Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28064 del 16/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 28064 Anno 2013
Presidente: CICALA MARIO
Relatore: DI BLASI ANTONINO

ORDINANZA

INTERLOCUTORIA

sul ricorso proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE,

in persona del

legale

rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa
dall’Avvocatura Generale dello Stato, nei cui Uffici,in
Roma,

Via

dei

Portoghesi,

12

è

domiciliata,

RICORRENTE
CONTRO
PISACANE ALDO,

PISACANE ANTONIO, PISACANE LUIGI,

PISACANE MARIA CATERINA, tutti quali eredi di TARANTINO
LIVIO ANNA domiciliati in Lecce,

INTIMATI

AVVERSO
la sentenza n.996/2010 della Commissione Tributaria
Centrale Sezione di Bari – Collegio n. 04, in data
22.03.2010, depositata il 14 giugno 2010;
Udita la relazione della causa svolta nella Camera di
1

Data pubblicazione: 16/12/2013

Omesso pagamento
Forza maggiore
configurabilità.
RINVIA P.U.

Consiglio del 13 novembre 2013, dal Relatore Dott.
Antonino Di Blasi;
Presente il P.M. dott. Umberto Apice.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO e MOTIVI DELLA DECISIONE

depositata in cancelleria la seguente relazione:
l

E’

chiesta

n.996/04/2010,
Collegio

n.04,

la

cassazione della

pronunziata dalla C.T.C.
il

22.03.2010

e

sentenza
di

Bari,

DEPOSITATA

il

14.06.2010.
Con tale decisione, la C.T.C. ha respinto l’appello
dell’Ufficio II.DD. di Lecce e confermato le decisioni
di primo e secondo grado, ritenendo e dichiarando non
dovute solo le componenti accessorie e cioè sopratasse
ed interessi, relativamente ad IRPEF ed ILOR, tenuto
conto che il ritardo nel pagamento delle imposte, era
avvenuto per causa di forza maggiore e, quindi, per
fatto e colpa non riconducibile a parte contribuente.
2 – Il ricorso dell’Agenzia, che riguarda impugnazione
di cartella esattoriale, relativa ad IRPEF ed ILOR ed
accessori dell’anno 1988, è affidato ad un mezzo, con
il quale la decisione viene censurata per violazione e
falsa applicazione degli artt. 75 comma 1 0 del TUIR, 92
comma 10 del dpr n.602/1973 e 5 del D.Lgs n.472/1997,
sostenendosi che l’obbligo fiscale deriva dal disposto
2

Nel ricorso iscritto a R.G. n.21977/2011 è stata

di legge e non resta alterato dalle condizioni
oggettive e soggettive del contribuente.
3

Gli

intimati,

quali

eredi

dell’originaria

contribuente, non hanno svolto difese in questa sede.

fatto che nelle more del giudizio è deceduta
l’originaria contribuente e che il ricorso in esame è
stato riassunto nei confronti dei relativi eredi, va
esaminata e definita alla stregua del quadro normativo
di riferimento e del principio secondo cui “La regola
della intrasmissibilita’ delle sanzioni
amministrative agli

eredi,

fissata dall’art. 8 del

d.lgs. 18 dicembre 1997 n. 472, che

costituisce un

principio di ordine generale e che rappresenta un
corollario

principio

del

responsabilita’ personale, specificamente

della
codificato

nell’art. 2 del medesimo d.lgs., e’ applicabile,
a norma del successivo articolo 25, ai giudizi in corso
alla data (1 ° aprile 1998) di entrata in vigore
della nuova normativa” ( Cass.n.18862/2005).
5 – Si propone la trattazione del ricorso in camera di
consiglio, ai sensi degli artt. 375 e 380 bis cpc, e la
definizione con il relativo rigetto, per manifesta
infondatezza.I1 Consigliere relatore Antonino Di Blasi.
La Corte,
3

4 – La questione posta dal ricorso, avuto riguardo al

Vista la relazione, il ricorso e gli altri atti di
causa;
Considerato che, avuto riguardo alle questioni dedotte,
il Collegio ritiene che non sussistano i presupposti

occorre rinviare la causa a nuovo ruolo, onde procedere
alla relativa trattazione in sede, in pubblica udienza;
Visti gli artt.375 e 380 bis cpc;
P.Q.M.
Dispone il rinvio della causa a nuovo per la relativa
trattazione in pubblica udienza.
Così deciso in Roma il 13 novembre 2013
Il Presidente

per la definizione in sede camerale e che, quindi,

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA