Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28098 del 14/10/2021

Cassazione civile sez. VI, 14/10/2021, (ud. 18/05/2021, dep. 14/10/2021), n.28098

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRAZIOSI Chiara – Presidente –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. PELLECCHIA Antonella – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – rel. Consigliere –

Dott. GUIZZI Stefano Giaime – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28762-2019 proposto da:

T.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ACQUA DONZELA

N. 27, presso lo studio dell’avvocato SALVINO GRECO, che la

rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

INTESA SAN PAOLO SPA, in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DI VILLA GRAZIOLI

15, presso lo studio dell’avvocato BENEDETTO GARGANI, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1519/2019 del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositata

l’01/07/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 18/05/2021 dal Consigliere Relatore Dott. PAOLO

PORRECA.

 

Fatto

CONSIDERATO

che:

Intesa San Paolo, s.p.a., si opponeva al precetto intimatole da T.G. sulla base di assegno circolare di cui era stato indicato il rifiuto di pagamento;

l’opponente deduceva la nullità del precetto per attestazione di conformità del titolo da parte di soggetto incompetente, la mancata documentazione del rifiuto di pagamento, la conformità del rifiuto, qualora avvenuto, alla normativa antiriciclaggio;

l’opposta controdeduceva l’inammissibilità dell’opposizione agli atti esecutivi per incompetenza funzionale del Giudice di Pace, l’inesistenza di un obbligo di trascrizione del titolo o certificazione da parte dell’Ufficiale giudiziario, e l’infondatezza del riferimento alla normativa antiriciclaggio;

il Giudice di pace dichiarava cessata la materia del contendere con compensazione delle spese di lite, osservando che, dopo un primo dissequestro del titolo allegato dalla parte opposta come anteriore alla notificazione del precetto, l’assegno, nelle more del giudizio, era stato sottoposto a sequestro penale, con conseguente impossibilità di circolazione del titolo;

il Tribunale rigettava l’appello proposto da T.G. osservando che il sopravvenuto sequestro aveva privato d’interesse l’opponente ad ottenere una pronuncia sulla illegittimità del precetto, e che non era stata specificatamente censurata la compensazione delle spese in ragione della differente applicazione del criterio della soccombenza virtuale;

avverso questa decisione ricorre per cassazione T.G. sulla base di tre motivi, avversato dal controricorso di Intesa San Paolo, s.p.a..

Diritto

RITENUTO

che:

con il primo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli artt. 100,112,115 e 116 c.p.c., dell’art. 360 c.p.c., n. 5, poiché il Tribunale avrebbe errato mancando di constatare la stessa opponente, nell’atto di appello, aveva dato atto del dissequestro del titolo prima della notifica del precetto, e della sua negoziabilità sia pure presso altro intermediario;

con il secondo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli artt. 100,112,115,116 e 91 c.p.c., dell’art. 360 c.p.c., n. 5, del D.Lgs. n. 159 del 2011, art. 55, poiché il Tribunale avrebbe errato mancando di considerare che, per l’ipotesi di successivo sequestro del titolo, i procedimenti esecutivi pendenti e del pari le correlative opposizioni avrebbero dovuto sospendersi, fermo restando che il giudice avrebbe dovuto provvedere d’ufficio a regolare le spese secondo il criterio della soccombenza virtuale;

con il terzo motivo si prospetta la violazione e falsa applicazione degli artt. 100,112 e 115 c.p.c., dell’art. 360 c.p.c., n. 5, poiché il Tribunale avrebbe errato mancando di considerare che le parti avevano insistito nelle proprie richieste sicché non era giustificabile una dichiarazione di cessazione della materia del contendere;

Vista la proposta formulata del relatore ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.;

Rilevato che:

i motivi di ricorso, da esaminare congiuntamente per connessione, sono in parte inammissibili, in parte infondati, per ragioni di pronta soluzione;

innanzi tutto le prime due censure per un verso non si misurano con la “ratio decidendi”, per altro verso pongono urla questione nuova;

sotto il primo profilo, come conferma la stessa parte ricorrente (a pag. 2 del ricorso), i giudici di merito hanno avuto riguardo al sequestro sopravvenuto, nelle more del giudizio (pag. 4 della sentenza di appello), al primo, indicato come revocato, quest’ultimo, prima della notificazione del precetto;

sotto il secondo profilo, volto ad affrontare, questo sì, il tema del sequestro sopravvenuto, non si dimostra di aver posto la questione dell’applicabilità del D.Lgs. n. 159 del 2011, art. 55, nelle fasi di merito, sicché la stessa non è proponibile, per la prima volta, nel giudizio impugnatorio a critica vincolata di legittimità;

quanto al resto, il Tribunale ha avallato la dichiarazione di sopravvenuto difetto d’interesse in ragione del sopra richiamato secondo sequestro, anche se impropriamente definita nei termini di cessazione della materia del contendere, osservando che sulle spese il giudice di prime cure si era pronunciato compensandole, senza che vi fosse stata censura specifica sulla compensazione, sicché è infondata anche la deduzione di mancata regolazione officiosa delle stesse: le spese sono state regolate e la compensazione di prime cure non è stata oggetto di appello – grado definito con rigetto e spese secondo soccombenza – con giudicato interno sul punto (cfr. Cass., 03/07/2020, n. 14916: il potere del giudice d’appello di procedere d’ufficio a un nuovo regolamento delle spese processuali, quale conseguenza della pronunzia di merito adottata, sussiste in caso di riforma in tutto o in parte della sentenza impugnata, poiché gli oneri della lite devono essere ripartiti in ragione del suo esito complessivo, mentre in caso di conferma della sentenza impugnata, la decisione sulle spese può essere modificata dal giudice del gravame soltanto se il relativo capo della sentenza abbia costituito oggetto di specifico motivo d’impugnazione);

spese di questo giudizio di legittimità secondo soccombenza, liquidate come da disposto.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente alla rifusione delle spese processuali di parte controricorrente liquidate in Euro 1.100,00, oltre a 200,00 Euro per esborsi, oltre il 15 per cento di spese forfettarie, oltre accessori legali se dovuti.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, la Corte dà atto che il tenore del dispositivo è tale da giustificare il pagamento, se dovuto e nella misura dovuta, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso.

Così deciso in Roma, il 18 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 ottobre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA