Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28601 del 08/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 08/11/2018, (ud. 12/07/2018, dep. 08/11/2018), n.28601

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. LEONE Margherita Maria – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. CINQUE Giglielmo – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2721-2014 proposto da:

POSTE ITALIANE S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

PO 25-B, presso lo studio dell’avvocato ROBERTO PESSI, che la

rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– ricorrente-

contro

B.L., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ITALO CARLO

FALBO 22, presso lo studio dell’avvocato ANGELO COLUCCI, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato MASSIMO MONALDI,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 36/2013 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 22/01/2013 R.G.N. 195/2010.

Fatto

RILEVATO CHE:

il Tribunale di Ascoli Piceno, con sentenza nr. 170 del 2009, condannava Poste Italiane SpA a “(ri)assegnare il lavoratore (id est odierno controricorrente) a mansioni corrispondenti al livello di inquadramento (…) e a risarcir(gli) il danno (…)”;

la Corte di appello di Ancona, con sentenza nr. 36 del 2013, respingeva il gravame di Poste Italiane S.pA.;

per la cassazione della sentenza, ha proposto ricorso Poste Italiane A.G., affidato a tre motivi;

ha resistito, con controricorso, Balestra Luigino.

Diritto

CONSIDERATO CHE:

è stato depositato verbale di conciliazione, contenente rituale atto di rinuncia da parte di Poste Italiane spa al ricorso in cassazione, in cui le parti danno atto di aver definito transattivamente la lite de qua;

la rinuncia risulta accettata dal controricorrente e, pertanto, sussistono le condizioni previste dall’art. 390 c.p.c. perchè venga dichiarata l’estinzione del processo, nulla disponendo in ordine alle spese processuali ex art. 391 c.p.c., comma 4;

la declaratoria di estinzione esonera la parte ricorrente dal versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 bis (cfr. Cass. nr. 3688 del 2016; Cass. nr. 23175 del 2015).

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 12 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA