Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28255 del 15/10/2021

Cassazione civile sez. trib., 15/10/2021, (ud. 20/05/2021, dep. 15/10/2021), n.28255

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. BALSAMO Milena – Consigliere –

Dott. FILOCAMO Fulvio – Consigliere –

Dott. BOTTA Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 20686/2018 R.G. proposto da:

Agenzia delle Entrate Riscossione, in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi 12,

presso l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e

difende per legge;

– ricorrente –

Contro

T.G.;

– intimato –

avverso la sentenza della Commissione Regionale della Lombardia

(Milano), Sez. 9, n. 5652/09/17, del 5 dicembre 2017, depositata il

28 dicembre 2017, non notificata.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 20 maggio

2021 dal Consigliere Raffaele Botta.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Preso atto che il P.G. non ha depositato conclusioni scritte e che le parti non hanno depositato memorie.

1. La controversia concerne l’impugnazione, con distinti ricorsi, di due comunicazioni di iscrizione ipotecaria cui il contribuente opponeva in un caso la mancata preventiva notifica dell’intimazione ad adempiere, e nell’altro caso l’inesistenza della notifica perché effettuata da soggetti non autorizzati; e la violazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77 per la precedente trascrizione sugli stessi bene di fondo patrimoniale e perché tali beni costituivano l’abitazione principale, e nell’altro caso; lamentava altresì l’eccesso di cautela essendo già stata eseguita la procedura di iscrizione di beni mobili registrati e l’illegittimità dei compensi di riscossione;

2. I ricorsi riuniti erano rigettati in primo grado, ma l’appello era accolto parzialmente in ragione della ritenuta omessa notifica della comunicazione preventiva D.P.R. n. 602 del 1973, ex art. 77, comma 2 bis. Avverso la sentenza d’appello l’amministrazione propone ricorso per cassazione con due motivi. Il contribuente non si è costituito;

3. Con il primo motivo la sentenza impugnata è censurata, per violazione dell’art. 112 c.p.c., per extra petizione in quanto il contribuente non ha sollevato né nel ricorso originario, né nell’atto d’appello, i cui contenuti essenziali sono specificamente riportati nel ricorso, alcuna eccezione di violazione del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77, comma 2-bis;

4. Il motivo è fondato. Risulta per tabulas da quanto del ricorso originario e dell’atto d’appello riprodotto nel ricorso per cassazione che il contribuente non aveva eccepito la mancata comunicazione preventiva prevista dal D.P.R. n. 602 del 1973, art. 77, comma 2 bis. Resta assorbito il secondo motivo con il quale la stesa censura viene proposta in ordine alla violazione dell’art. 115 c.p.c.;

5. Pertanto il ricorso deve essere accolto, la sentenza impugnata deve essere cassata con rinvio della causa alla CTR Lombardia in diversa, che provvederà anche sulle spese relative alla presente fase del giudizio.

P.Q.M.

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, il 20 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 15 ottobre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA