Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28536 del 22/12/2011

Cassazione civile sez. trib., 22/12/2011, (ud. 23/11/2011, dep. 22/12/2011), n.28536

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – rel. Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

S.V. e G.M., residenti a

(OMISSIS), rappresentati e difesi, giusta mandato in calce al

ricorso,

dall’Avv. BIAGGI Alessandro, elettivamente domiciliata in Roma, Via

Asiago, 9 presso lo studio dell’Avv. Elia Frezza;

– ricorrente –

contro

AGENZIA ENTRATE, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, nei cui

Uffici, in Roma, Via dei Portoghesi, 12 è domiciliata;

– controricorrente –

e

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del legale

rappresentante pro tempore;

– intimato –

avverso la sentenza n. 170/09/2007 della Commissione Tributaria

Regionale di Roma – Sezione n. 09, in data 21/11/2007, depositata il

14 dicembre 2007.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

23 novembre 2011 dal Relatore Dott. Antonino Di Blasi;

Presente il P.M., Dott. APICE Umberto, che non ha mosso osservazioni.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Considerato che nel ricorso iscritto a R.G. n. 3599/2009, è stata depositata in cancelleria la seguente relazione:

“1 – E’ chiesta la cassazione della sentenza n. 170/09/2007 pronunziata dalla C.T.R. di Roma, Sezione n. 09, il 21.11.2007 e DEPOSITATA il 14 dicembre 2007.

Con tale decisione, la C.T.R. ha respinto l’appello dei contribuenti e confermato la sentenza di primo grado, che aveva riconosciuto fondata la pretesa impositiva.

2 – Il ricorso, che attiene ad impugnazione dell’avviso di accertamento, relativo ad Irpef ed Ilor dell’anno 1995, censura l’impugnata sentenza per omessa motivazione su fatto controverso e decisivo.

3 – L’intimato Ministero, non ha svolto difese in questa sede.

3 bis L’Agenzia Entrate, giusto controricorso, ha chiesto che l’impugnazione venga dichiarata inammissibile e, comunque, rigettata.

4 – Il ricorso proposto nei confronti del Ministero è a ritenersi inammissibile, alla stregua di consolidato orientamento giurisprudenziale, per difetto di legittimazione.

4 – bis L’impugnazione, nei confronti dell’Agenzia Entrate, appare, del pari, inammissibile, oltre che infondata, avuto riguardo, per un verso, a quanto enunciato dalla Corte di Cassazione in pregresse condivise pronunce, nelle quali si è affermato il principio secondo cui la denuncia del vizio motivazionale deve contenere un momento di sintesi (omologo del quesito di diritto) costituente una parte del motivo che si presenti a ciò specificamente e riassuntivamente destinata, che ne circoscriva puntualmente i limiti, in maniera da non ingenerare incertezze in sede di formulazione del ricorso e di valutazione della sua ammissibilità (Cass. n. 16528/2008, n. 3441/2008, n. 2697/2008, n. 20603/2007) e, sotto altro profilo, alla luce del consolidato orientamento secondo cui il ricorrente per cassazione deve rappresentare i fatti, sostanziali e processuali, in modo da far intendere il significato e la portata delle critiche rivolte alla sentenza senza dover ricorrere al contenuto di altri atti del processo (Cass. n. 15672/05; 19756/05, n. 20454/2005, SS.UU. 1513/1998) e, quindi, deve indicare specificamente le circostanze di fatto che potevano condurre, se adeguatamente considerate, ad una diversa decisione, nonchè i vizi logici e giuridici della motivazione (Cass. n. 16528/2008, n. 11462/2004, n. 2090/2004, n. 1170/2004, n. 842/2002).

4 ter – Nel caso, il mezzo non risulta formulato in coerenza a detti principi, sia perchè risulta genericamente formulato ed appare privo del momento di sintesi sul fatto controverso e decisivo, sia pure perchè, mentre i giudici di merito hanno rigettato l’appello e confermato la legittimità e congruità dell’accertamento, esprimendo condivisìone per la decisione di prime cure, nella considerazione che l’acquisto dei beni costituisse la manifestazione di una consistente capacità di spesa, e rilevando che i contribuenti, per contro, non avevano assolto all’onere sugli stessi gravante di offrire gli elementi probatori contrari, quali voluti dalla legge, i contribuenti, in questa sede, non hanno indicato dati e concreti elementi, tali da indurre a decisione di segno opposto, e le doglianze appaiono sottese ad ottenere una opposta lettura di atti e documenti presi in esame dai giudici di merito e valutati diversamente.

5 – Si ritiene, dunque, sussistano i presupposti per la trattazione del ricorso in Camera di Consiglio e la definizione, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c., proponendosi il relativo rigetto, per inammissibilità dei motivi. Il Relatore Cons. Dott. Antonino Di Blasi”.

La Corte:

Vista la relazione, il ricorso, il controricorso dell’Agenzia Entrate e gli altri atti di causa;

Considerato che in esito alla trattazione del ricorso, il Collegio, condividendo i motivi esposti nella relazione ed i richiamati principi, ritiene di dover dichiarare inammissibile, nel solco di Cass. SS.UU. n. 3118/2006 e n. 3116/2006, il ricorso nei confronti del Ministero dell’Economia e delle Finanze, e rigettare l’impugnazione nei confronti dell’Agenzia Entrate;

Considerato che nulla va disposto per le spese del giudizio nei confronti del Ministero, in assenza dei relativi presupposti, mentre i ricorrenti vanno condannati al pagamento delle spese in favore dell’Agenzia Entrate, che si liquidano in complessivi Euro duemilacento, oltre spese prenotate a debito;

Visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso contro il Ministero dell’Economia e delle Finanze; rigetta l’impugnazione nei confronti dell’Agenzia Entrate e condanna i ricorrenti al pagamento, in favore dell’Agenzia medesima, delle spese del giudizio, in ragione di complessivi Euro duemilacento, oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 23 novembre 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 dicembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA