Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28366 del 05/11/2019

Cassazione civile sez. trib., 05/11/2019, (ud. 14/06/2019, dep. 05/11/2019), n.28366

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PERRINO Angelina Maria – Presidente –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. MUCCI Roberto – Consigliere –

Dott. DINAPOLI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 5243/2011 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via

dei Portoghesi n. 12;

– ricorrente –

contro

Musara s.r.l., rappresentata e difesa dagli Avv.ti Giuseppe Zizzo e

Claudio Lucisano, elettivamente domiciliata presso lo studio del

secondo, in Roma, via Crescenzio n. 91, giusta procura speciale e

margine del controricorso;

-controricorrente-

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 106/4/10, depositata il 10 novembre 2010.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 14 giugno

2019 dal Consigliere Dott. Dinapoli Marco.

Fatto

RILEVATO

CHE:

La s.r.l. Musara, in persona del suo legale rappresentante pro-tempore, impugnava l’avviso di accertamento emesso dall’Agenzia delle entrate di Milano in data 5 novembre 2008 per l’importo di Euro 181.701,00 a titolo di recupero dell’Iva asseritamente non detraibile (oltre sanzioni e interessi) perchè frutto di una condotta ritenuta abusiva in quanto finalizzata esclusivamente al conseguimento di vantaggi fiscali indebiti.

La Commissione tributaria provinciale di Milano accoglieva il ricorso con sentenza n. 170/19/2009 in data 2 novembre 2009. L’Agenzia delle entrate proponeva appello, che veniva rigettato dalla Commissione tributaria regionale della Lombardia con sentenza n. 106/4/10 pubblicata il 10 novembre 2010.

L’Agenzia delle Entrate ricorre per cassazione con due motivi e chiede cassarsi la sentenza impugnata, con ogni consequenziale provvedimento. La società resiste con controricorso e chiede rigettarsi il ricorso avverso, vinte le spese. Entrambe le parti depositano memorie illustrative.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1.-La ricorrente Agenzia delle Entrate, come rappresentata in giudizio, ha depositato in atti in data 21 marzo 2019 una richiesta di estinzione del giudizio per avere la contribuente presentato istanza di definizione agevolata della controversia ai sensi del D.L. 24 aprile 2017, n. 50, art. 11, provvedendo al pagamento previsto per il perfezionamento della definizione.

2.- Analoga richiesta è stata formulata dalla società con memoria del 30 maggio 2019.

3.- Si è verificata dunque, dopo la proposizione del ricorso, una causa di estinzione ex lege del processo che deve essere qui dichiarata preliminarmente e che esclude la necessità di valutare le altre questioni sollevate dalle parti e di provvedere in ordine al regolamento delle, spese del presente giudizio, che restano a carico di chi le ha anticipate.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il processo; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 14 giugno 2019.

Depositato in cancelleria il 5 novembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA