Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28456 del 05/11/2019

Cassazione civile sez. VI, 05/11/2019, (ud. 02/07/2019, dep. 05/11/2019), n.28456

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Presidente –

Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7855-2018 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PORTUENSE 104,

presso la Sig.ra ANTONIA DE ANGELIS, rappresentato e difeso dagli

avvocati ERCOLE NOTO SARDEGNA, SALVATORE CATALANO;

– ricorrente –

contro

CURATELA del FALLIMENTO (OMISSIS) SRL, C.M.,

C.C., V.S.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 244/2017 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 13/02/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 02/07/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LOREDANA

NAZZICONE.

Fatto

RILEVATO

Che:

è stato proposto ricorso, sulla base di un quattro motivi, avverso la sentenza della Corte d’appello di Palermo n. 1298 del 13 febbraio 2017, la quale, in parziale riforma della decisione di primo grado, ha ridotto la somma dovuta a quella di Euro, 37.682,53, in esito all’accertamento della responsabilità dell’odierno ricorrente per violazione degli obblighi su di lui incombenti in forza della carica di amministratore rivestita;

– che il Fallimento (OMISSIS) s.r.l. non svolge difese;

– che è stato depositato atto di rinuncia al ricorso.

Diritto

RITENUTO

Che:

il giudizio va dichiarato estinto, ai sensi degli art. 390 e 391 c.p.c., per essere intervenuta la rinuncia al medesimo (cfr. Cass., sez. un., ord. 25 marzo 2013, n. 7378; Cass., ord. 26 febbraio 2015, n. 3971; 5 maggio 2011, n. 9857; 15 ottobre 2009, n. 21894).

P.Q.M.

La Corte dichiara il giudizio estinto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 2 luglio 2019.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA