Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28157 del 05/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 05/11/2018, (ud. 19/07/2018, dep. 05/11/2018), n.28157

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NOBILE Vittorio – Presidente –

Dott. CURCIO Laura – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – rel. Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20460-2016 proposto da:

AVIAPARTNER HANDLING S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE GIULIO CESARE

21/23, presso lo studio degli avvocati CARLO BOURSIER NIUTTA e

ANTONIO ARMENTANO, che la rappresentano e difendono giusta delega in

atti;

– ricorrente –

contro

R.P., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PIETRO

FERRIGNI N.30/A, presso lo studio dell’avvocato GIULIA POZZESSERE,

rappresentata e difeso dall’avvocato LUIGI ANDOLFO, giusta delega in

atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 189/2016 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 10/03/2016 r.g.n. 561/2014.

Fatto

RILEVATO

che con sentenza in data 10 marzo 2016, la Corte d’appello di Milano dichiarava la nullità del termine apposto al contratto stipulato il 1 novembre 2012 tra R.P. e Aviapartner Handling s.p.a., ai sensi del D.Lgs. n. 368 del 2001, art. 2,comma 1 bis e accertava l’esistenza di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato tra le parti da tale data: così parzialmente riformando la sentenza di primo grado (confermata nel resto), che, rigettate le eccezioni di decadenza ai sensi della L. n. 183 del 2010, art. 32 e di novazione, aveva dichiarato la nullità del termine apposto al contratto stipulato tra le parti il 25 maggio 2011, accertato la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato tra le stesse dal 1 giugno 2011 e condannato la società datrice al pagamento, in favore della lavoratrice, di un’indennità risarcitoria pari a tre mensilità di retribuzione;

che avverso tale sentenza la società datrice ricorreva per cassazione con unica motivo, cui resisteva la lavoratrice con controricorso;

che la società, in esito al verbale di conciliazione sindacale 13 luglio 2018, rinunciava al ricorso a spese compensate tra le parti (come da verbale) e che notificava la rinuncia alla lavoratrice controricorrente;

che pertanto deve essere dichiarata l’estinzione del processo, senza alcun provvedimento sulle spese, regolate tra le parti.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 19 luglio 2018.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA