Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 28060 del 16/12/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Sent. Sez. 3 Num. 28060 Anno 2013
Presidente: FINOCCHIARO MARIO
Relatore: D’ALESSANDRO PAOLO

SENTENZA
sul ricorso 3477-2008 proposto da:
MARINUCCI

GIANNI

MRNGNN54L18S128W,

elettivamente

domiciliato in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 22, presso lo
studio dell’avvocato DI GENESIO PAGLIUCA GABRIELE, che
lo rappresenta e difende giusta delega in atti;
– ricorrente contro

2013
2091

BANCA ANTONIANA POPOLARE VENETA S.P.A. incorporante la

o 1..C39-1 GO 2-to
BANCA NAZIONALE DELL’AGRICOLTURA in persona di
SIMONETTO ALBERTA, elettivamente domiciliata in ROMA,
VIA

CARLO

MIRABELLO,

18,

1

presso

lo

studio

Data pubblicazione: 16/12/2013

dell’avvocato QUINTARELLI ALFONSO, che la rappresenta
e difende giusta delega in atti;
– controricorrente

avverso la sentenza n. 5584/2006 della CORTE D’APPELLO
di ROMA, depositata il 14/12/2006, R.G.N. 5584/2006;

udienza del 13/11/2013 dal Consigliere Dott. PAOLO
D’ALESSANDRO;
udito l’Avvocato GABRIELE DI GENESIO PAGLIUCA;
udito l’Avvocato CLAUDIO FEDERICO per delega;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore
Generale Dott. ROSARIO GIOVANNI RUSSO che ha concluso
per il rigetto del ricorso condanna alle spese;

2

udita la relazione della causa svolta nella pubblica

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Gianni Marinucci propone ricorso per cassazione, affidato a due
motivi, avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma che,
riformando la sentenza di primo grado del Tribunale di Roma, ha
mandato assolta la Banca Antoniana Popolare Veneta S.p.A.
(incorporante per fusione la Banca Nazionale dell’Agricoltura S.p.A.) dalle
domande attrici.

controricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE
1.- Con il primo motivo, sotto il profilo della violazione dì legge, il
ricorrente si duole della ritenuta mancanza di colpa della banca,
assumendo che «la colpa della Banca deve ritenersi

in re ipsa per

l’avvenuta apertura del conto corrente, per la erogazione di prestito
personale, e per la consegna di moduli di assegni, in favore di soggetto
sotto falso nome».
1.1.- Il mezzo è infondato. Se, infatti, il danno può ritenersi in re
ipsa, altrettanto non può dirsi per la colpa, e la Corte di Appello motiva
congruamente sul perché non possa dirsi che la Banca abbia operato con
leggerezza.
2.-

Con il secondo motivo il ricorrente deduce un vizio di

motivazione.
2.1.- Il secondo motivo è inammissibile, in difetto della chiara
indicazione del fatto controverso richiesta dall’art. 366-bis cod. proc. civ.,
nell’interpretazione che ne hanno dato le Sezioni Unite, applicabile alla
fattispecie trattandosi di ricorso avverso sentenza depositata il 14/12/06.
3.- Il ricorso va quindi rigettato, con la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese, liquidate in C 4.700, di cui C 4.500 per
compenso, oltre accessori di legge.

PQM
la Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese,
liquidate in C 4.700, di cui C 4.500 per compenso, oltre accessori di
legge.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Terza Sezione
civile, il 13 novembre 2013.
Il Consigliere estensore

b >o-

3

La Banca Antoniana Popolare Veneta S.p.A. resiste con

Il Presidente

CORTE SUPREMA D! CASSAZIONE
Si attesta la registrazione presso

DEPOSITATO IN CANCE

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA