Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28626 del 23/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. L Num. 28626 Anno 2013
Presidente: MIANI CANEVARI FABRIZIO
Relatore: BANDINI GIANFRANCO

SENTENZA

sul ricorso 8595-2009 proposto da:
DI NISIO EVELINA, elettivamente domiciliata in ROMA,
PIAZZA G. MAZZINI 27, presso lo studio dell’avvocato
VINCOLATO MARIO, rappresentata e difesa dall’avvocato
BUDINI DOMENICO, giusta delega in atti;
– ricorrenti 2013
3395

contro

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L’ ABRUZZO, MINISTERO
DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE C.F. 80185250588, UFFICIO
SCOLASTICO PROVINCIALE DI CHIETI;
– intimati –

Data pubblicazione: 23/12/2013

.0

avverso la sentenza n. 1645/2008 della CORTE D’APPELLO
di L’AQUILA, depositata il 09/12/2008 R.G.N. 674/2007;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica
udienza del 26/11/2013 dal Consigliere Dott.
GIANFRANCO BANDINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. GIANFRANCO SERVELLO, che ha concluso
per: estinzione per rinuncia.

udito l’Avvocato BUDINI DOMENICO;

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

riforma della pronuncia di prime cure, rigettò le domande svolte da Di
Nisio Evelina nei confronti dell’Amministrazione scolastica dirette ad
ottenere:

la declaratoria del diritto ad un posto di collaboratore scolastico di

cui alla quota del 30% dei posti ricoperti in quanto impegnata in
lavori socialmente utili per le istituzioni scolastiche;

l’ordine alla PA di attribuirle tale posto mediante immissione in

ruolo nei modi e termini di legge.
Avverso la suddetta sentenza della Corte territoriale, Di Nisio Evelina
ha proposto ricorso per cassazione fondato su tre motivi.
Gli intimati Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, Ufficio
Scolastico Regionale per l’Abruzzo ed Ufficio Scolastico Provinciale
di Chieti non hanno svolto attività difensiva.
In corso di causa è stata depositata dichiarazione di rinuncia al
ricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE
Stante la ritualità della rinuncia, sottoscritta dalla ricorrente e dal suo
difensore (art. 390 cpc), va dichiarata l’estinzione del processo.
Non è luogo a provvedere sulle spese, in difetto di attività difensiva
da parte degli intimati.

P. Q. M.

3

Con sentenza del 6.11 – 9.12.2008, la Corte d’Appello dell’Aquila, in

La Corte dichiara l’estinzione del processo; nulla per le spese.

Così deciso in Roma il 26 novembre 2013.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA