Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28403 del 07/11/2018

Cassazione civile sez. trib., 07/11/2018, (ud. 19/09/2018, dep. 07/11/2018), n.28403

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 20808/2012 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, con domicilio eletto in Roma, via dei

Portoghesi, n. 12;

– ricorrente –

contro

Starmatik srl, rappresentata e difesa dai prof. avv. Francesco

Moschetti e Francesco d’Ayala Valva, con domicilio eletto presso lo

studio del secondo, in Roma, viale Parioli n. 43;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale per il

Veneto, – Sez. 30 n. 112/30/11 depositata in data 12/10/2011 e non

notificata;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 19 settembre

2018 dal Co. Marcello M. Fracanzani.

Fatto

RILEVATO

che la contribuente ha beneficiato di credito di imposta per incentivi alla ricerca scientifica;

che in data 17 novembre 2008 l’Agenzia inviava comunicazione di irregolarità relativa al Modello Unico 2006 per l’anno di imposta 2005, invitando alla regolarizzazione con versamento di quanto dovuto nel termine di trenta giorni, in ragione di erroneo utilizzo del credito di imposta;

che in data 10 dicembre 2008, all’esito della comunicazione, la contribuente ha presentato Modello Unico SC 2006 integrativo, indicando il credito di imposta riconosciuto e la parte utilizzata;

che in data 19 marzo 2009 il concessionario della riscossione notificava cartella di pagamento a titolo di imposta indebitamente compensata;

che la contribuente reagiva, contestando la presunta decadenza dalle agevolazioni concesse per decorrenza del termine annuale fissato dal D.M. Finanza n. 275 del 1998, ritenendo che la decadenza non potesse essere prevista e disciplinata in tale fonte secondaria, per di più in assenza di espressa previsione nella norma di rango primario;

che il giudice territoriale accoglieva le ragioni della contribuente e la commissione d’appello rigettava il gravame proposto dall’ufficio, con la sentenza gravata in questa sede;

che insorge l’Avvocatura affidandosi a quattro motivi di ricorso; che si è costituita la contribuente con puntuale controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che occorre preliminarmente esaminare l’eccezione di inammissibilità del ricorso a causa della mancata impugnazione di un’autonoma ed autosufficiente ratio decidendi della pronuncia di secondo grado;

che, nel particolare, delle quattro rationes decidendi su cui si regge l’impugnata sentenza, si afferma esserne gravate solo tre nel ricorso erariale introduttivo a questa fase del giudizio;

che, più specificamente, dall’ultimo paragrafo di pagina 3 per metà di pagina 4 dell’impugnata sentenza, il collegio di secondo grado argomenta sull’irragionevolezza e la sproporzione della previsione decadenziale come sanzione per l’inadempimento di una formalità, trattandosi di profilo non ostativo alla conoscenza da parte dell’Amministrazione della volontà del contribuente nel voler procedere a compensazione, comunque non pregiudizievole per l’erario, argomentando così sull’insostenibilità del criterio ermeneutico fatto proprio dall’Ufficio che quella decadenza vuol dedurre dalla norma (secondaria);

che tale paragrafo non può ritenersi capo di sentenza o autonoma ratio decidendi, sia per il profilo dubitativo con cui viene esposto, sia per l’inattitudine del ragionamento ivi svolto a reggere – da solo – il dispositivo della sentenza gravata;

che l’eccezione preliminare dev’essere respinta ed il ricorso erariale può essere esaminato;

che, con il primo motivo, si lamenta violazione e falsa applicazione della L. n. 449 del 1997, art. 4, comma 6, e del D.M. n. 275 del 1998, art. 6, comma 1, in parametro all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3;

che, nel particolare, la difesa erariale contesta il capo di sentenza ove si esclude la possibilità per la fonte regolamentare (il D.M. n. 275 del 1998) di introdurre forme e modi di decadenza dal contributo o dalla provvidenza incentivante;

che il motivo è fondato e merita accoglimento;

che trova applicazione il principio, cui questo Collegio aderisce ed intende dare continuità, per cui In tema di agevolazioni tributarie, previsto dalla L. 27 dicembre 1997, n. 449, art. 4 l’inottemperanza all’invito dell’ufficio finanziario di completare, con gli elementi prescritti, la richiesta del contribuente costituisce causa di non riconoscimento del beneficio, secondo quanto stabilito dal D.M. 3 agosto 1998, n. 311, art. 6, comma 3, atteso che una siffatta norma è diretta espressione del potere, demandato al Ministro delle finanze dall’art. 4, comma 6 legge in parola, di stabilire con D.M. le procedure di controllo, prevedendo “specifiche cause di decadenza dal diritto di credito”, e trova la sua “ratio” nell’esigenza di definire entro un tempo determinato l’inerente onere finanziario, altrimenti sospeso “ad libitum”. (Cass. 15865/2005, 1555/2015);

che l’accoglimento del primo motivo comporto l’assorbimento degli altri, ove con il secondo e terzo motivo si contesta violazione e falsa applicazione, sotto diverso profilo, delle stesse norme di cui al primo motivo di gravame; con il terzo ed il quarto la violazione di legge si estende a norme consequenziali, segnatamente il D.P.R. n. 600 del 1973, art. 36 bis e art. 43, D.P.R. n. 322 del 1998, art. 2 e L. n. 212 del 2000, art. 6, comma 6, (c.d. Statuto del Contribuente);

che, in definitiVa il ricorso è fondato e merita accoglimento.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla C.T.R. per il Veneto in diversa composizione, cui demanda anche la liquidazione delle spese del presente grado di giudizio.

Così deciso in Roma, il 19 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 7 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA