Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28141 del 05/11/2018

Cassazione civile sez. lav., 05/11/2018, (ud. 06/06/2018, dep. 05/11/2018), n.28141

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ANTONIO Enrica – Presidente –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. MANCINO Roberto – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1725/2013 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, C.F.

(OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso

l’Avvocatura Centrale dell’Istituto rappresentato e difeso

dall’Avvocato ANTONINO SGROI, che lo rappresenta e difende

unitamente agli avvocati LELIO MARITATO, CARLA D’ALOISIO, giusta

delega in atti;

– ricorrente –

e contro

S.G.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 7432/2011 della CORTE D’APPELLO di BARI,

depositata il 05/01/2012, R.G.N. 3472/2009.

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza n. 7432 del 2011, la Corte d’appello di Bari ha confermato la sentenza del Tribunale di Foggia di accoglimento della domanda proposta da S.G. nei confronti dell’I.N.P.S. tesa all’ accertamento dell’effettiva sussistenza del rapporto di lavoro agricolo intercorso nell’anno 2001 per 10 giornate con l’azienda G.C. ed alla condanna dell’INPS alla nuova iscrizione della medesima ricorrente negli elenchi anagrafici nominativi degli operai a tempo determinato del comune di residenza, posto che l’INPS aveva disconosciuto con racc.ta del 16.11.2005 la sussistenza del rapporto ed aveva cancellato la relativa iscrizione;

la Corte territoriale, riconosciuto il diritto dell’interessata ad ottenere l’iscrizione negli elenchi anagrafici e la natura di accertamento costitutivo a contenuto interamente vincolato dell’azione amministrativa allo stesso sottesa, ha affermato che la cancellazione d’ufficio travolge l’accertamento relativo ai requisiti di legge per l’iscrizione e la cancellazione stessa assume carattere negativo e vincolato con la conseguenza che, in caso di contestazione giudiziale, il giudice ordinario giudica sul rapporto e sull’esistenza degli elementi costitutivi del diritto per cui l’eventuale illegittimità dell’atto si traduce incidentalmente nella disapplicazione del medesimo; il lavoratore ha l’onere di provare i fatti che costituiscono il fondamento della propria domanda di accertamento ma detto onere si atteggia in modo peculiare nei giudizi di cancellazione o mancata iscrizione conseguenti ad accertamenti ispettivi presso il datore di lavoro in ragione del titolo rappresentato dalla pregressa iscrizione che può essere annullato solo con l’uso legittimo dell’azione amministrativa di disconoscimento;

quindi, in tali fattispecie, è l’INPS onerato di provare il carattere simulato o fittizio del rapporto già riconosciuto nelle forme di legge, mentre il lavoratore ha solo l’onere di confutare tali conclusioni, trattandosi di esercizio del potere di autotutela da parte dell’INPS, derivato dall’azione di controllo sulle denunce dei privati che si giustifica con la necessità di rimediare ad eventuali errori o incompletezze e che deve intervenire in tempi ragionevoli L. n. 241 del 1990, ex art. 21. Nella concreta fattispecie, l’INPS non ha assolto al proprio onere della prova giacchè si è limitato ad una generica contestazione in ordine alla sussistenza del rapporto di lavoro, non essendo all’uopo sufficiente la circostanza che l’effettiva esigenza di giornate di lavoro relativa alla ditta G.C. fosse inferiore a quella denunciata,

per la cassazione della sentenza l’INPS ha proposto ricorso, affidato a due motivi; S.G. è rimasta intimata.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il primo motivo di ricorso deduce violazione e o falsa applicazione del R.D. 24 settembre 1940, n. 1949, art. 12,D.Lgs. n. 59 del 1948, art. 4,D.L. 1 ottobre 1996, n. 510, art. 9 quinquies, conv. con modif. in L. n. 608 del 1996, dell’art. 2697 c.c. e vizio di motivazione;

il ricorrente deduce l’erroneità della sentenza laddove ha attribuito all’INPS l’onere di provare la fondatezza del proprio operato e cioè della cancellazione dalle liste anagrafiche del lavoratore agricolo, seppure a seguito di accertamento ispettivo relativo alla posizione del datore di lavoro di cui la sentenza ha riconosciuto la peculiare forza probatoria;

con il secondo motivo si deduce violazione e falsa applicazione del R.D. 24 settembre 1940, n. 1949, art. 12,D.Lgs. 23 gennaio 1948, n. 59, art. 4,D.L. n. 510 del 1996, art. 9 quinquies, convertito con modif. in L. n. 608 del 1996, dell’art. 2697 c.c. e vizio di motivazione. Il ricorrente deduce che, una volta posta correttamente la regola del riparto dell’onere probatorio, il lavoratore avrebbe dovuto provare l’esistenza, la durata, la natura onerosa e la subordinazione del rapporto di lavoro agricolo e ciò non è accaduto ed in più è stata omessa la valutazione dei contenuti del verbale ispettivo che il ricorrente riproduce; il ricorso è fondato;

i due motivi, strettamente connessi, vanno trattati congiuntamente perchè la loro disamina presuppone la definizione del sistema delle tutele giudiziarie derivanti dall’atto di cancellazione dagli elenchi dei lavoratori agricoli adottato dall’Inps a seguito dei controlli ispettivi espletati per accertare l’effettiva sussistenza dei rapporti di lavoro che fungono da presupposto per l’iscrizione del lavoratore agricolo nei relativi elenchi;

si contrappongono, in sostanza, la pretesa dell’iscritto nell’elenco dei lavoratori agricoli a rimanere tale, e l’obbligo dell’Istituto di imporre il rispetto della regola della effettività dell’attività connessa all’iscrizione assicurativa; si tratta di posizioni giuridiche non legate ad alcun interesse legittimo nè ad alcuna discrezionalità amministrativa, giacchè all’espletamento dell’attività agricola subordinata corrisponde il diritto all’iscrizione, senza alcuna ulteriore valutazione discrezionale da parte dell’amministrazione, per cui è evidente l’erroneità della scelta interpretativa, operata dalla sentenza impugnata, di inquadrare la fattispecie nell’ipotesi della disapplicazione dell’atto amministrativo illegittimo ai sensi della L. n. 2284 del 1865, art. 5, all.to E, ponendo a base della disamina la disciplina dell’annullamento in autotutela ed in genere della L. n. 240 del 1991, che riguardano l’attività amministrativa in senso stretto;

questa Corte di cassazione, in particolare, ha affermato ripetutamente il principio secondo il quale l’iscrizione di un lavoratore nell’elenco dei lavoratori agricoli svolge una mera funzione ricognitiva della relativa situazione soggettiva e di agevolazione probatoria, che viene meno qualora l’I.N.P.S., a seguito di un controllo, disconosca l’esistenza del rapporto di lavoro, esercitando una propria facoltà (che trova conferma nel D.Lgs. n. 375 del 1993, art. 9) con la conseguenza che, in tal caso, il lavoratore ha l’onere di provare l’esistenza, la durata e la natura onerosa del rapporto dedotto a fondamento del diritto all’iscrizione e di ogni altro diritto consequenziale di carattere previdenziale fatto valere in giudizio” (cfr. Cass. 10096 del 2016, nonchè anche Cass. nn. 27144, 27145 del 19 dicembre 2014; Cass. 26949 del 19 dicembre 2014; Cass. n. 25833 del 5 dicembre 2014; Cass., n. 23340 del 3 novembre 2014);

ha trovato, quindi, conferma quanto già affermato dalle Sezioni unite di questa Corte n. 1133 del 26 ottobre 2000 e nn.1186, 1187 e 1188 del 17 novembre 2000 secondo cui “il rapporto giuridico assicurativo nei confronti dell’ente previdenziale sorge come diretta conseguenza di un’attività di lavoro, subordinata o autonoma svolta da un determinato soggetto: l’attività lavorativa, quindi, costituisce il presupposto (o l’elemento) essenziale per la nascita del rapporto”; tuttavia in taluni casi la legge prevede, per la nascita del rapporto, la presenza di ulteriori presupposti;

così per il lavoro in agricoltura lo svolgimento di un minimo di giornate lavorative nell’anno deve essere certificato dall’iscrizione negli elenchi nominativi di cui al R.D. 24 settembre 1940, n. 1949, che ha stabilito la compilazione per ogni comune di elenchi nominativi dei lavoratori subordinati dell’agricoltura, distinti per qualifiche, con il relativo compito di accertamento affidato dapprima a commissioni comunali, quindi attribuito agli Uffici provinciali SCAU (Servizio per i contributi agricoli unificati);

la disciplina è stata successivamente modificata dal D.L. n. 7 del 1970, convertito, con modificazioni, nella L. n. 83 del 1970, che, tra l’altro, ha affidato la compilazione di detti elenchi a commissioni locali della mano d’opera agricola, appositamente costituite presso gli uffici locali di collocamento, poi sostituite da altri organi per effetto delle successive disposizioni che hanno apportato ulteriori modifiche al sistema di accertamento e riscossione dei contributi in agricoltura;

nella materia è, quindi, intervenuto il D.Lgs. n. 375 del 1993 (che ha, in particolare, riformato il sistema dei ricorsi amministrativi). Allo SCAU (soppresso dalla L. n. 724 del 1994, art. 19) è, poi, subentrato l’I.N.P.S. (D.L. 1 ottobre 1996, n. 510, art. 9 sexies, conv. con modif. nella L. n. 608 del 1996);

richiamando le suddette pronunce a Sezioni unite, va tenuta presente la regola generale posta dall’art. 2697 c.c., comma 1, secondo cui l’onere della prova del fatto costitutivo del diritto grava su colui che agisce in giudizio per far valere una determinata pretesa nei confronti della controparte;

pertanto, il lavoratore che domandi l’erogazione della prestazione previdenziale deve dimostrare di avere esercitato un’attività di lavoro subordinato per un numero minimo di giornate nell’anno di riferimento e la prova deve essere sempre fornita mediante il documento che dimostra l’iscrizione negli elenchi nominativi (senza che, com’è ovvio, possa essere impedito alla parte di dedurre ulteriori mezzi per fondare il convincimento del giudice), essendo tuttavia sempre possibile che la prestazione previdenziale venga chiesta in giudizio anche in assenza di iscrizione negli elenchi nominativi (in tal caso il ricorrente, sul quale grava ogni onere probatorio, potrà chiedere contestualmente la declaratoria giudiziale del suo diritto a tale iscrizione ovvero chiedere che il relativo accertamento avvenga incidentalmente, al solo fine della pronuncia sulla prestazione previdenziale per cui agisce);

se poi è vero che l’iscrizione negli elenchi ha la funzione di rendere certa la qualità di lavoratore agricolo, conferendole efficacia nei confronti dei terzi, la stessa non integra una prova legale – salvo che per quanto concerne la provenienza del documento stesso e i fatti che il pubblico ufficiale attesta essere avvenuti in sua presenza o essere stati da lui compiuti – costituendo, alla stregua di qualsiasi altra attestazione proveniente dalla pubblica amministrazione, una risultanza processuale che deve essere liberamente valutata dal giudice;

ne deriva che, quando contesti l’esistenza dell’attività lavorativa o del vincolo della subordinazione, l’ente previdenziale ha l’onere di fornire la relativa prova, cui l’interessato può replicare mediante offerta, a sua volta, di altri mezzi di prova; con l’ulteriore conseguenza che, se la prova (contraria) viene data mediante la produzione in giudizio di verbali ispettivi – i quali, a loro volta, essendo attestazioni di fatti provenienti da organi della pubblica amministrazione, sono soggetti al medesimo regime probatorio sopra illustrato per l’iscrizione negli elenchi (cfr. Cass. Sez. un. 3 febbraio 1996, n. 916 e numerose successive conformi) – l’esistenza della complessa fattispecie deve essere accertata mediante la comparazione e il prudente apprezzamento di tutti i contrapposti elementi acquisiti alla causa;

nel caso in esame, tenuto conto di tutte le considerazioni svolte, deve essere negativamente valutata la decisione impugnata in quanto ha operato la ricostruzione sistematica della concreta fattispecie, che è relativa a diritti soggettivi totalmente devoluti alla cognizione del giudice ordinario della previdenza, applicando i principi relativi al sindacato del giudice ordinario nei confronti dell’attività amministrativa ed, inoltre, in quanto ha affermato che l’iscrizione negli elenchi nominativi considerata (pag. 6), sia come piena prova della effettività del rapporto di lavoro che (pag. 7) come asserzione precisa e puntuale del lavoratore, mantenga in sostanza una presunzione di legittimità che non può essere superata dall’ente previdenziale attraverso gli esiti ispettivi contenuti in un verbale di accertamento della irregolarità della conduzione aziendale dell’asserito datore di lavoro in quanto soggetto diverso dal lavoratore;

ciò è errato giacchè, come questa Corte ha ripetutamente affermato nei precedenti sopra ricordati, da parte dell’Inps può essere offerta la prova contraria dell’esistenza del rapporto di lavoro risultante dagli elenchi anche mediante la produzione, come nel caso di specie (allegato pure in questa sede di legittimità a garanzia di sufficiente specificità del motivo di ricorso), del verbale del 27 giugno 2005 redatto da propri ispettori dal quale l’Istituto trae elementi concreti a sostegno della denuncia del carattere simulato del rapporto di lavoro agricolo, derivanti: dalla circostanza che il presunto datore di lavoro non aveva avuto la disponibilità dei terreni ove esercitare l’attività di lavoro agricolo, lo stesso non risultava imprenditore agricolo ma coltivatore all’interno di un nucleo familiare diretto dal proprio genitore che aveva denunciato ulteriori rapporti di lavoro sui medesimi fondi oggetto anche dell’attività familiare;

a fronte di tale concreta ed articolata situazione processuale, la sentenza impugnata non ha proceduto al confronto delle fonti di prova concretamente richieste ed offerte dalle parti ma ha mantenuto il giudizio su basi di mero confronto tra astratte presunzioni, privilegiando immotivatamente quella a favore del lavoratore;

il ricorso deve essere, quindi, accolto e la sentenza impugnata deve essere cassata in relazione alle censure accolte, con rinvio della causa ad un altro giudice, che si designa nella Corte di appello di Bari in diversa composizione e che, nella concreta valutazione del materiale istruttorio ritualmente acquisito, dovrà uniformarsi al seguente principio di diritto: “L’iscrizione di un lavoratore nell’elenco dei lavoratori agricoli svolge una funzione di agevolazione probatoria che viene meno qualora l’INPS, a seguito di un controllo, disconosca l’esistenza del rapporto di lavoro, esercitando una propria facoltà (che trova conferma nel D.Lgs. n. 375 del 1993, art. 9) con la conseguenza che, in tal caso, il lavoratore ha l’onere di provare l’esistenza, la durata e la natura onerosa del rapporto dedotto a fondamento del diritto all’iscrizione e di ogni altro diritto consequenziale di carattere previdenziale fatto valere in giudizio”;

– il giudice di rinvio dovrà provvedere anche sulle spese della presente fase del giudizio.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Bari in diversa composizione che regolerà anche le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 6 giugno 2018.

Depositato in Cancelleria il 5 novembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA