Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28334 del 11/12/2020

Cassazione civile sez. VI, 11/12/2020, (ud. 22/10/2020, dep. 11/12/2020), n.28334

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Presidente –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. GIANNACCARI Rossana – Consigliere –

Dott. DONGIACOMO Giuseppe – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 12975-2020 proposto da:

T.L., V.W., T.M.R., RICORSO NON

DEPOSITATO AL 01/06/2020;

– ricorrenti –

contro

F.P., FRANCO LUIGI, elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

MICHELE MERCATI 51, presso lo studio dell’avvocato Antonio

Briguglio, che li rappresenta e difende unitamente agli avvocati

Valeria Rossini, Paola Franco;

– controricorrenti –

RICORSO SUCCESSIVO

V.V., T.L., T.M.R., nella

qualità di eredi di V.R. e V.E.,

elettivamente domiciliati in Roma, Via Bormida 4, presso lo studio

dell’avvocato Francesco Amici, che li rappresenta e

difende;

– ricorrenti successivi –

avverso la sentenza n. 269/2020 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 15/01/2020;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22/10/2020 dal Presidente Dott. LOMBARDO LUIGI GIOVANNI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

il Relatore designato, sulla base della segnalazione della cancelleria, ha avanzato la seguente proposta ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.;

“Improcedibilità del ricorso per omesso deposito dello stesso nel termine stabilito dall’art. 369 c.p.c. (giorni venti dall’ultima notificazione alle parti contro le quali è proposto, dovendosi aver riguardo alla data di perfezionamento della notifica: Cass., Sez. Un., n. 458 del 13/01/2005), trattandosi di sanzione processuale rilevabile d’ufficio e non esclusa dalla costituzione del resistente (Cass., Sez. 2, n. 22092 del 04/09/2019; Cass., Sez. 6 – 2, n. 25453 del 26/10/2017; Cass., Sez. 6 – 3, n. 12894 del 24/05/2013)”.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– il Collegio, riesaminata la questione della tardività del deposito dei ricorso anche alle luce delle deduzioni contenute nella memoria dei ricorrenti, ritiene che il deposito del ricorso sia intervenuto tempestivamente, considerata la sospensione dei termini processuali disposta, in ragione della epidemia da Covid 19, dal D.L. n. 18 del 2020, art. 83, comma 2, poi prorogata dal D.L. n. 23 del 2020;

– le questioni sottoposte col ricorso mancano di evidenza decisoria.

P.Q.M.

rimette la causa alla pubblica udienza della Sezione Seconda.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta-2 Sezione Civile, il 22 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 11 dicembre 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA