Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28192 del 14/10/2021

Cassazione civile sez. I, 14/10/2021, (ud. 06/07/2021, dep. 14/10/2021), n.28192

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Presidente –

Dott. CAIAZZO Rosario – rel. Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

Dott. AMATORE Roberto – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 23141/2020 proposto da:

H.T., elettivamente domiciliato presso gli avv.ti Tiziana

Aresi, e Massimo Carlo Seregni, dai quali è rappres. e difeso, con

procura speciale in atti;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro p.t., elett.te domic.

presso l’Avvocatura Generale dello Stato che lo rappres. e difende;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di MILANO, depositato il 16/04/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

06/07/2021 dal Cons. rel. Dott. CAIAZZO ROSARIO.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

H.T., cittadino della Nigeria, propose opposizione avverso il provvedimento della Commissione territoriale di diniego della domanda di protezione internazionale che il Tribunale di Milano ha respinto con decreto depositato il 16.4.2020, osservando che: non sussistevano i presupposti della protezione internazionale in quanto, a prescindere dalla credibilità del ricorrente, i fatti descritti non erano riconducibili alla fattispecie legale di persecuzione; non ricorreva per il ricorrente alcun rischio di subire un danno, trattamento inumano o degradante, in caso di rimpatrio; non sussisteva, nella regione di provenienza del ricorrente e in quella generale della Nigeria una situazione di violenza indiscriminata derivante da conflitto armato, come desumibile dalle fonti esaminate; non ricorrevano i presupposti della protezione umanitaria in quanto il Tribunale ha escluso ogni indice di vulnerabilità, poiché le attività di volontariato e di lavoro subordinato non erano elementi sufficienti per dimostrare l’integrazione sociale del ricorrente.

H.T. ricorre in cassazione con due motivi.

Il Ministero si è costituito al fine di partecipare all’eventuale udienza di discussione.

Diritto

RITENUTO

Che:

Il primo motivo denunzia violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 8, non avendo il Tribunale esaminato le vicende vissute dal ricorrente nei paesi di transito, sebbene siano note le problematiche in materia di violazione dei diritti umani sofferte dai richiedenti asilo, anche nei centri di detenzione in Libia, durante i loro viaggi verso l’Italia.

Il secondo motivo denunzia violazione del D.Lgs. n. 251 del 2007, artt. 3,5 e 14, lamentando che il Tribunale non avesse ritenuto credibili le dichiarazioni del ricorrente in ordine alla vicenda dell’uccisione del padre per motivi politici e ai timori di persecuzioni, omettendo ogni esame dell’attuale situazione sociale della Nigeria, dalla quale era invece desumibile il pericolo di un danno alla persona determinato dalla violenza indiscriminata derivante da conflitto armato, senza altresì tener conto che il ricorrente parli la lingua italiana.

Il primo motivo è inammissibile in quanto introduce una questione nuova, non oggetto dell’impugnazione innanzi al Tribunale, relativamente al transito in Libia (questione non trattata nel decreto impugnato); inoltre, va soggiunto che il ricorrente si è limitato ad una generica doglianza circa l’asserita esperienza in Libia, non allegando fatti specifici legittimanti i presupposti della protezione internazionale o sussidiaria.

Il secondo motivo è parimenti inammissibile in quanto genericamente diretto al riesame dei fatti inerenti ai presupposti della protezione umanitaria, avendo il Tribunale rilevato l’insussistenza di indici d’integrazione sociale o di vulnerabilità.

Nulla per le spese, in quanto il Ministero non ha depositato il controricorso.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, ove dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 6 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 ottobre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA