrenti lamentano la nullità della sentenza, l’omessa pronuncia o motivazione, la violazione dell’art. 111 Cost., comma 6, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.c., comma 1, in relazione alla graduazione della colpa del S..

Sarebbe oscuro il motivo in base al quale la Corte aveva ritenuto di escludere la presunzione di pari responsabilità di cui all’art. 2054 c.c., comma 2.

4.5. Con il quinto motivo, i ricorrenti lamentano la nullità della sentenza, l’omessa pronuncia o motivazione, la violazione dell’art. 111 Cost., comma 6, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.c., comma 1, in relazione alla mancata pronuncia della Corte veneziana sul danno da perdita totale della capacità lavorativa specifica, che sarebbe stata accertato dalla c.t.u. medica.

4.6. Con il sesto motivo, i ricorrenti lamentano la nullità della sentenza, l’omessa pronuncia o motivazione, la violazione dell’art. 111 Cost., comma 6, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.c., comma 1, in relazione all’omessa pronuncia della Corte sulle spese di trasferta per le terapie riabilitative, di radiazione e di bollo, adeguatamente provate in giudizio sia documentalmente che per testimoni.

4.7. Con il settimo motivo, i ricorrenti lamentano la nullità della sentenza, l’omessa pronuncia o motivazione, la violazione dell’art. 111 Cost., comma 6, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.c., comma 1, in relazione al mancato riconoscimento di valore del motociclo, delle spese di declassamento della patente di guida, per l’acquisto di autovettura con comandi modificato, dei costi relativi alle gomme termiche nonchè delle spese di infortunistica.

Il L. avrebbe prodotto in giudizio documentazione attestanti tali voci di danno patrimoniale e avrebbe formulato anche appositi capitoli di prova, non ammessi dal Tribunale.

Sarebbe quindi incomprensibile la sentenza impugnata laddove afferma che le suddette voci di danno non sarebbero adeguatamente dimostrate a fronte delle precisi contestazioni di controparte, peraltro neppure richiamate.

In base al criterio dell’id quod plenunque accidit, la Corte d’appello avrebbe dovuto indicare quali circostanze concrete ostavano a ritenere provata la necessità dei suddetti esborsi.

4.8. Con l’ottavo motivo, i ricorrenti lamentano la nullità della sentenza, l’omessa pronuncia o motivazione, la violazione dell’art. 111 Cost., comma 6, art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4 e dell’art. 118 disp. att. c.c., comma 1, la violazione o falsa applicazione degli artt. 101 e 287 c.p.c., nonchè il contrasto irriducibile con precedente ordinanza.

Cattolica Assicurazioni, per ottenere la restituzione dell’importo di 50.000 versato al L. ante causam, avrebbe dovuto formulare apposita domanda di restituzione dell’indebito, mai proposta.

Il L. non sarebbe stato messo in condizione di prendere posizione sul punto, essendo peraltro ampiamente prescritto il termine decennale per l’azione di restituzione.

Peraltro, la Corte si era già pronunciata sul punto con una precedente ordinanza contraria. In ogni caso, non si trattava di un caso di errore materiale suscettibile di rettifica.

5. Occorre prioritariamente esaminare il terzo motivo del ricorso principale che denuncia un vizio di sussunzione. Il motivo è fondato.

In tema di ricorso per cassazione, il cosiddetto vizio di sussunzione, censurabile dal giudice di legittimità, può consistere o nell’assumere la fattispecie concreta giudicata sotto una norma che non le si addice, perchè la fattispecie astratta da essa prevista non è idonea a regolarla, oppure nel trarre dalla norma, in relazione alla fattispecie concreta, conseguenze giuridiche che contraddicano la pur corretta sua interpretazione.

Nel caso di scontro tra veicoli, l’accertamento in concreto di responsabilità di uno dei conducenti non comporta il superamento della presunzione di colpa concorrente sancito dall’art. 2054 c.c., essendo a tal fine necessario accertare in pari tempo che l’altro conducente si sia pienamente uniformato alle norme sulla circolazione e a quelle di comune prudenza ed abbia fatto tutto il possibile per evitare l’incidente (v. per tutte Cass. 16.5.2008 n. 12444). Incorre, pertanto, in vizio di sussunzione il giudice di merito che omette di considerare negligente la condotta di guida del conducente che sia stata accertata non conforme alle regole di condotta denunciate.

Nel caso di specie la Corte d’appello di Venezia ha omesso un simile accertamento.

In particolare, il giudice di secondo grado non ha tenuto conto della circostanza, risultante dalla c.t.u., che il conducente dell’autocarro avrebbe effettuato l’ispezione della strada – senza vedere il motoveicolo condotto dal L., coperto in quel momento dall’autovettura che stava superando – solo giungendo in prossimità dell’incrocio e quindi prima di impegnarlo. Ma la precedenza è dovuta anche nei confronti del veicolo sorpassante e se chi si immette sulla strada non è in grado di vedere se è in atto bui sorpasso deve astenersi dall’immissione (Cass. 3248/1975).

Pertanto non è stato accertato se, ispezionando costantemente la strada anche durante tutta la manovra di immissione – come vorrebbe una condotta improntata alla massima prudenza ai sensi dell’art. 145 C.d.S., comma 1 – il D. avrebbe potuto percepire il sopraggiungere del motoveicolo ed effettuare una manovra che permettesse di evitare l’impatto. Quindi in mancanza della prova liberatoria, erroneamente la Corte d’appello ha escluso il concorso di colpa del conducente dell’autocarro.

Quanto osservato non si concreta in un mero giudizio di fatto, ma esprime la rivalutazione di un vizio di sussunzione delle norme sull’accertamento del nesso causale tra la condotta omissiva dell’autista del camion e l’evento di danno lamentato. Il giudice di rincio dovrà esprimere un giudizio in un procedimento ad emendare il relativo vizio di sussunzione.

5.1. L’accoglimento del terzo motivo del ricorso principale conduce all’assorbimento degli altri motivi e del ricorso incidentale.

6. In conclusione, la Corte accoglie il terzo motivo del ricorso principale come in motivazione, assorbiti gli altri motivi, assorbito il ricorso incidentale, cassa in relazione la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese processuali, ad altra sezione della Corte d’appello di Venezia.

P.Q.M.

la Corte accoglie il terzo motivo del ricorso principale come in motivazione, assorbiti gli altri motivi, assorbito il ricorso incidentale, cassa in relazione la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese processuali, ad altra sezione della Corte d’appello di Venezia.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Terza Civile della Corte suprema di Cassazione, il 10 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 6 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA