Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28170 del 05/11/2018

Cassazione civile sez. VI, 05/11/2018, (ud. 10/10/2018, dep. 05/11/2018), n.28170

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – rel. Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 15312/2018 proposto da:

B.A., B.C., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

GIUNIO BAZZONI 3, presso lo studio dell’avvocato PAOLO ACCARDO, che

li rappresenta e difende unitamente all’avvocato ALESSIO TUCCINI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

avverso la sentenza n. 8250/2018 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 04/04/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 10/10/2018 dal Presidente Relatore Dott. MARCELLO

IACOBELLIS.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rilevato che B.A. e C. hanno proposto ricorso per la correzione dell’errore materiale contenuto nella sentenza di questa Corte n. 8250/18 laddove, alla pagina 4 risultano omesse parti della motivazione;

rilevata la fondatezza dell’istanza alla luce della minuta in atti; letto l’art. 391 bis c.p.c.;

ritenuto di dover pertanto procedere alla correzione richiesta.

P.Q.M.

la Corte accoglie il ricorso e dispone la correzione della sentenza in questione nel senso che, alla pagina 4, all’espressione: “principio di uniformità di altri giudicati”; vada anteposta l’espressione”.

La CTR, infatti, valorizzando, peraltro, un generico riferimento all’approccio metodologico tenuto dall’Ufficio e al rispetto del….”.

Così deciso in Roma, il 10 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA