Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28606 del 08/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 08/11/2018, (ud. 25/09/2018, dep. 08/11/2018), n.28606

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. TORRICE Amelia – Consigliere –

Dott. TRIA Lucia – Consigliere –

Dott. BLASUTTO Daniela – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20159/2014 proposto da:

Z.F.L.A., P.F.A.,

L.A., elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE B. BRUOZZI 32, presso

lo studio dell’avvocato ALESSANDRO MEZZI, rappresentati e difesi

dall’avvocato GIULIO BRUNO, giusta delega in atti;

– ricorrenti –

contro

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA, C.F.

(OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e

difeso dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici

domicilia in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI N. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 536/2014 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 07/05/2014 R.G.N. 133/2013; udita la relazione della

causa svolta nella pubblica udienza del 25/09/2018 dal Consigliere

Dott. ALFONSINA DE FELICE;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FRESA Mario, che ha concluso per inammissibilità, in subordine

rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato Bruno Giulio;

udito l’Avvocato Tortora Fabio.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Gli odierni ricorrenti, appartenenti all’area del personale amministrativo tecnico ed ausiliario della scuola, avevano convenuto in giudizio il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca chiedendo il riconoscimento a fini economici dell’anzianità di servizio maturata alle dipendenze dell’Ente locale prima del trasferimento nei ruoli del Ministero, disposto ai sensi della L. 3 maggio 1999, n. 124. Il Tribunale di Cosenza aveva accolto la domanda ma la sentenza era stata riformata dalla Corte d’Appello di Catanzaro che aveva posto a fondamento della decisione la norma, definita dal legislatore d’interpretazione autentica, dettata dalla L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 218, della quale la Corte Costituzionale aveva escluso l’incostituzionalità. Con sentenza n. 19903 del 2012 questa Corte, ricostruiti i termini della vicenda relativa al trasferimento nei ruoli dello Stato del personale ATA degli enti locali, ha richiamato la pronuncia della Corte Europea di Giustizia del 6 settembre 2011 in causa C – 108/10, e, in accoglimento del ricorso, ha cassato la sentenza gravata, rinviando alla Corte d’Appello di Salerno per un nuovo esame, finalizzato a verificare se vi fosse stato o non il denunciato peggioramento retributivo sostanziale all’atto del trasferimento.

La sentenza di questa Corte emessa in fase rescindente, in consonanza con i principi affermati dalla Corte Europea di Giustizia, aveva indicato i criteri in base ai quali siffatto accertamento avrebbe dovuto essere effettuato dal giudice del rinvio, ed ha precisato che:

a) quanto ai soggetti la cui posizione va comparata, il confronto va operato con le condizioni immediatamente antecedenti al trasferimento del lavoratore trasferito a nulla ostando le eventuali disparità con il lavoratori in servizio presso il cessionario;

b) quanto alle modalità, deve trattarsi di “peggioramento giuridico sostanziale” e la comparazione deve essere “globale” e non già limitata allo specifico istituto;

c) quanto al momento da prendere in considerazione, il confronto deve essere fatto “all’atto del trasferimento”.

La sentenza n. 133 del 2013 della Corte d’Appello di Salerno ha definito il giudizio di rinvio, ritenendo infondate le domande originariamente proposte dai ricorrenti. Dopo aver premesso che la sentenza rescindente aveva domandato al Giudice del rinvio una verifica dell’eventuale mancata valorizzazione della pregressa anzianità ai fini retributivi, mediante l’applicazione delle statuizioni della Corte Europea di Giustizia, la Corte d’Appello di Salerno ha escluso il peggioramento, evidenziando che nè con l’originario atto introduttivo nè in sede di riassunzione i ricorrenti avevano dedotto di avere subito un decremento retributivo.

La cassazione della sentenza è domandata da Z.F.L.A., P.F.A. e L.A. sulla base di un unico motivo. Resiste il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con tempestivo controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il motivo di ricorso è privo di rubrica, e si presenta articolato in più punti.

Il cuore della doglianza è rappresentato dalla critica all’accertamento svolto dalla Corte d’Appello di Salerno in sede di rinvio, stante i tre criteri richiamati dalla sentenza rescindente. La Corte territoriale, onde assolvere alle prescrizioni della Corte Europea di Giustizia, richiamati dalla sentenza rescindente avrebbe dovuto disporre una nuova istruttoria, essendo, i processi, nati sulla base di presupposti diversi. Una volta verificato il peggioramento, avrebbe dovuto quindi o capitalizzare le differenze retributive nella susseguente progressione di carriera dei ricorrenti oppure disapplicare la L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 218, sì come contrastante con i principi in materia di trasferimento d’azienda e di parità delle armi in ambito processuale, e applicare l’originaria disciplina del riconoscimento pieno dell’anzianità di servizio di cui alla L. n. 124, art. 8.

Il motivo è infondato.

Questa Corte intende dare continuità, perchè condiviso, al principio affermato con riguardo a fattispecie sostanzialmente sovrapponibili a quella dedotta in giudizio, secondo cui la mancata decisione nel merito da parte del Giudice di legittimità, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 2, pur in una situazione in cui non siano necessari ulteriori accertamenti di fatto, non vizia nè pregiudica il giudizio di rinvio nel senso che ben può il giudice di rinvio, apprezzando le risultanze di causa, ritenere che nctsiano necessari ulteriori accertamenti di fatto e decidere il merito della causa senza dare corso ad alcuna attività istruttoria ulteriore (Cass. nn. 24932, 23257, 22610, 22517, 22516, 22515, 225514, 22012 e 22011 del 26 maggio 2015).

Diversamente da quanto sostenuto nel ricorso, la Corte territoriale nella definizione della controversia ha tenuto conto dei principi affermati e dei criteri indicati nella sentenza rescindente ed ha compiuto l’accertamento demandato, rilevando che gli attuali ricorrenti non avevano mai provato il peggioramento retributivo e che anzi, dalle poche buste paga allegate, sporadiche perchè neanche emesse in contiguità temporale, non era dato rilevare complessivi e sensibili decrementi (p. 11 sent.). I ricorrenti, in conclusione, si erano limitati ad allegare di avere diritto a un inquadramento stipendiale più elevato rispetto a quello riconosciuto al momento del passaggio, senza offrire la prova che il nuovo trattamento fosse – in termini apprezzabilmente rilevanti – globalmente peggiorativo rispetto al precedente.

Secondo un orientamento di legittimità formulato in una fattispecie sovrapponibile, in tal caso il pregiudizio economico subito per il mancato riconoscimento dell’integrale anzianità di servizio maturata presso l’ente di provenienza, non integra, di per sè quel peggioramento retributivo complessivo vietato dalla Direttiva 77/187 CEE; a ciò non rileva neppure il richiamo agli istituti contrattuali previsti dal c.c.n.l. per il personale degli enti locali, qualora la sentenza rescindente abbia chiarito, come ha fatto nel caso in esame attuando i principi affermati dalla Corte Europea di Giustizia, che il confronto doveva essere globale e non riguardare, isolatamente, le componenti del trattamento fondamentale o accessorio (Cfr. per tutte la recente Cass. n. 6051 del 2018).

In definitiva, il ricorso va rigettato. Le spese, come liquidate in dispositivo in considerazione della concreta attività difensiva orale svolta, seguono la soccombenza. Si dà atto che ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, sussistono i presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, salvo accoglimento dell’istanza di gratuito patrocinio.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso. Condanna i ricorrenti al pagamento di Euro 5000 a titolo di compensi professionali, oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, salvo accoglimento dell’istanza di gratuito patrocinio.

Così deciso in Roma, all’Udienza pubblica, il 25 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA