Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 2858 del 31/01/2022

Cassazione civile sez. trib., 31/01/2022, (ud. 21/12/2021, dep. 31/01/2022), n.2858

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. FEDERICI Francesco – Consigliere –

Dott. CATALLOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. CHIESI Gian Andrea – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5008-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore

p.t., elett.te dom.to in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI, n. 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rapp. e dif.;

– ricorrente –

contro

INTELL-DIES S.R.L., in persona del curatore p.t., elett.te dom.to in

VARESE, alla VIA SPERONI, n. 14, presso lo studio dell’AVV. GIUSEPPE

MARRA;

– intimata –

avverso la sentenza n. 90/31/12 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della LOMBARDIA, depositata il 26/06/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

21/12/2021 dal Consigliere Dott. GIAN ANDREA CHIESI.

 

Fatto

OSSERVATO

che l’AGENZIA DELLE ENTRATE notificò alla INTELL DIES S.R.L. due avvisi di accertamento con cui provvide, nei confronti della detta società, a riprese relative agli anni di imposta 2004 e 2005 per maggior reddito imponibile, I.R.E.S., I.R.A.P., oltre che per illegittime detrazioni di imposta ai fini I.V.A.;

che la contribuente impugnò entrambi gli avvisi di accertamento innanzi alla C.T.P. di Varese la quale, previa loro riunione, con sentenza 152/3/10, accolse i ricorsi;

che tale decisione fu appellata dall’AGENZIA DELLE ENTRATE innanzi alla C.T.R. della Lombardia, la quale, con sentenza n. 90/31/12, depositata il 26.6.2012, rigettò il gravame confermando – per quanto in questa sede ancora interessa – la illegittimità delle riprese operate dall’Ufficio, osservando come “dalla documentazione in atti si rileva…che i costi fatturati alla contribuente dalla controllante per prestazioni lavorative specializzate di personale in carico alla controllante ma distaccato temporaneamente presso la controllata proprio per l’effettuazione di dette lavorazioni speciali, costituiscono ricavi per la società controllante che contribuiscono alla formazione del reddito tassabile in capo alla stessa…non appare legittima la negazione di costi alla società controllata per recuperare sulla stessa presunti redditi già tassabili presso la controllante, anche per quanto concerne l’imposta IVA”;

che avverso tale sentenza l’AGENZIA DELLE ENTRATE ha proposto ricorso per cassazione, affidato a sette motivi; è rimasta intimata la INTELL-DIES S.R.L..

Diritto

CONSIDERATO

che con il primo motivo la difesa dell’AGENZIA si duole (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4) della nullità della sentenza impugnata, per fondare la stessa su una motivazione apparente: in particolare – si opina – facendo un generico riferimento alla “documentazione in atti”, la C.T.R. non ha dato conto del percorso logico-giuridico che ha condotto a ritenere sussistente, nella specie, un’ipotesi di distacco di personale;

che con il secondo ed il settimo motivo parte ricorrente lamenta (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5), l’insufficienza della motivazione della sentenza impugnata, nella parte in cui la C.T.R. ha ritenuto sussistente, nella specie, un’ipotesi di distacco di personale, senza chiarire i motivi di tale conclusione (settimo motivo), né aver considerato le discordanze sussistenti tra quanto dichiarato in sede di verifica e quanto apparentemente risultante dalla documentazione esibita dalla contribuente (secondo motivo);

che con il terzo ed il quarto motivo parte ricorrente lamenta (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) la violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 32 e del D.P.R. n. 603 del 1972, art. 52, nonché dell’art. 2700 c.c., per avere la C.T.R. valutato documenti che non poteva trovare ingresso in sede contenziosa, per non essere stata fornita dalla società contribuente (terzo motivo), come emergente dalle dichiarazioni rese, con valore confessorio, dal legale rappresentante della INTELL-DIES nel corso delle operazioni di verifica (quarto motivo);

che con il quinto motivo l’AGENZIA si duole (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) della violazione del D.P.R. n. 633 del 1972, artt. 11, 12, 13,14,15,19 e 21, nonché dell’art. 109 del T.U.I.R., per avere la C.T.R. post base della decisione documentazione (in specie, fatture) generica e standardizzata (cfr. ricorso, p. 19) e, dunque, inidonea a dimostrare la ricorrenza di un’ipotesi di distacco di personale;

che con il sesto motivo l’AGENZIA censura la sentenza impugnata (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4), per l’omissione di pronunzia in relazione alla specifica doglianza mossa con l’atto di appello e, in specie, per non avere la C.T.R. affrontato l'”eccezione dell’Ufficio volta a contestare la sentenza di primo grado, nel capo in cui parlava di “distacco del personale pur non sussistendo e non essendo stato dimostrato dalla società alcuno dei requisiti normativi che delineano la fattispecie del distacco” (cfr. ricorso, p. 42);

che il secondo motivo – da esaminare in via preliminare rispetto unitamente al sesto, per identità delle questioni agli stessi sottese – è fondato;

che premesso che la C.T.R. – contrariamente a quanto lamentato dall’AGENZIA con il sesto motivo – si è espressamente confrontata (tanto nella parte relativa allo “svolgimento del processo”, quanto in parte “motiva”) con la questione della ricorrenza, nella specie, di un’ipotesi di distacco di personale (con conseguente infondatezza del sesto motivo di ricorso), cionondimeno osserva la Corte che i giudici di appello, salvo ribadire il principio per cui il corrispettivo del distacco rappresenta un costo per la società che ne fruisce a titolo oneroso ed un ricavo per quella che, al contrario, fornisce il personale, cionondimeno non hanno effettivamente chiarito sulla scorta di quali ragioni sarebbe ravvisabile, nella fattispecie concreta sottoposta al proprio vaglio, un’ipotesi di distacco rilevante ai fini tributari, non risultando dalla motivazione della sentenza impugnata quali siano gli elementi (cfr. anche C.G.U.E., 11 marzo 2020, in causa C-94/19) considerati dalla Commissione e sulla cui scorta è possibile ritenere (a) che il pagamento degli importi fatturati dalla INTELL-DIES dalla sua controllante costituissero una condizione affinché quest’ultima distaccasse proprio personale e (b) che la INTELL-DIES ha effettivamente pagato tali importi solo come corrispettivo del distacco (in termini cfr., di recente, anche Sez. 5, 14.1.2021, n. 529, Rv. 660235-01);

che, infatti, il generico richiamo alla “documentazione in atti”, appare invero inidoneo a sorreggere la motivazione della decisione impugnata – la quale, pertanto, finisce per rivelarsi effettivamente insufficiente, sconfinando in un sillogismo tautologico – circa la concreta ricorrenza, nella specie, di un’ipotesi di distacco di personale, non evincendosi quale è stato il percorso logico che ha condotto la C.T.R. ad assumere tale decisione (arg. da Cass., Sez. 3, 15.5.2007, n. 11193, Rv. 597781-01);

che alla luce di quanto precede, rigettato il sesto, va accolto il secondo motivo, mentre restano assorbiti i restanti i mezzi di gravame; per l’effetto, la decisione impugnata va cassata, con rinvio della causa alla C.T.R. della Lombardia, in diversa composizione, affinché riesamini la controversia attenendosi ai principi che precedono e liquidi, altresì, le spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

Accoglie il secondo motivo, rigetta il sesto con assorbimento dei restanti. Per l’effetto, cassa la decisione impugnata e rinvia la causa alla C.T.R. della Lombardia, in diversa composizione, affinché riesamini la controversia attenendosi ai principi che precedono, liquidando, altresì, le spese del presente giudizio di legittimità

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Civile Tributaria, il 21 dicembre 2021.

Depositato in Cancelleria il 31 gennaio 2022

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA