Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28466 del 07/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 07/11/2018, (ud. 25/09/2018, dep. 07/11/2018), n.28466

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7441/2017 proposto da:

D.F. nella qualità di titolare della Ditta

Individuale OMD DI F.D., elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA DELLE MILIZIE 9, presso lo studio dell’avvocato ENRICO

LUBERTO, rappresentato e difeso dall’avvocato ALBERTO LUCCHESE;

– ricorrente –

contro

N.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 2932/2016 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 16/12/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2018 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY.

Fatto

RILEVATO

1. che D.F. ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza n. 2932 del 2016 della Corte d’appello di Bari, affidato a due motivi;

2. che N.A. è rimasto intimato;

3. che il ricorrente ha depositato atto di rinuncia al ricorso, sottoscritto personalmente, in cui riferisce l’intervenuto decesso del proprio difensore e la transazione della controversia, con conseguente venir meno dell’interesse alla decisione.

Diritto

CONSIDERATO

1. che la dichiarazione di rinuncia al ricorso sottoscritta dal solo ricorrente, pur non essendo idonea a produrre gli effetti dell’estinzione del processo per difetto della forma prevista dall’art. 390 c.p.c., comma 2, denota comunque il venir meno definitivo di ogni interesse alla decisione e comporta, pertanto, l’inammissibilità del ricorso, in assenza della manifestazione di volontà della controparte, nel caso rimasta intimata, di ottenere comunque una pronuncia sull’oggetto del contendere (v. Cass. n. 19800 del 15/09/2009).

2. che alla declaratoria d’inammissibilità non segue alcuna statuizione sulle spese, in assenza di attività difensiva della parte intimata;

3. che neppure si deve far luogo alla dichiarazione di cui al D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2013): la ratio della norma – orientata a scoraggiare le impugnazioni dilatorie o pretestuose – induce ad escludere che il meccanismo sanzionatorio ivi previsto sia applicabile in ipotesi di inammissibilità non originaria ma, come nella specie, sopravvenuta (così Cass., n. 19464 del 15/9/2014, n. 19464, Cass. n. 13636 del 02/07/2015).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 25 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA